Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Luigiantonio

eccomi con un'altra moneta

Risposte migliori

profausto
Supporter

Un lato è simile ad un bagattino per Brescia di Francesco Foscari

come questo

ma sentiamo altre opiunioni

http://www.medagliemonete.it/product.php?id_product=1740

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

karnescim

anche a me sembra la moneta postata da Profausto, aggiungo che mi sembra che l'altro lato sia l'incuso del primo, come se la moneta fosse rimasta incastrata nel conio

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Luigiantonio

si, è come dice Marchese, però la scritta è F F V D mentre quella indicata è F F D V

Modificato da Luigiantonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

corzanopietro

la scritta riportata dai libri di numismatica è FFDV tra la croce .

è un bagattino coniato per Brescia in bassa lega d'argento 1423-1457

sono le cosidette monete anonime per i possedimenti di terra.

la moneta è in rilievo da ambo le parti , il fronte non riportato presenta il leone di S. Marco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

corzanopietro

è una monetina abbastanza comune in quel di brescia.

valore se in buona visione, diciamo, bb da 70/80 €

alla prossima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto
Supporter

è una monetina abbastanza comune in quel di brescia.

valore se in buona visione, diciamo, bb da 70/80 €

alla prossima

se fosse quello .... !

ma la moneta postata è diversa.....

Per dare indicazioni corrette;......se fosse il bagattino per Brescia., non rientra fra le emissioni anonime, ma fra le monete dei Dogi (Francesco Foscari)

poi le lettere non concordano leggo F.F.V.D anzichè F.F.D.V -

una "faccia" non è con il Leone in soldo come dovrebbe ma si nota un incuso di croce con globetto nel I° quarto

Ne deduco che non si possa identificare nel Bagattino per Brescia

Potrebbe essere anche una tessera o un "aborto di conio"

Ecco perchè attenderei il pareri di esperti della monetazione di venezia

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buona serata

Monetina interessante; la prima che vedo tra tanti tipi e varianti che ho avuto modo di "studiare" e che abbia cosi' tante anomalie.

Le perplessita' di profausto sono anche le mie; sarebbe opportuno avere della foto di sinistra una migliore e non sfuocata.

E' possibile? Grazie

Luciano

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Luigiantonio

cerco di fare una scansione migliore e ve la mando, grazie a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Luigiantonio

vi posto ora due scansioni fatte in diverso modo, ma il risultato è quello che è

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Luigiantonio

aggiungo queste due scansioni come mi è stato richiesto, le ho fatte in modo diverso ma il risultato non è granchè

post-4874-0-45382200-1354133270_thumb.jp

post-4874-0-74206000-1354133285_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buona giornata

in effetti queste nuove foto non aiutano :nea:

La mia impressione, comunque, è che non si tratti di un falso, ma di un "qualcosa" che doveva essere scartato.

Forse un "test" fatto su un tondello proprio per vedere come erano "combinate" le lettere errate (FFVD invece di FFDV)

Mi e' difficile pensare ad un tondello che sia restato appiccicato al conio ed abbia riportato l'impronta del diritto anche sul verso. Allora si coniava a martello una moneta per volta ed il tondello vergine (flaone) veniva posizionato a mano tra i conii, dopo che si era rimosso il tondello precedente.

Ancor più difficile pensare che, non trovato il tondello dopo la battuta, gli addetti non abbiano controllato se per caso non fosse restato appiccicato ad uno dei conii, cosa che talvolta poteva avvenire.

Certamente tutto puo' essere, e le mie sono solo ipotesi.....è vero anche che queste monetine sottili e leggere, venivano coniate in gran fretta e senza tanta perizia; anche in quelli "normali", spesso, si nota l'impronta del diritto, nel rovescio, o viceversa, a causa di una battuta troppo energica; di conseguenza, si può anche pensare ad una carente scrupolosità nei controlli del "prodotto" (ma valevano cosi' poco......).

Saluti

Luciano

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

corzanopietro

Buona giornata

in effetti queste nuove foto non aiutano :nea:

La mia impressione, comunque, è che non si tratti di un falso, ma di un "qualcosa" che doveva essere scartato.

Forse un "test" fatto su un tondello proprio per vedere come erano "combinate" le lettere errate (FFVD invece di FFDV)

Mi e' difficile pensare ad un tondello che sia restato appiccicato al conio ed abbia riportato l'impronta del diritto anche sul verso. Allora si coniava a martello una moneta per volta ed il tondello vergine (flaone) veniva posizionato a mano tra i conii, dopo che si era rimosso il tondello precedente.

Ancor più difficile pensare che, non trovato il tondello dopo la battuta, gli addetti non abbiano controllato se per caso non fosse restato appiccicato ad uno dei conii, cosa che talvolta poteva avvenire.

Certamente tutto puo' essere, e le mie sono solo ipotesi.....è vero anche che queste monetine sottili e leggere, venivano coniate in gran fretta e senza tanta perizia; anche in quelli "normali", spesso, si nota l'impronta del diritto, nel rovescio, o viceversa, a causa di una battuta troppo energica; di conseguenza, si può anche pensare ad una carente scrupolosità nei controlli del "prodotto" (ma valevano cosi' poco......).

Saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

corzanopietro

se fosse quello .... !

ma la moneta postata è diversa.....

Per dare indicazioni corrette;......se fosse il bagattino per Brescia., non rientra fra le emissioni anonime, ma fra le monete dei Dogi (Francesco Foscari)

poi le lettere non concordano leggo F.F.V.D anzichè F.F.D.V -

una "faccia" non è con il Leone in soldo come dovrebbe ma si nota un incuso di croce con globetto nel I° quarto

Ne deduco che non si possa identificare nel Bagattino per Brescia

Potrebbe essere anche una tessera o un "aborto di conio"

Ecco perchè attenderei il pareri di esperti della monetazione di venezia

per una mia curiosità e per ravvivare

l'indicazione moneta anonima inteva moneta priva dell'indicativo della città, il riferimento al doge l'ho

ritenuto superfluo ai fini dell'identificazione della moneta.

ma.... a mio parere sono le due scansioni che non tornano. è certo che non ci sia un errore nella trasmissione delle scansioni?

è possibile avere scansioni più chiare, una del diritto ed una del rovescio, col peso e il diametro, si potrebbe dire qualcosa in più.

grazie e buon Natale a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chievolan

Già è difficile parlare di una moneta guardandola solo in foto. Figuriamoci se queste foto sono pessime ..... Servirebbe decisamente una buona foto del lato controverso; così non è chiaro neppure se si tratti effettivamente di un incuso.

Almeno ce lo avesse detto Luigiantonio.

Sembrerebbe effettivamente un incuso causato dal permanere della moneta nel conio. Le differenze e la non chiarezza dell'impronta sarebbero dovute a una leggera rotazione del conio nel "secondo" colpo; ciò spiegherebbe quella sfasatura che si vede nell'impronta della croce e delle lettere, delle quali notiamo due impronti verticali che sarebbero le F, una più "complicata" che sarebbe la V ed una tondeggiante (con forma non ben identificabile proprio per la rotazione del conio, che sarebbe il "buco" della D.

Fermo sta che è interessante lo scambio di posto tra le lettere V e D; ma sarebbe una variante assolutamente non rara in monete di quel periodo.

Nessuna stranezza nel fatto che errori simili, per errori nel conio o nella coniazione, sfuggissero per monete di queste tipologia, .... si vede ben di peggio (per fortuna nostra che godiamo nello scoprire una variante o un errore).

Ciao. Chievolan.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

corzanopietro

Già è difficile parlare di una moneta guardandola solo in foto. Figuriamoci se queste foto sono pessime ..... Servirebbe decisamente una buona foto del lato controverso; così non è chiaro neppure se si tratti effettivamente di un incuso.

Almeno ce lo avesse detto Luigiantonio.

Sembrerebbe effettivamente un incuso causato dal permanere della moneta nel conio. Le differenze e la non chiarezza dell'impronta sarebbero dovute a una leggera rotazione del conio nel "secondo" colpo; ciò spiegherebbe quella sfasatura che si vede nell'impronta della croce e delle lettere, delle quali notiamo due impronti verticali che sarebbero le F, una più "complicata" che sarebbe la V ed una tondeggiante (con forma non ben identificabile proprio per la rotazione del conio, che sarebbe il "buco" della D.

Fermo sta che è interessante lo scambio di posto tra le lettere V e D; ma sarebbe una variante assolutamente non rara in monete di quel periodo.

Nessuna stranezza nel fatto che errori simili, per errori nel conio o nella coniazione, sfuggissero per monete di queste tipologia, .... si vede ben di peggio (per fortuna nostra che godiamo nello scoprire una variante o un errore).

Ciao. Chievolan.

oggi sono a riposo e sono andato a vedermi la zecca di Venezia : Bagattini

Zecca di Venezia: il bagattino fu emesso per la prima volta dalla zecca di Venezia durante il dogado di Francesco Foscari e destinato a circolare fuori laguna.

Vennero infatti emessi il bagattino per Brescia ed il bagattino per Verona e Vicenza.

La tipologia è anche detta bagattino con le iniziali, per la presenza delle iniziali dei Dogi tra le braccia della croce.

Il primo documento che ne fa menzione è del 22 febbraio 1422 e la sua coniazione durò fino al dogado di Pietro Lando.

Inizialmente il bagattino di Brescia aveva un titolo in argento di 0,111 (rapporto rame argento 1/9), ma con risoluzione del febbraio del 1422 venne ordinato un debassamento a 0,055 (ossia 1/18).

Questo serviva per risparmiare argento per finanziare le attività militari e contrastare la circolazione del sesino di Milano, moneta in rame argentato(Papadopoli vol. I pag. 259).

Nel maggio dello stesso anno lo stesso provvedimento verrà applicato al circolante per padova e Treviso.

BAGATTINI:

1) bagattino per Brescia : doge Franc. Foscari

D/ Croce tra lettere FFDV (Francesco Foscari Doge Veneto),

R/ leone in soldo, Mistura 12 mm. 0,464 gr.

2)bagattino ; doge Andrea Vendramin,

D/Croce tra lettere AVDV (Andrea Vendramini Doge Veneto)

R/ leone in moleca--

pesi misure e metallo come sopra.

3)bagattino; doge Giovanni Mocenigo

D/ croce tra lettere IOMD, (Ioannes ?...Mocenigo Doge)

R/ +SM VENETI, leone in moleca,

metallo e diametro simile grammi 0,21.

4)bagattino; doge Agostino Barbarigo

D/ croce tra lettere ABDV, (Agostino Barbarigo Doge Veneto)

R/ +SM VENETI, leone in moleca

metallo diametro e peso come sopra.

5)bagattino; doge Leonardo Loredan

D/croce tra lettere LLDV, (Lorenzo Loredan Doge Veneto)

R/+SM VENETI, leone in moleca

metallo, peso e diametro come sopra.---

VARIANTI-- LELD--LLDX--LXDV--LVDX--LFDV....

in attesa di altre notizie auguro a tutti un buon Natale.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto
Supporter

Sono riuscito a vedere il Mainetti Gambera - Brescia nelle monete - e tra le emissioni di Francesco Foscari del Bagattino per Brescia a pag 161 - nr 122 C - figura la descrizione dello stesso con lettere

F F V D come quello postato -

Allego estratto

post-23152-0-54136300-1356899124_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Buon anno :rolleyes:

Ne "La Nummografia Veneziana" di Vincenzo Padovan - Estratto dell'Archivio Veneto, Anni 1876 - 77, viene citata anche un'altra variante con le lettere F - F - DV.

Penso che questa piccolissima monetina possa regalarci, se studiata a fondo, notevoli sorprese riguardo alla sua iconografia....le varianti (anche dovute ad errori) che figurano in questa discussione, sono già parecchie...non trovate?

saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Questo è una "variante" che possiedo.

Da notare la croce che, a differenza della maggior parte di quelle coniate, non è patente, non è neppure quella con il vertice delle braccia fessurato, ma è proprio differente (e per me più bella). Anche le lettere non sembrano in caratteri latini, ma più "arcaici"...

post-21005-0-08151700-1357042522_thumb.j

post-21005-0-22000300-1357042545_thumb.j

Questo sopra un tipo "tradizionale"

post-21005-0-43106100-1357042631_thumb.j

post-21005-0-50953700-1357042658_thumb.j

Questo sopra la "variante"

saluti

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto
Supporter

Ciao Luciano .... Buon Anno!

bello il tuo Bagattino ! nel Mainetti-Gambera, la tua moneta è classificata al nr 121 C. (pag 161 )

con annotazione:

"Come i precedenti ma terminali della croce bipartiti e lettere in caratteri gotici"

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Grazie Sergio e buon anno :good:

questo libro mi manca ..... lieto che sia stata censita da qualche parte, in quelli che parlano specificatamente di monete veneziane non c'è, nemmeno negli ultimi editi....

saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

La croce è sempre patente ma il finale è stato reso più aggraziato. Maggiore anche la cura nella realizzazione delle lettere. Bell'esemplare. E vista la caratteristica delle lettere potrebbe essere fra i primi coniati.

Arka

P. S. Complimenti al proprietario...

Modificato da Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

417sonia
Supporter

Grazie Arka ....e buon anno :hi:

è stata proprio la particolarità della croce e delle lettere che me l'hanno fatta piacere subito....un "colpo di fulmine" :pleasantry:

saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×