Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Arka

Costantinopoli e l'Italia

Risposte migliori

Arka

Prendendo spunto da un'altra discussione in cui i frequentatori della sezione ''Monete bizantie'' venivano chiamati ''3 gatti'', ho cominciato a ragionare sul perchè di questa scarsa passione per queste monete.

E ragionando ho pensato di spiegare agli altri gatti che cosa si perdono (sempre che vengano a vedere la sezione e che leggano questo post).

Vi dico innanzittutto come sono arrivato io ad occuparmi di questa monetazione. La causa fu un vecchio collezionista che mi disse: ''Non si può capire la monetazione di Venezia senza conoscere quella bizantina''. Già trovavo Costantinopoli nelle vicende storiche della Venezia medievale, ma così ho dovuto approfondire la storia e la numismatica bizantina.

Fu così che scoprii un mondo ricco di fascino e di storia gloriosa. Un popolo che combattè una guera continua contro mille nemici e che alla fine dovette soccombere, ma dopo una lotta millenaria.

La monetazione bizantina è legata a quella italiana fino al XII secolo. Scoprirla spesso significa trovare le proprie origini.

Arka

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

allo stesso modo non puoi capire la monetazione bizantina se non ti occupi della monetazione romana del V secolo

visto che la riforma bizantina che introduce i multipli di nummo trae origine dal caos monetario che si era creato nel decadente impero romano

e` tutto collegato ed e` questo che rende la numismatica interessante

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Sì Rick, hai ragione. Ma il problema è che la monetazione del V secolo, che di fatto è ancora una monetazione romana, è riconosciuta da tutti come legata alle vicende dell'Italia. Meno conosciuta è l'importanza della monetazione bizantina per vaste zone del territorio italiano.

Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Secondo me, i motivi che tengono i collezionisti lontani dalle bizantine sono numerosi:

- E' una monetazione esteticamente poco attraente per i collezionisti di antiche; e in effetti deriva da quella romana del V secolo, che a sua volta è composta per lo più da monete "brutte".

- Le tipologie sono ripetitive e poco varie (cosa non molto vera, ma sicuramente vera in confronto con le romane), il che rende difficile in genere la classificazione, specie per i trachy.

-La lingua greca, che predomina da un certo momento, è un'ulteriore difficoltà.

-Per chi proviene dal collezionismo "italiano", la storia bizantina è di solito sconosciuta e risulta comunque molto complessa. Del resto, anche la storia dei rapporti di Bisanzio con l'Italia è intricatissima e viene esposta spesso in modo nozionistico e pesante (penso al libro, peraltro apprezzabile, di Giorgio Ravegnani: I Bizantini in Italia, Il Mulino).

- Per tutti questi motivi, il collezionismo di bizantine assume ingiustamente connotazioni molto elitarie, e viene visto come la passione per una "civiltà decadente". Del resto, il termine "bizantino" ha per noi una connotazione negativa, dovuta (io penso) soprattutto alle lunghe polemiche della Chiesa Romana.

Al contrario, Costantinopoli va vista come la civiltà più brillante di tutto il Medioevo europeo, ed ha lasciato una formidabile eredità al Rinascimento italiano, ai Balcani ed alla Russia.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Gpittini mette il dito nella piaga...

Devo confessare che per molto tempo ho pensato le stesse cose. Ma poi il passare del tempo muta i nostri sensi e le nostre percezioni. E le cose cambiano.

Cominciamo dalla bellezza delle monete bizantine. Gpittini le considera esteticamente poco attraenti per i collezionisti di antiche e le fa derivare dalle monete romane del V secolo, serie pure questa composta da monete ''brutte''.

E qui bisogna cominciare a fare dei distinguo.

La monetazione bizantina non è una derivazione della moneta romana. E' invece una sua evoluzione. Tale evoluzione comincia ben prima del V secolo, perchè inizia con lo spostamento della capitale dell'Impero ad oriente ovvero a Costantinopoli. Da quel momento Roma perde sempre più terreno sia culturalmente che artisticamente e la moneta non fa che adeguarsi.

Per capire la bellezza delle monete bizantine bisogna fare uno sforzo maggiore di quello richiesto per le romane dell'alto impero. Queste ultime infatti essendo realistiche non hanno bisogno di una mediazione culturale necessaria, invece, per la monetazione bizantina. Con l'Impero d'oriente siamo già nel medioevo, epoca spirituale, ricca di simbologie religiose, tesa al divino...

Vi assicuro che, una volta entrati in questo spirito, sono le romane classiche a diventare ''brutte''!

Arka

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

comunque confermo il poco interesse

purtroppo non e` una cosa solo italiana ma credo sia a livello mondiale questo disinteresse per i bizantini.

anch io devo dire che mi piacciono molto , sopratutto le prime emissioni del VI secolo e le zecche secondarie che si crearono dopo l espansione di giustiniano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buona serata

monetazione assolutamente affascinante e per nulla monotona; certamente da interpretare come tante altre, piena di simbolismi e con quelle figure così ieratiche, stilizzate; così lontane dalla bellezza "classica" che non lascia nulla alla immaginazione ed alla interpretazione.

Ovvio che poi, il gusto personale, fa aggio e certo ci vuole una "predisposizione" ...... ma tant'è :pardon:

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Trovo la monetazione bizantina straordinariamente affascinante, per il simbolismo delle rappresentazioni, per le raffigurazioni, erede di culture più importanti, ma certamente non sorella minore,anzi credo sia da studiare e ragionarci sopra parecchio.

Queste difficoltà, unite all'evidente superiorità e conoscenza della monetazione greca e romana, non ne fanno una prima scelta per i collezionisti e gli studiosi, però quando guardo o ho tra le mani una moneta bizantina mi si accende dentro di me una lampadina, l'attrazione è forte, ma chiaramente tutto è soggettivo e non si può studiare o collezionare tutto, Arka insisti, qualcosa rimarrà come sempre attaccato, certamente la passione nasce anche dalla visione delle monete, cerchiamo se riusciamo di vederne qualcuna insieme, questo è il mio consiglio e magari proviamo a commentarle insieme ma molto semplicemente, con pareri anche elementari inizialmente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×