Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
gpittini

Un Mercurio di Erennio Etrusco

Risposte migliori

gpittini

DE GREGE EPICURI

Fra gli ultimi acquisti c'è questo asse, piacevole e non comune, di Erennio Etrusco. Pesa 11,3 g., misura 25 mm., ha una bella patina scura ed è classificato come RIC 167b, C 13 (R1 per il RIC).

Al D non vedo nulla di particolare, il ritratto è discreto ma un po' consunto.

Al R, la legenda PIETAS AUGG è accompagnata insolitamente da Mercurio, con una borsa nella dx e il caduceo nella sin. D'accordo che Mercurio è accompagnatore delle anima ("psicopompo"), ma non capisco fino in fondo la sua associazione con la PIETAS. Che ne pensate?

post-4948-0-09457800-1327865802_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

Ciao Gianfranco :)

Penso che l'associazione tra la Pietas e Mercurio sia da intendersi nell'accezione della devozione verso gli dei; Mercurio, infatti, è l'araldo che mette in comunicazione gli dei con gli uomini. Un uomo pio riceve i favori celesti e questo proprio per mezzo di Mercurio.

Enrico :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

quella di Enrico è l'interpretazione corretta della figura di Mercurio. La borsa e il caduceo sono due suoi tipici strumenti.

Mercurio svolge il suo compito di messaggero anche nel ricordare ad Enea il suo destino (deciso da Giove) di dover fondare il popolo latino e quindi di dover lasciare Didone e Cartagine:

"...Altro passo utile per l’analisi del personaggio Enea è il momento del “costretto” addio a Didone. Anche qui gioca un ruolo determinante la pietas, intesa come osservazione scrupolosa del volere divino: Mercurio, messaggero di Giove, lo ammonisce a lasciare Cartagine e a proseguire il viaggio. Enea non ha dubbi, si prepara subito a lasciare la città, di notte e di nascosto..."

Quindi nel caso in esame il PIETAS AVGG (Pietas degli Augusti), con legenda al rovescio e iconografia con Mercurio (usata mi pare anche da Claudio II, Traiano Decio e Ostiliano) , la intenderei come stretta osservanza del volere degli dei da parte degli Augusti e quindi legittimazione divina delle loro azioni. Augusti che poi erano Traiano Decio, Erennio e un anno più tardi, Ostiliano.

Ciao

Illyricum

:)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×