Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Un suberato di Augusto.

Risposte migliori

gpittini

DE GREGE EPICURI

Mi è capitato per la prima volta un denario suberato di Augusto, e ve lo mostro. Pesa 3,0 g. e misura 19 mm.; al diritto l'Ag è in parte conservato, ed il ritratto ha un conio discreto, mentre al rov.della lamina di Ag resta molto poco, e il rame sottostante è abbastanza malritotto. C'è anche un forellino. Si tratta del più comune fra i denari del primo fra gli imperatori, quello con Gaio e Lucio cesari (CL CAESARES AUGUSTI F COS DESIG PRINC IUVENT). Al diritto invece la legenda è: CAESAR AUGUSTUS- DIVI F PATER PATRIAE, qui solo in parte visibile. E' quindi una falsificazione d'epoca della moneta C 43, RIC 207.

post-4948-0-91564400-1317668132_thumb.jp

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

massi75rn

ciao gianfranco,scusa per curiosita',il tondello sul dritto e' dovuto alla saggiatura del metallo o alla corrosione di esso?perche' mi sembra un po grande in dimensioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Quando un suberato veniva individuato come tale (di solito con una saggiatura, o semplicemente con l'osservazione del nummulario, se un po' di Ag si era staccato) veniva forato da parte a parte, per metterlo fuori uso; questo almeno ho letto da qualche parte. A volte venivano anche spezzati con lo scalpello. Credo che questo sia stato forato appunto a questo scopo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

ciao, vi posto il mio.....

post-11614-0-49806300-1317924770_thumb.j

post-11614-0-00015400-1317924785_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

DE GREGE EPICURI

Quando un suberato veniva individuato come tale (di solito con una saggiatura, o semplicemente con l'osservazione del nummulario, se un po' di Ag si era staccato) veniva forato da parte a parte, per metterlo fuori uso; questo almeno ho letto da qualche parte. A volte venivano anche spezzati con lo scalpello. Credo che questo sia stato forato appunto a questo scopo.

Concordo. Era prassi solita quella della foratura dei denari suberati e mirava a renderli inutilizzabili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×