Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
gpittini

Augusto, quinario T CARISI

26 risposte in questa discussione

DE GREGE EPICURI

A differenza dai denari, i quinari di Augusto sono pochi, e risultano abbastanza ripetitivi. Questo credo sia in assoluto (almeno stando al RIC, che la classifica 1c) la prima moneta d'argento emessa durante il principato. Il ritratto è verso dx (esiste anche a sin.), e si legge: AUGUS.. Al R., la vittoria a dx porge la corona ad un trofeo; la legenda è (T) CARISI. Comune ma non comunissima.

post-4948-0-28131000-1324237145_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rovescio. La moneta, oltre ad essere abbastanza usurata, ha molte prove di nummulari.

post-4948-0-97001500-1324237255_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Salve Gianfranco.

E' sicuramente una delle prime emissioni argentee del Princeps dato che il 16 gennaio del 27 a.C. fu nominato Augustus e questo quinario risale al 25-23 a.C. Come hai già fatto notare le varianti sono due, in base al lato verso cui è rivolta la testa dell'Imperatore. Si può così classificare:

AR quinario emesso a nome di Augusto ad Emerita in Spagna intorno al periodo sopracitato.

D/ AVGVST dietro la testa nuda del Princeps rivolta a destra.

R/ P CARISI LEG, Vittoria alata stante a destra incorona un trofeo di armi.

Rif.: RIC I 1a; RSC 386.

Di origini italiche P. Carisius nacque intorno al 55 a.C. e servì sotto le Aquile di Augusto. Nel 36 a.C. fu luogotenente delle truppe durante la campagna contro Sesto Pompeo. Più tardi assurge alla carica di Legatus Augusti Pro Praetore in Spagna Ulteriore dal 27 al 22 a.C. Dopo cinque anni fu spostato in Lusitania dove salvò l'esercito romano da un'imboscata organizzata dagli Asturi che, sconfitti, si rifugiarono nella loro città fortificata, Lancia, espugnata e sottomessa dallo stesso generale poco dopo. Nel 25 a.C. fondò egli stesso la Colonia di Augusta Emerita per i veterani della Legio V Alaudae e della Legio X Gemina. E' ricordato, oltre che per le monete, anche dalla storiografia antica; di lui parla Cassio Dione dipingendolo con tinte fosche e facendolo apparire come un personaggio bivalente: da una parte un ottimo comandante ed un esperto soldato, dall'altra un governante crudele e scialacquatore di ricchezze. Dopo altri scontri contro le tribù ispaniche locali, Titus Publius Carisius morì in un anno imprecisato nel corso del I sec. d.C.

Modificato da Caio Ottavio
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di seguito, indico alcune delle monete emesse da P. Carisius per Augusto (escluse, naturalmente, quelle già prese in oggetto):

1) AR Denarius c. 25/23, Emerita. P. Carisius Legate. 3,01 g, 5h.

IMP CAESAR – AVGVST Bare head to r. Rev. P CARISIVS LEG PRO PR Round shield, on l. spear head, on r. curved sword.

RIC 2a. BMC 278. C. 400. Rare.

post-24898-0-86151100-1324304187_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2) AR Denarius (3,7 g, 6h.) c. 25/23, Emerita. P. Carisius Legate.

IMP CAESAR – AVGVST Bare head to l. Rev. P CARISIVS LEG PRO PR Round shield, on l. spear head, on r. curved sword.

RIC 2b. BMC 279. Rare.

post-24898-0-22219200-1324304284_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

3) AR Denarius (3.88 g, 5h). Emerita mint. P. Carisius, legate. Struck circa 25-23 BC.

IMP CAESAR AVGVST, bare head right / P • CARISIVS • LEG • PRO • PR, round shield with central boss within octagon and with studs; above, a spear-head with short shaft right; below, a curved sword with hilt closed by a bar.

RIC I 3; RSC 400; BMCRE 277 = BMCRR Spain 110; BN 1029-32.

post-24898-0-41153700-1324304343_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

4) AR-Denarius, 25/23, Emerita, P. Carisius; 3,81 g.

IMP CAESAR AVGVSTVS Bare head of Augustus to right. Rev : P CARISIVS LEG PRO R trophy.

BMC 283; Coh. 116; RIC 4 a.

post-24898-0-30380300-1324304407_thumb.j

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

5) Denarius (3,82 g.), 25 - 23. Emerita.

IMP CAESAR AVGVST, bare head of Augustus to left. Rev.: P CARISIVS LEG PRO PR, Trophy.

RIC 4b; C. 402; BMC 284; BN 1061.

post-24898-0-89450400-1324305245_thumb.j

6) Denarius c. 25/23, Emerita. P. Carisius Legate. 3,80 g.

IMP CAESAR – AVGVSTVS Bare head to r. Rev. P CARISIVS LEG PRO PR Trophy of Celt-iberian arms erected over six round shields and lances.

RIC 5. BMC 283 var. C. 403.

post-24898-0-52390000-1324304570_thumb.j

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

7) Denarius, Emerita circa 25-23 BC, AR 3.55 g.

IMP CAESAR – AVGVST Bare head r. Rev. P CARISIVS – LEG PRO PR Trophy resting r. on head of kneeling captive.

RIC 6. BMC 287. C 404. CBN 1035.

post-24898-0-19537500-1324304635_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

8) Denarius c. 25/23, Emerita. P. Carisius Legate. 4,02 g.

IMP CAESAR AVGVST Bare head to r. Rev. P CARISIVS – LEG PRO – PR Celt-iberian helmet facing between dagger on l. and bipennis on r.

RIC 7a. BMC 281. C. 405.

post-24898-0-81368800-1324304706_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

9) Denarius, Emerita, P. Carisius, 25-23. 4,00 g.

IMP CAESAR - AVGVST Bare head of Augustus to left. Rev. P. CARISIVS - LEG PRO - PR Celt-iberian helmet facing between dagger on l. and bipennis on r.

BN I, 162, 1044. C. 406. RIC 41 7b. BMC 52, 282.

post-24898-0-10797600-1324304738_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

10) AR-Denarius, 3,60 g. Emerita. c. 25-22.

Obv.: IMP CAESAR AVGVSTVS Head r. Rev.: P CARISIVS LEG PRO PR Helmet between dagger and bipennis.

RIC 228; Coh. 406a; BMC 113.

post-24898-0-61373900-1324304805_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

11) Denarius, Emerita circa 25-23 BC, AR 3.99 g.

IMP CAESAR – AVGVST Bare head r. Rev. P CARISIVS – LEG PRO PR Circular city-wall with EMERITA inscribed above gate.

RIC 9a. BMC 289. C 397. CBN 1036.

post-24898-0-16519300-1324304889_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

12) AR Denarius (3.61 g, 11h). Emerita mint. P. Carisius, legate. Struck circa 25-23 BC.

IMP CAESAR AVGVST, bare head left / P CARISI-VS LEG PRO PR, bird’s-eye view of town, with gateway, in which are two doors and on which are three battlements in front and walls around and behind; EMERITA inscribed above doors.

RIC I 9b; RSC 398; BMCRE 291 = BMCRR Spain 128; BN 1039-43.

post-24898-0-72833300-1324304918_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

13) AR Denarius (3.44 g). Emerita mint. P. Carisius, legate. Struck circa 25-23 BC.

IMP • CAESAR AVGVSTVS, bare head right / P • CARISIVS LEG PRO PR, bird’s eye view of town with city-wall, with gateway, in which are two doors and on which are three battlements in front and walls around and behind; EMERITA inscribed above doors.

RIC I 10; RSC 397a; BMCRE 292 = BMCRR Spain 129; BN 1036-1039 var. (obv. legend).

post-24898-0-77480200-1324304951_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

14) Æ As (10.91 g, 8h). Emerita mint. P. Carisius, legatus Augusti. Struck circa 25-23 BC.

CAESAR AVG TRIB POTEST Bare head right / P CARISIVS/LEG/AVGVSTI in three lines across fields.

RIC I 15a.

post-24898-0-34250000-1324305039_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

15) Æ As (12.28 gm). Emerita, ca. 25–23 BC, moneyer P. Carisius.

CAESAR AVG TRIB POTEST, bare head of Augustus left / P. CARISIVS / LEG / AVGVSTI.

RIC 15b.

post-24898-0-22780100-1324305112_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

16) Æ-As, 25/23 BC, Emerita, P. Carisius; 10,16 g.

CAESAR AVG - TRIBVN POTEST Bare head of Augustus to left. Rev : P.CARISIVS/LEG/AVGVSTI.

BMC 302; Coh. -; RIC 16.

post-24898-0-42416600-1324305149_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

17) Æ As (12.51 g, 10h). Spanish mint - Emerita. P. Carisius, legate. Struck 23 BC.

CAESAR AVGV - TRIB POTEST Bare head right / P CARISIVS/LEG/AVGVSTI in three lines.

RIC I 20.

post-24898-0-87985700-1324305177_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Note: All'argento viene affidato l'incarico più importante: il ricordo degli eventi più significativi della carriera militare di Carisius e la fondazione ad opera sua della colonia di veterani spagnola. Al bronzo, invece, è affidato il suo ricordo politico su tre righe dove viene esplicitata la carica da lui ricoperta nella Provincia. Notiamo la ripetitività dei Rovesci: i trofei di armi nemiche, quelle degli Asturi, sconfitti più volte dal generale, e le armi in uso presso i suoi avversari. Era un'antica pratica di origini italiche mettere in mostra come bottino di guerra le armi dei vinti come emblema di potere e di vittoria. Così abbiamo la diffusione dei simboli della vittoria militare (trofeo di armi) e conosciamo anche le armi usate dagli Asturi, tipicamente celtibere: la lunga lancia con la pesante punta acuminata a foglia; lo scudo tondo di legno leggero ricoperto di pelli oppure decorato con motivi geometrici e la spatha falcata. Quest' arma ad un solo taglio, detta anche Makhaira Hispanica, fu introdotta dai Greci nella Penisola Iberica e usata fino all'avvento dei Romani che soppiantarono questa spada con il più famoso Gladius Hispaniensis, evoluzione dalla falcata stessa. Il fodero era in cuoio o legno e assecondava la forma caratteristica della lama.

post-24898-0-88278800-1324306070_thumb.j

Questa falcata iberica, risalente al IV sec. a.C., realizzata in ferro della migliore qualità, ha l'impugnatura ad una sola mano, come tutte le spade appartenenti a questa categoria, e ha la guardia chiusa da una sola linguetta metallica. L'impugnatura era inizialmente decorata con intagli in legno. (Madrid).

post-24898-0-32003900-1324306231_thumb.j

In figura si vede un'altra falcata iberica sempre custodita a Madrid. Qui la guardia è aperta e ha funzione di paramano. Inoltre, sono visibili le guarnizioni che univano le parti del fodero (ormai deteriorato) e gli anelli, sempre in ferro, che permettevano di legare l'arma, tramite lacci di cuoio, o ad una cintura alla vita o ad un balteo per il trasporto a tracolla dell'arma stessa.

Le protezioni erano fondamentalmente in cuoio con guarnizioni in ferro e bronzo e non scarseggiavano le armature complete di ferro, ma questa è un'altra storia... :)

post-24898-0-82261100-1324306704_thumb.j

Ricostruzioni grafica (opera di Angus Mc Bride) di un fante celtibero con armamento pesante.

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-24898-0-79867600-1324306822_thumb.j

Ricostruzione grafica di un fante iberico di linea con armamento leggero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Di origini italiche P. Carisius ...

"P." Carisius o "T." Carisius? Gianfranco scrive "T.", che è poi lo stesso praenomen del monetiere repubblicano. Parliamo della stessa persona o quello repubblicano era un altro membro della gens?

Modificato da L. Licinio Lucullo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta di P.Carisius.

T.Carisius fu attivo nel 46.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, pensavo che a 9 anni i Romani potessero già accedere alla carica di monetiere :lol: :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Grazie Caio Ottavio per le interessantissime foto delle "spade ispaniche", e ancor più per la galleria di monete. I denari che hai postato non si vedono proprio mai, o quanto meno io non ne avevo mai visti neppure in cataloghi d'asta, salvo forse quello con la struttura monumentale di Emerita (che compare anche sui bronzi, un poco più comuni). E sono tutti denari molto "etnici", molto ispanici, con spade diritte e ricurve, ecc.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?