Jump to content
IGNORED

Wappenmunzen. Pisistrato o Hippia oppure quando?


Anaise
 Share

Recommended Posts

Buona sera. Sto scrivendo un lavoro su questo spinoso argomento. Mi chiedevo se il fatto che sulle monete cosiddette Wappenmunzen, non vi sia un tipo fisso, sia dovuto all'instabilità politica dell'epoca. Molti studiosi le datano al periodo di Pisistrato, ma egli governò a lungo, per cui l'idea di tipo fisso si sarebbe dovuta già radicare...

altri parlano di Clistene e delle trittie, altri delle feste Panatenaiche, ma sui tipi Wappenmunzen non compare mai una Nike... insomma, cosa pensate a riguardo?

Alfoldi opta per il 540 a.C. -ultima fase di Pisistrato- Regge come ipotesi?

D'altronde sotto Hippia c'è l'introduzione delle civette...

Aspetto commenti, mi sembrate molto esperti, probabilmente più di me.

Grazie

Edited by Anaise
Link to comment
Share on other sites


Buona sera. Sto scrivendo un lavoro su questo spinoso argomento. Mi chiedevo se il fatto che sulle monete cosiddette Wappenmunzen, non vi sia un tipo fisso, sia dovuto all'instabilità politica dell'epoca. Molti studiosi le datano al periodo di Pisistrato, ma egli governò a lungo, per cui l'idea di tipo fisso si sarebbe dovuta già radicare...

altri parlano di Clistene e delle trittie, altri delle feste Panatenaiche, ma sui tipi Wappenmunzen non compare mai una Nike... insomma, cosa pensate a riguardo?

Alfoldi opta per il 540 a.C. -ultima fase di Pisistrato- Regge come ipotesi?

D'altronde sotto Hippia c'è l'introduzione delle civette...

Aspetto commenti, mi sembrate molto esperti, probabilmente più di me.

Grazie

ciao,

hai già cercato in rete informazioni in merito?

http://manuali.lamoneta.it/NascitaMoneta/4prime.htm

http://www.lamoneta.it/topic/45269-la-moneta-piu-antica-conosciuta/

ciao

Skuby

Edited by skubydu
Link to comment
Share on other sites


certo, ho cercato, ma leggo soprattutto ipotesi che poggiano su basi poco solide.

grazie per i link, con essi vorresti dire che le cosiddette Wappenmunzen sono coeve alle prime monete in elettro?

non riesco a capire, però, se al tempo delle wappenmunzen Atene avesse già conquistato Egina, e se sì, perchè Egina aveva un tipo fisso, Corinto idem e Atene no?

:pardon:

Link to comment
Share on other sites


certo, ho cercato, ma leggo soprattutto ipotesi che poggiano su basi poco solide.

grazie per i link, con essi vorresti dire che le cosiddette Wappenmunzen sono coeve alle prime monete in elettro?

non riesco a capire, però, se al tempo delle wappenmunzen Atene avesse già conquistato Egina, e se sì, perchè Egina aveva un tipo fisso, Corinto idem e Atene no?

:pardon:

ciao,

ti ho indicato questi link semplicemente perchè non sapevo se tu avessi o meno già letto queste discussioni dove si parlava di prime monetazioni.

ciao

skuby

Link to comment
Share on other sites


L'argomento delle Wappenmunzen è piuttosto vasto e con bibliografia abbastanza abbondante.

Credo di capire che le Wappenmunzen sulle quali Anaise desiderebbe studiare siano quelle più note, attribuite ad Atene e comunque alla regione attica. Ci sono tipi diversi.

Il primo a parlare di queste monete fu Seltman nel 1924 nel suo volume

Athens: Its History and Coinage Before the Persian Invasion

del quale è disponibile una copia anastatica del Forni.

Accenno a uno dei vari studi sui Wappenmunzen ateniesi, disponibile su internet:

http://www.otago.ac.nz/classics/scholiagfx/v08p071-078.pdf

dal quale si evince una datazione risalente alla fine del VI secolo a.C.

A quanto mi risulta, non si conosce il tipo della Nike sulle Wappenmunzen.

Un altro riferimento alle Wappenmunzen:

http://www.persee.fr/web/revues/home/prescript/article/numi_0484-8942_1983_num_6_25_1832

Segnalo anche una interessante tesi di laurea (naturalmente non italiana!), che tratta delle monete corinzie, ma con interessanti riferimenti alle Wappenmunzen:

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=10&ved=0CF8QFjAJ&url=http%3A%2F%2Ftheses.gla.ac.uk%2F2557%2F01%2F2000couper1phd.pdf&ei=BFVHUJGaE4bWsgbxkIDIAg&usg=AFQjCNFbm4MWtg5WXy30cdFyxBFzQKTxUw

Link to comment
Share on other sites


grazie acraf.

sì, il mio campo di studi è Atene, e la mia tesi dovrebbe dimostrare il motivo per cui tali monete non abbiano un tipo fisso e le ragioni di questi tipi così vari. Le wappenmunzen hanno piede euboico-attico.

Ho scoperto qualcosa di interessante e spero nei prossimi mesi di poter avvalorare queste teorie, ma c'è molta confusione, anche tra gli studiosi.

premetto che sono un'archeologa e non colleziono monete, per cui per me le monete sono esclusivamente un reperto archeologico.

grazie ancora, se avete delle idee riguardo queste misteriose monete , ne parliamo.

PS: anche monete di altre poleis, ma con scudo "araldico" , sono dette Wappenmunzen? pensavo solo quelle coniate ad Atene.

Link to comment
Share on other sites


Sulle monete ateniesi segnalo questo libro in francese:

FLAMENT, CHRISTOPHE, Le monnayage en argent d'Athenes De l'époque archaïque à l'époque hellénistique (c. 550 - c. 40 av. J.-C.), Louvain-la-Neuve Association of Marcel Hoc, Louvain-la-Neuve, Belgium, 2007.

Link to comment
Share on other sites

Awards

grazie acraf.

sì, il mio campo di studi è Atene, e la mia tesi dovrebbe dimostrare il motivo per cui tali monete non abbiano un tipo fisso e le ragioni di questi tipi così vari. Le wappenmunzen hanno piede euboico-attico.

Ho scoperto qualcosa di interessante e spero nei prossimi mesi di poter avvalorare queste teorie, ma c'è molta confusione, anche tra gli studiosi.

premetto che sono un'archeologa e non colleziono monete, per cui per me le monete sono esclusivamente un reperto archeologico.

grazie ancora, se avete delle idee riguardo queste misteriose monete , ne parliamo.

PS: anche monete di altre poleis, ma con scudo "araldico" , sono dette Wappenmunzen? pensavo solo quelle coniate ad Atene.

Benissimo! In effetti esiste un pò di confusione fra gli esperti su questi reperti e mi auguro vivamente che tu possa procedere a una probante teoria che chiarisca meglio queste monete. Hai fatto bene a concentrarti su quelle ateniesi, per evitare inutili dispersioni.

D'altra parte il termine tedesco "Wappen" significa appunto "stemma", "araldo" e quindi a rigore il termine Wappenmunzen può essere esteso anche a monete più o meno coeve con tipologia "araldica", di altre poleis.....

Magari, a tesi conclusa, gradirei che si eviti il solito rischio di attendere inutilmente ulteriori studi integrativi (magari a insindacabile giudizio del professore relatore). La proprietà intellettuale resta TUA e quindi puoi disporre, a tua discrezione e volontà, se continuare fino a fare un lavoro esaustivo e da pubblicare per via accademica (cosa non proprio semplice), oppure trovare presto un editore privato disposto a darti spazio oppure ancora passare a una serie di articoli, in ogni caso da segnalare, anche in questa sede, per chi è interessato a questo particolare settore di interesse non solo numismatico, ma anche storico e archeologico.

Link to comment
Share on other sites


certo, è una tesi di dottorato.

il lavoro, dopo la formale discussione, dovrebbe continuare tra il dipartimento di Archeologia e l'istituto di Numismatica. staremo a vedere.

intanto mi sto appassionando e sto scoprendo l'importanza della numismatica antica per l'approfondimento archeologico e come questa disciplina sia stata troppo a lungo trascurata dagli studiosi e dagli setssi archeologi.

grazie mille per i consigli bibliografici e un grazie anticipato a chi vorrà condividere con me le proprie opinioni.

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...

Ciao,

qualcuno mi saprebbe chiarire se gli oboli e emioboli delle Wappenmunzen sono in argento come gli stateri?

grazie grazie

ciao, intendi sempre relativamente ad Atene?

si sono in argento, ecco alcuni esempi:

http://www.acsearch.info/search.html?search=athens+wappenmunzen&view_mode=1&en=1&de=1&fr=1&it=1&es=1&ol=1&sort=&c=&a=&l=#4

ciao

skuby

Link to comment
Share on other sites


Un saluto a tutti/e!

Qualcuno sa indicarmi della bibliografia sulla Zecca di Atene?

ciao, ti riporto questo link relativo all'Agora di Athene, visto che siamo in tema Atene.

http://www.agathe.gr...oraPicBk-16.pdf

http://www.sikyon.com/contents_eg2.html

Per la bibliografia, devo ricercarla, ci vorrà un po di tempo.

ciao

skuby

Edited by skubydu
Link to comment
Share on other sites


bibliografia:

Seltman , C., Athens, Its History and Coinage before the Persian Invasion, Cambridge 1924

KRAAY, C. M., Coins of Ancient Athens, Newcastle 1968.

KRAAY, C. M., Archaic and Classical Greek Coins, London 1976.

KROLL, J. H., ‘From Wappenmünzen to Gorgoneia to Owls’, ANS Museum Notes 26 (1981), 1-32.

KROLL, J. H., The Athenian Agora. Vol. XXVI. The Greek Coins, Princeton 1993.

LEWIS, D. M., ‘The Chronology of the Athenian New Style Coinage’, Numismatic Chronicle, 1962, 275-300

MATTINGLY, H. B., ‘The Beginning of Athenian New Style Silver Coinage’, Numismatic Chronicle 150 (1990), 67-78.

MØRKHOLM, O., ‘The Chronology of the New Style Coinage of Athens’, ANS Museum Notes 29 (1984), 29-42.

PUGLISI, Mariangela, ‘La monetazione bronzea di nuovo stile ateniese’, Rivista Italiana di Numismatica 97 (1996), 43-82

STARR, Ch. G., Athenian Coinage 480-449 BC, Oxford 1970.

THOMPSON, W., The Athenian Gold and Bronze Coinages of the Dekeleian War (diss.), Ann Arbor 1963.

TSOURATSOGLOU, I., ‘The Coinage of Athens’, in Athens – Sparta, New York 2006, 241-255.

WALKER, A. S., A Chronological Study of the Greek Imperial Coinage of Athens based on the Collection of the Agora Excavations at Athens (diss.), Ann Arbor 1980.

ciao

skuby

Edited by skubydu
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


grazie.

le wappenmunzen di Atene non sono coniate con argento ateniese (Laurion)

ma argento dalla Tracia.

che perplessità!

Grazie mille skuby, i tuoi link sono ottimi davvero.

Link to comment
Share on other sites


grazie.

le wappenmunzen di Atene non sono coniate con argento ateniese (Laurion)

ma argento dalla Tracia.

che perplessità!

Grazie mille skuby, i tuoi link sono ottimi davvero.

ciao, forse qua trovi notizie.

http://www.perseus.tufts.edu/hopper/text?doc=Perseus%3Atext%3A1999.04.0063%3Aalphabetic+letter%3DA%3Aentry+group%3D8%3Aentry%3Dargentum-cn

ciao buon lavoro!

skuby

Link to comment
Share on other sites


  • 5 months later...

Ciao,

come sta andando con il lavoro?

Per vari motivi mi sto interessando ad argomenti contingenti e mi piacerebbe avere notizie sugli sviluppi.

Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...

Riprendo questa discussione per segnalare un esemplare esitato oggi da CNG, partendo da 200 dollari ne ha realizzati 3500+diritti.

post-7579-0-25310300-1406139229_thumb.jp

331, Lot: 23. Estimate $200.
Sold for $3500. This amount does not include the buyer’s fee.

ATTICA, Athens. Circa 515-510 BC. Halved Fourrée Tetradrachm (24mm, 6.68 g, 2h). “Wappenmünzen”. Facing gorgoneion / Facing panther head with paws, within incuse square. Asyut 260; cf. Seltman Group K, 324-5 (especially dies A211/P269 and P270); SNG Copenhagen –. VF, cut in half, revealing the bronze core.

"Wappenmünzen" ("Blazon money") is a German term used to describe the earliest coinage of Athens. Although modern scholars have convincingly demonstrated that Seltman's hypothesis that Wappenmünzen types represent the coats-of-arms of Athens' leading families is incorrect, numismatic cataloguers have been hard-pressed to find a more suitable designation to describe the series.

ciao

skuby

Link to comment
Share on other sites


  • 3 years later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.