Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Liutprand

valore medaglie olimpiche Londra 2012

Risposte migliori

Utente.Anonimo3245

Potevano farle più piccole ma in oro puro, oppure al 50% almeno, non mi sembra una cosa corretta una percentuale così bassa...Ciao, Giò

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60

Le medaglie d'oro olimpiche, per statuto stesso del CIO (in nome dell'olimpismo), non possono essere d'oro massiccio ma sono in argento 925 placcate in oro, se non erro, con almeno 6 grammi d'oro. Le medaglie dell'ultima Olimpiade erano composte da un anello d'ambra che conteneva la parte metallica. Il valore venale non è comunque calcolabile sul peso complessivo della medaglia se non tenendo conto di quanto scritto sopra; rimane invece l'enorme valore simbolico che tale "oggetto" riveste per tutti gli sportivi.

Ciao

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Concordo sul valore "affettivo", ma perchè dare un "nome" che non è veritiero?

Sono sempre state così oppure è un'abitudine moderna, magari per risparmiare?

Secondo me era più giusto chiamarle medaglie 1°-2°-3° posto, (sto facendo un esempio estremo) coniandole con il bronzo, almeno il materiale restava simbolico del tutto.

Ciao, Giò

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60

Concordo sul valore "affettivo", ma perchè dare un "nome" che non è veritiero?

Sono sempre state così oppure è un'abitudine moderna, magari per risparmiare?

Secondo me era più giusto chiamarle medaglie 1°-2°-3° posto, (sto facendo un esempio estremo) coniandole con il bronzo, almeno il materiale restava simbolico del tutto.

Ciao, Giò

Vado a memoria...è dal 1904 che il CIO ha stabilito la sequenza oro, argento, bronzo; nel 1896 venne assegnata la medaglia d'argento più alloro al primo e la medaglia di bronzo più alloro al secondo; nel 1900 vennero assegnate coppe e trofei.

Lo statuto CIO dal 1904 prevede quanto segue:

Material:

  • First place: It is composed of 550 grams of silver (at least 925–1000 grade) covered with 6 grams of pure gold (worth approximately $494).
  • Second place: It has the same composition as the first place medal without the gilding (worth approximately $260).
  • Third place: It is mostly copper with some tin and zinc (worth approximately $3)

Il valore del premio deve rimanere contenuto in nome dello spirito ideale delle Olimpiadi che mette al primo posto il principio fondamentale del dilettantismo sportivo. A tale spirito devono attenersi (o dovrebbero!!??) anche le varie federazioni nazionali aderenti al CIO (in Italia al CONI) ed a questo scopo sono (sarebbero) vietate premiazioni che non rispettino tale spirito anche nelle gare ufficiali (regionali, nazionali, internazionali) organizzate dalle singole federazioni nazionali. Non sono vietati premi accessori in beni naturali ma sono vietati l'oro e l'argento in purezza sotto forma di medaglia.

In base alle mie conoscenze federazioni come la colombifila, la bocciofila ed altre non comprese nel programma Olimpico premiano con medaglie d'oro; quelle comprese nel programma olimpico non dovrebbero farlo (...!!??) e per quello che riguarda la mia modesta esperianza sia in Italia che all'estero questo principio viene rispettato.

Perchè chiamare d'oro ciò che è solo placcato? Forse perchè incarna meglio il simbolo del primato....tutti gli atleti sanno che è solo oro di Bologna (che diventa rosso per la vergogna) e che dal giorno dopo è tutto passato e, dai più, anche dimenticato e che si deve solo tornare a sudare ;) .

Ciao

Mario

.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Concordo sul valore "affettivo", ma perchè dare un "nome" che non è veritiero?

Sono sempre state così oppure è un'abitudine moderna, magari per risparmiare?

Secondo me era più giusto chiamarle medaglie 1°-2°-3° posto, (sto facendo un esempio estremo) coniandole con il bronzo, almeno il materiale restava simbolico del tutto.

Ciao, Giò

Vado a memoria...è dal 1904 che il CIO ha stabilito la sequenza oro, argento, bronzo; nel 1896 venne assegnata la medaglia d'argento più alloro al primo e la medaglia di bronzo più alloro al secondo; nel 1900 vennero assegnate coppe e trofei.

Lo statuto CIO dal 1904 prevede quanto segue:

Material:

  • First place: It is composed of 550 grams of silver (at least 925–1000 grade) covered with 6 grams of pure gold (worth approximately $494).
  • Second place: It has the same composition as the first place medal without the gilding (worth approximately $260).
  • Third place: It is mostly copper with some tin and zinc (worth approximately $3)

Il valore del premio deve rimanere contenuto in nome dello spirito ideale delle Olimpiadi che mette al primo posto il principio fondamentale del dilettantismo sportivo. A tale spirito devono attenersi (o dovrebbero!!??) anche le varie federazioni nazionali aderenti al CIO (in Italia al CONI) ed a questo scopo sono (sarebbero) vietate premiazioni che non rispettino tale spirito anche nelle gare ufficiali (regionali, nazionali, internazionali) organizzate dalle singole federazioni nazionali. Non sono vietati premi accessori in beni naturali ma sono vietati l'oro e l'argento in purezza sotto forma di medaglia.

In base alle mie conoscenze federazioni come la colombifila, la bocciofila ed altre non comprese nel programma Olimpico premiano con medaglie d'oro; quelle comprese nel programma olimpico non dovrebbero farlo (...!!??) e per quello che riguarda la mia modesta esperianza sia in Italia che all'estero questo principio viene rispettato.

Perchè chiamare d'oro ciò che è solo placcato? Forse perchè incarna meglio il simbolo del primato....tutti gli atleti sanno che è solo oro di Bologna (che diventa rosso per la vergogna) e che dal giorno dopo è tutto passato e, dai più, anche dimenticato e che si deve solo tornare a sudare ;) .

Ciao

Mario

.

Grazie Mario, non seguo lo sport, sporadicamente qualche gara di atletica e nuoto proprio alle Olimpiadi, quindi ero completamente all'oscuro di queste convenzioni, sono sempre stata convinta che fossero d'oro massiccio.

Con lo spirito sportivo, quello vero, sono completamente d'accordo, infatti non comprendo affatto le motivazioni di chi prende sostanze strane pur di vincere.

Grazie per le tue gradite informazioni, Giò

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×