Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
gpittini

Acilius Glabrius: salus e valetudo.

DE GREGE EPICURI

Vi mostro questo denario, che è una specie di summa medico-sanitaria. Coniato nel 49 a.C., è la RRC 442/1a e Varesi 51. Questo esemplare pesa 3,8 g. e misura 18 mm. Al D un ritratto della Salute (intesa come Dea Salus) e la scritta SALUTIS, al genitivo. Al R., sempre la Salute mentre nutre un serpente, e la scritta: MN ACILIUS III VIR VALETU (DINIS). Ma che differenza c'è in latino fra SALUS e VALETUDO? A quanto ho trovato, SALUS è la buona salute, il benessere, e anche appunto la Dea, in quanto personificazione. VALETUDO invece, ad un livello più concreto e direi più scientifico, è lo stato di salute, che può essere buono o cattivo; occorre un aggettivo per definirlo. Ma perchè sulla moneta di Acilio Glabrio? C'è un'ipotesi, desumibile da Plinio: il primo medico greco giunto a Roma (che fu il primo di una lunga serie) praticava "in compito Acilio", cioè (più o meno) "a cura della famiglia Acilia", o presso la famiglia Acilia.

post-4948-0-91298400-1323978770_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rovescio.

post-4948-0-11075400-1323978836_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Posso aggiungere che la medicina "pre-scientifica" in Roma era praticata in sostanza dal padre di famiglia, che seguiva prescrizioni tradizionali : erbe, diete, indicazioni igieniche elementari, e naturalmente offerte e sacrifici alle divinità più indicate ( o domande alle medesime sul da farsi, con le modalità consuete di tipo sacerdotale). Nozioni più scientifiche arrivarono pian piano dalla Grecia, specie dopo la conquista della Macedonia ed in seguito, quindi nel 2° e 1° secolo a.C. Occorre ricordare che gli studi e la comprensione dell'anatomia potevano evolvere solo nelle culture in cui non esistevano tabù assoluti sulla osservazione e la dissezione dei cadaveri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Valetudo (buona salute, radice indoeuropea v+aj) è una figura su cui non ho mai trovato nulla o quasi e sulla maggior parte dei testi sulla religione romana che ho non è neppure menzionata. So di uno studio specifico del '96, di più di 200 pagine, ad opera di Giuseppina Prosperi Valenti, ma non essendo mai riuscito a trovarlo a buon mercato non mi sono mai avventurato nell'acquisto.

Trattasi sicuramente di una divinità salutifera minore, forse di origine locale, il cui culto nacque e fu associato a quello della Salus in una fase presumibilmente tarda.

E' bene però ricordare che Salus, festeggiata il 5 agosto, andrebbe concettualmente intesa come Salvezza e non come Salute. Citando il Sabbatucci è "idealmente congiunta alla Vittoria e alla Speranza delle calende di questo stesso mese [agosto]". Salus va quindi inquadrata in contesto pubblico e Valetudo, con molta probabilità, in contesto privato.

Per essere più precisi potremmo presumibilmente dire che Salus, divinità romana appartenente ai sacra publica, subendo le contaminazioni della greca Igea si ritagliò il suo spazio tra i sacra privata, uscendo altresì dalla sfera che la legava alla pace.

Su quest'ultimo aspetto ricordiamo l'augurium salutis, rito con cui gli auguri saggiavano la propensione di Giove a recepire le richieste di salvezza fatte da e per il popolo romano, passaggio preliminare per la benefica azione della dea Salus. Tale rito non poteva essere celebrato in tempo di guerra, ove Salus doveva cedere il passo alle concettualmente più idonee Spes e Victoria.

L'azione di Valetudo invece, essendo legata più alla sfera della salute che a quella della salvezza, pare non essere vincolata a situazioni di guerra o pace.

Salus è "salute del popolo romano", ovvero salvezza assoluta di Roma. Valetudo è salute dell'individuo, molto più vicina quindi ad Igea. Questo è quanto ho inteso io fino ad oggi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chose étrange, en français "Valétudinaire" (Valetudinarius) signifie: maladif, souvent malade.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

DE GREGE EPICURI

Molto interessante, non lo sapevo; ed è strano, perchè sicuramente deriva da "valeo", che in latino significa "star bene" (da cui il saluto: Vale!) Benvenuto, anzi bentornato sul Forum, monsieur Lynx Railleur, e...a presto!

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Benvenuto anche da parte mia.

Concordo con Gianfranco, strano e molto interessante, grazie per l'indicazione.

Allego pagina del "Dizionario etimologico comparato delle lingue classiche indoeuropee" curato da Franco Rendich.

post-1800-0-31402100-1324590716_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?