Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
baffo77framagna

Moneta inedita della zecca di Ancona? AstaNAC65

Nell'asta NAC Auction 65 ci sono due lotti (n. 3396 e 3397) indicati come:

Denaro imperiale di Enrico VI di Hohenstaufen (1190-1197) battuto da zecca incerta delle Marche ed assegnati dubitativamente alla zecca di Ancona.

http://www.sixbid.com/nav.php?p=viewlot&sid=585&lot=3396

Questa moneta non è presente nè nel Corpus nè nel libro Dubbini/Mancinelli ed oltetutto anticiperebbe l'apertura della zecca!

Mi confermate che è solo un errore del catalogo d'asta???

Francesco

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

non credo ci siano errori, tutt'al più una piccola "addomesticata"

(Matzke dixit...)

Modificato da adamaney

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Di questo periodo della storia di Ancona, purtroppo non esiste quasi nulla. Certa è la data della Pace di Venezia del 1177. Certo è che durante le trattative, il Barbarossa affidò il Margraviato di Ancona a Konrad von Lutzelhard per via amministrativa, quindi senza posibilità di trasmissione ereditaria e non come feudo. Nella primavera del 1195 la carica di margravio di Ancona fu assunta da Markwald d'Anweiler. La morte di Enrico VI, succeduto al padre morto nel 1190, avviene agli inizi del 1198. Gli unici documenti che sono stati rinvenuti relativamente a questo periodo, sono stati ritrovati nientemeno che nei registri della Cancelleria dei D'Angiò, documenti tra l'altro di difficile datazione e riguarderebbero alcune lettere riguardanti i privilegi commerciali o l'attività di Ancona o di singoli commercianti anconetani. Mai si fa riferimento a privilegi relativi ad un zecca nè a monete battute in nome di Enrico VI.

Giustamente nella didascalia dell'asta citata è riportato di "zecca incerta nelle Marche", ma della Marca in quel periodo facevano parte da Ravenna a Fermo, e quindi non è facile attribuire queste monete, sempre che nella Marca siano state battute.

E' comunque una novità assoluta, e se veramente quelle monete fossero state emesse in Ancona, ci sarebbe qualche spunto per rileggere la Storia di Ancona.

Modificato da miroita
Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matzke published this type for the first time, illustrating 6 specimens

Qualcuno conosce il riferimento?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo, grazie! Immagino siano gli atti del XIII Congresso Internazionale di Numismatica (Madrid 2003)

http://www.mcu.es/mu...umis/index.html

Puoi confermare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera Paleologo,

si, ti confermo che il testo è quello degli atti di Madrid 2003, pubblicati nel 2005.

Cordialmente, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Torno solo ora da un'estenuante gita, e rischiavo di perdere questa discussione. Ora mi leggerò l'interessante articolo, grazie per il link!

Riccardo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avevo visto la moneta e mi ero chiesto anch' io da dove provenisse !! Grazie per aver aperto la discussione e a Teofrasto per l' articolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non conosco la monetazione di questo periodo e di quest'area. interssante articolo comunque! è sempre un piacere leggere di queste monete rare e da studiare.

mi sembra che l'esemplare in asta sia uno dei sei illustrati nell'articolo, nella fattispecie proprio il numero 6 (e relativo ingrandimento fig. 7). le fratture del tondello sembrerebbero essere negli stessi punti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?