Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Sestante molto piccolo

Risposte migliori

osio

Sulla questione della ribattitura per il momento mi permetto di sorvolare (qui comunque sono state date alcune indicazioni, anche bibliografiche: 

)...

Aggiungo un'altra osservazione, magari trascurabile, sempre sulla questione della grafia della A in questa emissione. Gli esemplari più pesanti hanno quella "arcaica" (primo tipo del mio schema), quelli un po' più leggeri (già a partire dai 5 gr ca.) hanno una interessante A (secondo tipo) ancora un po' "arcaica" ma che già prelude a quella dei sestanti più leggeri (a partire dai 2 gr ca.) (terzo tipo) simile anche se non uguale a una nostra A "normale"......

image.jpeg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

Nella moneta di @joannes carolus mi pare ci sia una A di secondo tipo, compatibilmente con le sue caratteristiche pondometriche che fanno di lei un sestante 56/6 leggero ma non ancora leggerissimo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

joannes carolus

 

L'osservazione di osio non mi sembra per nulla trascurabile anche se è veramente difficile per me stabilire il tipo, ho fatto due tentativi con luci diverse e con le mie scarse capacità fotografiche, sperando che comunque possano dare un piccolo aiuto...

2018-07-10 001 003.JPG

2018-07-10 001 006.JPG

Modificato da joannes carolus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

Per confronto, in un altro esemplare tra il leggero e il pesante che per stile potrebbe anche essere stato coniato fuori Roma: 

Schermata 2018-07-12 alle 09.33.34.png

Schermata 2018-07-12 alle 09.36.07.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

Esaminando con attenzione due 56/6 leggeri ma non leggerissimi (> 3 gr) appena acquistati... Mi pare di vedere questo, a luce radente e con molta pazienza. Ma può benissimo essere la mia fantasia un po' prevenuta. Attendo lumi da chi conosce la monetazione di Siracusa. 

p.s. : @joannes carolus, la linea di esergo e il carattere che pare una V ma forse è una K maiuscola che ti pareva di vedere forse li vedo anche io (vd. D/ primo esemplare), e più o meno nella stessa posizione. 

 

 

 

syrak.png

Modificato da osio
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

joannes carolus

al dritto, e a questo punto non so se è solo un'impressione, mi pare che, sulla destra, il bordo perlinato si interrompa e lasci vedere un tratto sottostante di una corona di alloro rivolta verso il basso...

2018-07-16 001 010.JPG

Modificato da joannes carolus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

@osioNon so se ho capito bene, ma la moneta 56/6 1a (post 32) non può avere residui della scritta ΣΥΡΑΚΟΣΙΩΝ su entrambi i lati: l'etnico compariva su un lato soltanto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

joannes carolus

se fosse, come apparirebbe, un ramo di una corona d'alloro, cadrebbe l'ipotesi di un bronzo punico (nè sul Calciati nè sul Piras ho trovato bronzi con corona).... potrebbe( il condizionale è d'obbligo) quindi essere un  piccolo bronzo con corona d'alloro da una parte e linea d'esergo dall'altra, dove andarlo a cercare ? proprio non  saprei ... chissà se arriva qualche aiuto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

@gpittini, stranezza che ho notato anche io, forse dovuta alla mia cattiva lettura di quelli che potrebbero essere anche dei piccoli insignficanti "segnetti" di usura della moneta. Bisognerebbe approfondire la questione dei riconi e della monetazione siciliana di quel periodo, ora purtroppo non ho tempo... a settembre proverò ad accennare la questione alla Perassi 😅

Modificato da osio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

Quel che resta piuttosto sicuro è la presenza della scritta (almeno su un lato della moneta) che rimanda a Siracusa, dato che pare confermata dai miei due esemplari...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

È inutile dire che ci stiamo a lambiccare su ipotesi che magari sono già state chiarite da anni in qualche pubblicazione scientifica che, per ora, non ho ancora letto 😅

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

osio

Qualche aggiornamento. Allego ancora il sestante già postato da 1,57 gr, con quelle che mi sembrano tracce di scrittura YP (Siracusa?) accompagnate da "sbaffi" residui forse di non so quale immagine un tempo incisa; allego poi un altro esemplare di sestante 56/6 in mio possesso, il più leggero di tutti quelli che ho, 1,10 gr, anche questo con tracce di scrittura fra le quali, quella di lettura sicura, è l'omega (sulla Y e la N: forse una suggestione?); allego infine l'immagine dell'altra volta per avere un'idea un po' più completa.

Qualche osservazione, alla luce dei miei esemplari. 1) Sono tutti tondelli troncoconici e le tracce di lettere che paiono rimandare a Siracusa sono, in tutti gli esemplari, sul lato "aggettante", con la sola significativa eccezione di quello che avevo indicato come 56/6 1a nel post 32, dove tracce sicure di lettere sono nella parte non "aggettante" mentre meno certe e probabili sono quelle della parte aggettante... 2) Pare che si siano riconiate monete siracusane per farci questi sestanti romani su un lungo arco di tempo, come sembrano indicare pesi e modo di realizzare le A di ROMA in questi sestanti: quelli "leggeri ma non leggerissimi" sui 3 gr presentano una A sicuramente "arcaica", e forse sono stati riconiati a fine III sec. a.C., all'epoca della seconda punica, in circostanze forse emergenziali; per quelli leggeri e... leggerissimi, almeno nel mio campione, non saprei dire se la A è arcaica, infatti entrambi gli esemplari, cioè quello da 1,57 gr e quello da 1,10, sono illeggibili per quanto riguarda la A ma posso immaginare che, se già quelli sui 2 gr avevano la A normale, questi pure sicuramente dovevano averla, quindi saranno stati riconiati intorno al II-I sec. a.C., in circostanze forse altrettanto emergenziali (sì, ma quali?). Vedremo cosa salterà fuori a confermare o confutaresyrak.png.0817de062bb4963738eba224edc34513.png queste impressioni.  

56:6.png

Modificato da osio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Per arricchire la discussione, posso solo mostrare questo sestante, riconiato su un bronzo siciliano del tipo Poseidone/Tridente; posto diverse foto, che evidenziano meglio, rispettivamente, la "moneta-ospite" e quella finale. Purtroppo, non essendo in casa, non ho i dati ponderali; ma se ben ricordo la moneta non era particolarmente piccola e leggera. Purtroppo la A di ROMA non si vede.

Z61.JPG

Z62.JPG

Z63.JPG

Z64.JPG

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

joannes carolus

chiarissima la "moneta-ospite" !!! io, invece, non so dove sbattere ... tondello tronco conico...

 

Modificato da joannes carolus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×