Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
troubador

Tanit e i delfini

Risposte migliori

troubador

Questa sera vorrei sottoporre alla vostra attenzione una tetradramma probabilmente siculo-punico che non sono riuscito in alcun modo a identificare: al D/ Quadriga galoppante a destra condotta da un auriga che regge le redini con la sinistra e il frustino nella destra, coronato da una Nike volante a sinistra; in exergo iscrizione punica (sarei molto curioso di sapere cosa c'è scritto...); al R/ Tanit (?) rivolta a destra con i capelli tirati indietro, circondata da quattro delfini di dimensioni diverse.

La moneta, presumibilmente d'argento, pesa 13,42 g ed ha un diametro di circa 24mm.

]

[img=]

]

[img=]

]

[img=]

]

[img=]

Questa moneta è simile ma non uguale ad una di Céphaloédium (Cefalù)(ANS. 729, pl. 25) così come ricorda alcuni conii di Panormus (Palermo).

Grazie in anticipo a chiunque desideri darmi una mano...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scalptor

Io direi che é semplicemente un falso molto mal fatto.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

troubador

Io direi che é semplicemente un falso molto mal fatto.

Saluti

Grazie mille per la tua repentina valutazione.... quello che posso dirti è che nel 1947 era già presente in un catalogo di famiglia...

Buona serata!

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

monetae

Direi che la presenza nel catalogo di famiglia dal 1947, non ne fa automaticamente una moneta autentica, soprattutto se consideriamo che le falsificazioni sono cominciate qualche secolo prima.

Anche per me è solo un falso abbastanza approssimativo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scalptor

Scusami mi sono espresso in fretta e male ma non volevo offendere.

A pima vista e dalle foto la qualitá del'incisione fa una brutta impressione cosí come l'ossidazione che mi sembra verderame.

Ma aspettiamo pareri piú autorevoli degli esperti in questa monetazione.

Modificato da scalptor

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

troubador

Direi che la presenza nel catalogo di famiglia dal 1947, non ne fa automaticamente una moneta autentica, soprattutto se consideriamo che le falsificazioni sono cominciate qualche secolo prima.

Anche per me è solo un falso abbastanza approssimativo.

Verissimo... la mia era solo una nota storica. Comunque grazie a tutti, vi chiedo scusa del disturbo, mi cospargo il capo di cenere e vi auguro una buona serata...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scalptor

Su non la prendere cosí, non c'é bisogno di nessuna cenere.

Aspetta altri pareri che saranno probabilmente piú ricchi di particolari per aiutarti a capire di che si tratta.

Ma se non hai foto migliori cerca di dare altri dettagli, per esempio, nel catalogo di famiglia come era classificata ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Una moneta simile e' riportata al n. 1293 di "La moneta nella Sicilia Antica", Catalogo della Collezione Numismatica del Museo Archeologico di Milano. L'esemplare pesa 16,96 g. e misura 26 mm; e' attribuito prevalentemente alla zecca di Lilybaion; classific. Jenkins 1971, p. 58,66 n. 47; presente anche nella SNG Ashmolean (2147). In esergo e' scritto in punico: Rsmlqrt, che suppongo abbia a che fare con Melquart.

In effetti, la foto che hai postato non da' grande tranquillita' sul fatto che sia autentica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

troubador

DE GREGE EPICURI

Una moneta simile e' riportata al n. 1293 di "La moneta nella Sicilia Antica", Catalogo della Collezione Numismatica del Museo Archeologico di Milano. L'esemplare pesa 16,96 g. e misura 26 mm; e' attribuito prevalentemente alla zecca di Lilybaion; classific. Jenkins 1971, p. 58,66 n. 47; presente anche nella SNG Ashmolean (2147). In esergo e' scritto in punico: Rsmlqrt, che suppongo abbia a che fare con Melquart.

In effetti, la foto che hai postato non da' grande tranquillita' sul fatto che sia autentica.

Grazie mille Gianfranco, andrò quanto prima a vederla... Ti confesso che in fondo in fondo un dubbio l'avevo anch'io ma l'autorevole parere negativo dei signori di cui sopra, mi ha forse convinto definitivamente...

Come sai, ogni moneta, per chi ha la nostra passione, è un po' come un'amante.... e ogni falso è un po' come un tradimento.

Un saluto

Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Ahime', anch'io ho subito molti tradimenti...

La cosa particolare della numismatica e' che si viene traditi piu' da giovani che da vecchi.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scalptor

Con tutta la delicatezza che un caso di tradimento comporta, ti posto il link di un esemplare autentico del tipo da te postato

http://www.acsearch.....html?id=588138

Ha ragione Gianfranco, con l'etá i tradimenti diminuiscono ma la passione aumenta

Modificato da scalptor

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×