Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
L. Licinio Lucullo

ARgento g 1,1

So che è impossibile identificarla, ma mi date idee su possibili classificazioni di questa monetina?

I lati sono di 10,5 e 12 mm, lo spessore è di 2,5 mm circa, il peso, secondo il venditore (ho la bilancina guasta) è di 1,1 g.

Il venditore la classificava unicamente come Southern Gaul - uncertain.

Si distingue al D/ un viso volto a destra, con i capelli riccioluti.

A me sembra una copia celtica, forse di una moneta massiliota.

Idee?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccola

post-13865-0-41889100-1338546067_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimenticavo: il retro è leggermente incavo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nessuno si arrischia? La situazione è tanto disperata?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Massaliota non mi sembra: non sono tagliate in questo modo, e non vedo somiglianze con gli oboli di Marsiglia. Ci si può orientare verso le celtiche in Ag; le più comuni con questo peso hanno al R un cavaliere al galoppo, in varie pose, ma forse occorrerebbero foto più ingrandite.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

le più comuni con questo peso hanno al R un cavaliere al galoppo, in varie pose, ma forse occorrerebbero foto più ingrandite.

Mi dai qualche riferimento bibliografico per vederle su acsearch o wildwinds, per cortesia? Per curiosità

Modificato da L. Licinio Lucullo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

DE GREGE EPICURI

Quelli a cui mi riferisco sono generalmente considerati dei "quinari", imitativi di Ag repubblicani, e attribuiti da D.Allen e dalla Scheers agli Allobrogi della valle del Rodano. Bibliografia (non so quanto reperibile in rete):

-Derek Allen, BMC: Catalogue of the Celtic Coins in the B.M., II vol., Silver Coins of North Italy, South and Central France, etc. (ad es. i numeri 230, 231,254, 259, ecc.)

-S.Scheers, Les monnaies de la Gaule inspirées de celles de la République Romaine, 1969

-H. de la Tour, Atlas de monnaies gauloises.

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

...forse Gianfranco si riferiva a questi ...?

http://www.wildwinds.com/coins/celtic/gaul/allobroges/t.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

...penso piuttosto alla Gallia Cisalpina .... qualcosa del genere....

Gallia Cisalpina, The Cenomani, AR obolo, ca. 150-100 aC, 0,68 gr, 9 mm. Testa femminile a destra indossa diadema di perle / leone stilizzato in piedi a sinistra, sollevando davanti a zampa destra. Pautasso, Pl. XII, n. 48. Testo Pautasso_XII-48.th.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

Beh...! .. sembra che si ispira alla Diana Efesina delle Dramme di Massalia

testa di donna volta a destra cinta da foglie di olivo, con orecchini e collana,. .. e forse quei segni in alto al R/

potrebbero essere una imitazione di di ΜΑΣΣΑ che si legge sulle predette monete.

E' comunque un'impresa ..... io penso che sia celtica Gallia cisalpina.

Modificato da profausto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A ri-grazie a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto questo interessantissimo studio:

http://www.mariojan.com/monete/centro_galliera_mar_82.html

che mi ha permesso non solo di sapere qualcosa delle dracme padane, ma anche di apprendere dell'esistenza di "emidracme". Considerato che le dracme hanno pesi medi discednenti, nel tempo, da circa 3 a circa 2 grammi, e che sono caratterizzate da una forte "scodellatura", ne deduco che la mia dovrebbe essere proprio una emidracma padana, del tipo con al rovescio il "leone-scorpione", invisibile nella mia micromoneta, e segni lineari (derivati dalla degenerazione dell'originario MASSA) invece ancora visibili.

Qualche altra idea?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Il problema e' lo stato di conservazione della tua moneta, che in teoria potrebbe esser collocata sia fra le emidracme padane, sia fra gli oboli, sia...forse...fra altre monete celtiche. Ma tanto il D quanto il R mi pare non diano informazioni risolutive.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie comunque

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?