Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Un Mercurio di Erennio Etrusco

Risposte migliori

gpittini

DE GREGE EPICURI

Fra gli ultimi acquisti c'è questo asse, piacevole e non comune, di Erennio Etrusco. Pesa 11,3 g., misura 25 mm., ha una bella patina scura ed è classificato come RIC 167b, C 13 (R1 per il RIC).

Al D non vedo nulla di particolare, il ritratto è discreto ma un po' consunto.

Al R, la legenda PIETAS AUGG è accompagnata insolitamente da Mercurio, con una borsa nella dx e il caduceo nella sin. D'accordo che Mercurio è accompagnatore delle anima ("psicopompo"), ma non capisco fino in fondo la sua associazione con la PIETAS. Che ne pensate?

post-4948-0-09457800-1327865802_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

minerva

Ciao Gianfranco :)

Penso che l'associazione tra la Pietas e Mercurio sia da intendersi nell'accezione della devozione verso gli dei; Mercurio, infatti, è l'araldo che mette in comunicazione gli dei con gli uomini. Un uomo pio riceve i favori celesti e questo proprio per mezzo di Mercurio.

Enrico :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

quella di Enrico è l'interpretazione corretta della figura di Mercurio. La borsa e il caduceo sono due suoi tipici strumenti.

Mercurio svolge il suo compito di messaggero anche nel ricordare ad Enea il suo destino (deciso da Giove) di dover fondare il popolo latino e quindi di dover lasciare Didone e Cartagine:

"...Altro passo utile per l’analisi del personaggio Enea è il momento del “costretto” addio a Didone. Anche qui gioca un ruolo determinante la pietas, intesa come osservazione scrupolosa del volere divino: Mercurio, messaggero di Giove, lo ammonisce a lasciare Cartagine e a proseguire il viaggio. Enea non ha dubbi, si prepara subito a lasciare la città, di notte e di nascosto..."

Quindi nel caso in esame il PIETAS AVGG (Pietas degli Augusti), con legenda al rovescio e iconografia con Mercurio (usata mi pare anche da Claudio II, Traiano Decio e Ostiliano) , la intenderei come stretta osservanza del volere degli dei da parte degli Augusti e quindi legittimazione divina delle loro azioni. Augusti che poi erano Traiano Decio, Erennio e un anno più tardi, Ostiliano.

Ciao

Illyricum

:)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×