Jump to content
IGNORED

Marche CVS


scacchi
 Share

Recommended Posts

salve

queste denari di ancona sono cosi numerosi che non saprei se questa variante esiste oppure si tratta di un effetto ottico

secondo me manca il punto prima della S

e mi pare un triangolino dopo la I

post-11993-0-64470200-1320138433_thumb.j

Edited by adolfos
Link to comment
Share on other sites


Ciao,

Per il R/ la vedo esattamente come te; per il D/ invece ci vedo un punto normale.

Come vediamo, ormai lo diciamo da tempo, con i denari di Ancona non si finisce mai di trovare qualche piccola variante, specie nelle legende.

Link to comment
Share on other sites


Scusate se intervengo su una monetazione di cui non sono esperta, ma a mio parere direi che al rovescio dopo la croce si vede un punto "schiacciato" al centro, come accade talvolta e riscontrato in molte altre serie monetali, e non un anellino con incisione voluta e netta. Al dritto le cose si vedono meno bene, ma almeno per il triangolo prima della I mi chiedo se non possa essere la gambetta della R, semplicemente spostata.

Ovviamente questo dalla foto postata e senza le certezze che una visione diretta potrebbe dare.

Un caro saluto ad entrambi e buone festività "di stagione" MB

Edited by monbalda
Link to comment
Share on other sites


Scusate se intervengo su una monetazione di cui non sono esperta, ma a mio parere direi che al rovescio dopo la croce si vede un punto "schiacciato" al centro, come accade talvolta e riscontrato in molte altre serie monetali, e non un anellino con incisione voluta e netta. Al dritto le cose si vedono meno bene, ma almeno per il triangolo prima della I mi chiedo se non possa essere la gambetta della R, semplicemente spostata.

Ovviamente questo dalla foto postata e senza le certezze che una visione diretta potrebbe dare.

Un caro saluto ad entrambi e buone festività "di stagione" MB

Ciao, al R/ anche io vedo un punto, anche se come segnalato possa essere leggermente "schiacciato".

L'altro aspetto, invece e parliamo del D/, non riguarda il punto triangolare dopo la lettera R dove giustamente rappresenta la gambetta della R appunto (tipico di questa monetazione).

Il punto triangolare cui fa riferimento l'amico scacchi è posizionato dopo la lettera "I" e prima della lettera "R".

Se si prova a far ruotare l'immagine di 90° a destra mi sembra si riesca a vedere meglio. Non ruotare l'immagine verso sinistra od oltre i 90° altrimenti la legenda si vede in incuso e non si riesce più e definire la cosa. A me, almeno, sembra proprio di vedere un punto triangolare e questa sarebbe la piccola variante, visto che di solito in quella posizione o non c'è nulla o c'è un punto.

Un caro saluto anche a te, ciao Miro.

Link to comment
Share on other sites


Scusate se intervengo su una monetazione di cui non sono esperta, ma a mio parere direi che al rovescio dopo la croce si vede un punto "schiacciato" al centro, come accade talvolta e riscontrato in molte altre serie monetali, e non un anellino con incisione voluta e netta. Al dritto le cose si vedono meno bene, ma almeno per il triangolo prima della I mi chiedo se non possa essere la gambetta della R, semplicemente spostata.

Ovviamente questo dalla foto postata e senza le certezze che una visione diretta potrebbe dare.

Un caro saluto ad entrambi e buone festività "di stagione" MB

Ciao, al R/ anche io vedo un punto, anche se come segnalato possa essere leggermente "schiacciato".

L'altro aspetto, invece e parliamo del D/, non riguarda il punto triangolare dopo la lettera R dove giustamente rappresenta la gambetta della R appunto (tipico di questa monetazione).

Il punto triangolare cui fa riferimento l'amico scacchi è posizionato dopo la lettera "I" e prima della lettera "R".

Se si prova a far ruotare l'immagine di 90° a destra mi sembra si riesca a vedere meglio. Non ruotare l'immagine verso sinistra od oltre i 90° altrimenti la legenda si vede in incuso e non si riesce più e definire la cosa. A me, almeno, sembra proprio di vedere un punto triangolare e questa sarebbe la piccola variante, visto che di solito in quella posizione o non c'è nulla o c'è un punto.

Un caro saluto anche a te, ciao Miro.

Ok, avevo guardato la I sbagliata (sorry) e per il punto non avevo capito ben la tua posizione. Ho guardato facendo come tu dici per il triangolo ed , almeno basandosi sulla foto, mi pare che siamo d'accordo, per quanto mi sembra strano un segno di quel tipo lì: pensate sia voluto ? ovvero nessuna possibilità di errore o di trapassamento di qualche segno dall'altra faccia ...?

un caro saluto MB

Edited by monbalda
Link to comment
Share on other sites


Non ci sono certezze, ma ci sono forti dubbi, che tra l'altro sarebbero confermati da altri collezionisti con cui ho parlato, che talune interpunzioni possano rappresentare il "segno" dello zecchiere. Non dimentichiamo che tali monete sono state coniate per molti decenni, ed è quindi probabile che i singoli zecchieri abbiano voluto lasciare un piccolo segno di riconoscimento. Rimane comunque quasi impossibile andare oltre a tali ipotesi, considerato il tempo trascorso, ma ancor più il fatto che della zecca di Ancona, a seguito delle invasioni barbariche e saracene per finire ai bombardamenti del 1943-44, tutti i documenti sono andati dispersi e le fonti cui poter attingere sono limitatissime.

Link to comment
Share on other sites


Salve Monica e bentornata,

il triangolino in quella posizione direi che sia voluto infatti, ho in collezione un paio di esemplari con quella caratteristica che non lasciano dubbi!

Per quel che riguarda il punto prima della S invecce direi che guardandola così sembra che in quella zona ci sia un pò di "movimento"...magari potrebbe essere una debolezza del conio o usura o, più semplicemente, mi sbaglio!!

buona giornata

Edited by lollone
Link to comment
Share on other sites


Sì , è molto probabile che possano essere segni di zecchieri, o che comunque marchino la differenza tra le varie emissioni (riferendosi indirettamente a chi ne era il responsabile), come avviene per la maggior parte dei denari dell'Italia centro-settentrionale a partire dalla fine del XII secolo in poi.

Ho poi riguardato nel catalogo on line la ricorrenza e la posizione delle interpunzioni per questi denari, e mi pare che un triangolo dopo quella I possa starci senza particolari problemi. Accenderei anche io per la variante a riguardo di questa interpunzione, allora, scusandomi dell'intrusione e della richiesta di chiarimenti.

Quanto al fatto che non esistano documenti, per Pisa ho avuto lo stesso problema, ed in parte si ripete per Genova ,dove i primi registri si conservano dal 1365 e soprattutto non danno indicazione per molto tempo ancora sul tipo di monete emesse.

Con un lavoro attento di catalogazione, come state facendo, e poi di seriazione (magari controllando le datazioni con rispostigli e ritrovamenti da scavo stratigrafico) però si può fare molto...davvero.

Per ciò buon lavoro ...:)!

Di nuovo un saluto MB

Link to comment
Share on other sites


scusandomi dell'intrusione e della richiesta di chiarimenti

Di nuovo un saluto MB

E perché scusarti? Anzi grazie di essere intervenuta in questa discussione che alla fine ha fatto emergere alcuni spunti che solitamente non vengono evidenziati, tipo quello del segno dello zecchiere.

Un cordiale saluto, Miro.

PS: uno di questi giorni devo ritrovare un paio di monetine di Lucca di cui non ne capisco niente, e magari anch'io chiederò chirimenti.

Edited by miroita
Link to comment
Share on other sites


Confermo la mia opinione: nulla tra la P e la S e punto triangolare tra la I e la P

In precedenza era stata individuata la variante con un punto triangolare dopo la I , ma presentava anche un punto triangolare dopo la A finale.

Questa per me è una nuova variante (inedita per CNI) "senza punto tra PP S , punto triangolare tra QVI R e punto alla fine dopo la A ".

Come al solito le tue immagini sono di grande supporto, Mirco.

Se è vera l'ipotesi che ogni zecchiere ha lasciato la sua traccia nelle legende delle monete di Ancona, sarà dura trovare tutti gli zecchieri visto il numero di varianti!

Link to comment
Share on other sites


questa dove la mettereste in catalogo?

E con grandi triangoli

N strane

+ bella spessa

Q con gamba lunga

Beh, questa la metterei qui

PS: Mirco, sapendo che cerco le varianti, tu non puoi presentarmi più di 2 nuove varianti al giorno! :beerchug:

Lo fai apposta! :lol:

Link to comment
Share on other sites


questa dove la mettereste in catalogo?

E con grandi triangoli

N strane

+ bella spessa

Q con gamba lunga

Insieme a questa, direi:

post-838-0-93583000-1320184217_thumb.jpg

Facendo abbastanza caso alle varianti del denaro di Ancona, ho notato che questa con i caratteri "strani" non è poi così rara. Mi verrebbe da dire che questo sia un tipo abbastanza tardo, per via di quella epigrafia con le "grazie" così accentuate (ritocchi al bulino?) che sembrerebbe andare già nella direzione del gotico. Però mi sarei aspettato anche qualche segno di emissione "strano", mentre invece mi sembra che la punteggiatura delle legende sia quella standard. Come stiamo messi sotto questo aspetto con le emissioni tarde di XIV secolo (quelle con l'epigrafia chiaramente gotica: C chiusa ecc.)?

Scusate per la qualità non eccezionale dell'immagine, ma è quella del venditore e ancora non ho fatto in tempo a rifare la foto.

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...

Riprendo questa discussione, senza aprirne un'altra, per riparlare dei denarini di Ancona.

Ogni giorno che passa si trova una nuova variante non classificata nel CNI.

Questa è davvero simpatica.

Guardate un po' come si sono sbizzarriti! Ci sono almeno 2 varianti (se non tre) mai viste prima.

Vediamo tra gli appassionati di questa monetazione chi le vede?

Premetto che il D/ tuttosommato si può considerare nella normalità (almeno?).

Che ve ne pare?

post-11314-0-14577400-1322931560_thumb.j

post-11314-0-70968200-1322931606_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


Ciao Mirco,

non ti sfugge niente, altro che occhiali sporchi. Tu ormai di denarini di Ancona ne sai (e ne hai visti) molti più di me. Mannaggia!

Di sicuro, nella legenda nel R/ dopo la croce c'è un "crescente" . Mai visto prima.

Giustamente, come hai rilevato, in alto tra le due P (in alto a destra) c'è un simbolo (come di due piccoli cunei a rientrare verso il centro). Anche questo mai visto.

E nella parte finale della legenda, tra la "I" e la "A" quel punto di forma "romboidale/elissoidale". Come sopra mai visto.

Se come ritengo ormai le varie punteggiature delle legende sono state il segno identificativo dei vari zecchieri, penso che questo si sia sbizzarrito a sproposito. Ma conferma anche un'altra cosa molto più importante: il denaro di Ancona è stato coniato per un lunghissimo arco di tempo.

Il problema più grosso è cercare di scoprire i nomi dei vari zecchieri. Ma so già che sarà "impossibile"! :cry: :cry:

Edited by miroita
Link to comment
Share on other sites


  • adolfos pinned this topic
  • adolfos unpinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.