Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gennydbmoney

Ferdinando II°,una medaglia da classificare

Risposte migliori

gennydbmoney

Ciao a tutti,ho acquistato questa medaglia all'ultima asta di Inasta,mi piacerebbe molto avere qualche notizia,non lo trovata sul Ricciardi,comunque da una veloce occhiata ho notato che il ritratto è giovanile,senza barba come sulle monete coniate fino al 1839,quindi ho pensato che potrebbe essere collocata tra il 1830 e il 1839,la medaglia è in piombo fuso,infatti presenta le classiche bollicine da fusione,forse è un falso?sotto al collo del re e scritto qualcosa ma nonostante la lente non sono riuscito a decifrare niente,ad ore 6 leggo:DE ROSA M.P.,la leggenda è:FERDINANDVS II REGNI VTRIVSQVE SICILIAE ET HIERVS REX.

vi ringrazio per il tempo che mi dedicherete,ecco le foto:

post-4931-0-89159200-1331158979_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

un'altra ancora:

post-4931-0-29936500-1331159330_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

ecco l'ultima,purtroppo noto che le foto non sono il massimo,appena posso le rifaccio...

post-4931-0-69455600-1331159444_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

E' una fusione in piombo (forse ottocentesca) e quindi non originale della zecca di Napoli. Il dritto è lo stesso presente su alcune rarissime medaglie premio del periodo 1830-1837, si nota l'effigie di un giovanissimo Ferdinando II di Borbone. L'originale in argento vale intorno ai 3000 euro e gli unici esemplari apparsi sul mercato negli ultimi anni venti anni sono due, il primo nell'asta Christie's dell'aprile 1992 ed uno nell'asta NAC 47 del giugno 2008. Nel tuo esemplare non si notano le firme al dritto per via della fusione artigianale, sotto il taglio del collo si trova di regola la firma di Filippo Rega come disegnatore, Andrea Cariello come incisore dei conii e Prospero De Rosa (direttore della zecca) come maestro di prova per la bontà dei metalli. In allegato un'immagine di quest'ultima.

image00543.jpg

Uploaded with ImageShack.us

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Michelangelo2

Ciao. E' un bell'esemplare da studio. Potrebbe essere una prova, anche se di solito le prove sono coniate, questa a me sembra più una fusione.

Per il periodo, puoi vedere il bello studio di Francesco, sulle Medaglie di Ferdinando II. Anche sul portale del sud credo. Li si parla del volto di ferdinando con barba e senza barba nelle medaglie. E le sue datazioni.

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

ringrazio Francesco e Michelangelo per le risposte,per quanto riguarda la medaglia postata se non è un emissione ufficiale della zecca di napoli vuol dire che è un falso?in questo caso perché falsificare una medaglia?scusate le domande ma è pura curiosità...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Michelangelo2

Sono convinto anche io, come Francesco che questa sia una rifusione ottocentesca. Non lo definirei un falso (in alcuni testi di medaglistica è affermato che i falsi in medaglistica non esistono). E' una copia postuma. I motivi possono essere diversi.

Il ritratto del sovrano era molto appetibile, per cui, alcuni, non avendo le possibilità economiche per comprare la medaglia originale, possono aver fatto una rifusione dell'originale.

Oppure per esempio, può essere stata una prova.

Non credo che sia stata fatta per frodare. Il piombo era un materiale palesemente diverso dall'originale. Pensa che alcuni si facevano copie delle medaglie, con la lava del vesuvio o con il gesso.

Io propendo molto per le prime due ipotesi.

Spero di esserti stato utile saluti

Modificato da Michelangelo2
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

Sono convinto anche io, come Francesco che questa sia una rifusione ottocentesca. Non lo definirei un falso (in alcuni testi di medaglistica è affermato che i falsi in medaglistica non esistono). E' una copia postuma. I motivi possono essere diversi.

Il ritratto del sovrano era molto appetibile, per cui, alcuni, non avendo le possibilità economiche per comprare la medaglia originale, possono aver fatto una rifusione dell'originale.

Oppure per esempio, può essere stata una prova.

Non credo che sia stata fatta per frodare. Il piombo era un materiale palesemente diverso dall'originale. Pensa che alcuni si facevano copie delle medaglie, con la lava del vesuvio o con il gesso.

Io propendo molto per le prime due ipotesi.

Spero di esserti stato utile saluti

anche se in ritardo ti ringrazio per i tuoi pareri...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×