Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
calippi

Lombardia
Enrico II: Denaro per Milano

Come ci ricorda il buon Dabbene muoversi nella monetazione medievale vuol dire scoprire continue eccezioni alle regole, varianti ai tipo "nominali", segni di zecca e di zecchiere che mutano in un mondo ampio ma finito. Il tutto evolve con continuita', in una confusione solo apparente da imputarsi alla nostra ignoranza.

Porto alla vostra attenzione una variante scoperta da poco.

Il riferimento e' quello dei denari scodellati attribuiti ad Enrico II, per Milano. Murari 10.

Allego riferimento web

http://www.deamoneta.com/de/auctions/view/82/2543

La variante risiede nella dizione di " H/ RIC / N". Le forme piu' comuni presentano "H" oppure "HE", con le due lettere in nesso e la seconda barra verticale dell'H che si erge a supporto dei baffi della E.

Diversamente, nell'esemplare sopra postato, troviamo una curiosa rappresentazione per "HE" con la E che si inserisce tra le barre verticali della H andando a costruire una "scaletta".

Trovo semplicemente geniale la realizzazione.

Avete mai visto realizzazioni simili per i nostri "Enrico" (al di la' della zecca di Milano)?

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Ciao,

è veramente anomalo e molto interessante,anche per Pavia non mi risulta ,rimane da capire vista la particolarità se fosse voluta dal coniatore, queste varianti e sono diverse nella monetazione enriciana milanese potrebbero rappresentare anche dei segni identificativi delle zecchiere per distinguere una serie,nel contempo bisognerebbe capire o vedere se ne esistono altre o se si tratta di anomalie.

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si'.

Ho pensato pure io ad una scelta dello zecchiere, un marchio di zecca insomma riappoggiandomi ad una discussione da te iniziata.

La fattura e' fine, di dettaglio. I caratteri ben delineati (tranne la R che pare una P mancando del pedice mentre in IMPERATOR la R ha il pedice. E la N poteva esserespostata e non sacrificare il pedice).

Vediamo cosa dicono gli amici del forum

Ciao,

è veramente anomalo e molto interessante,anche per Pavia non mi risulta ,rimane da capire vista la particolarità se fosse voluta dal coniatore, queste varianti e sono diverse nella monetazione enriciana milanese potrebbero rappresentare anche dei segni identificativi delle zecchiere per distinguere una serie,nel contempo bisognerebbe capire o vedere se ne esistono altre o se si tratta di anomalie.

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?