Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
dabbene

STRUMENTI DELLA ZECCA DI MILANO

Supporter

Io giuro sui santi Vangeli di Dio, che non accetterò consapevolmente denari falsi, nè ammetterò la tosatura, nè prenderò argento ottenuto dalla tosatura o con lega di bronzo, per me o per un altro ; quando lo avrò saputo, quei denari li romperò o li farò rompere; e se saprò che qualcuno consapevolmente riceve denari falsi o tosati o argento ottenuto dalla tosatura o con lega di bronzo, lo accuserò ai podestà, o ad uno di essi, entro otto giorni; e se qualcuno mi mostrerà denari appena tosati o falsi.......

Parimenti non detrarrò peso nè lo farò detrarre in alcun modo, nè distruggerò nè farò distruggere la buona e giusta moneta milanese......

Parimenti mi adopererò,in fede, affinchè la moneta milanese si conservi inviolabilmente giusta e illesa.....

Parimenti non terrò nessuno al tavolo di vendita o di cassa se entro tre giorni non avrà fatto uguale giuramento.

DAL GIURAMENTO IN LATINO IMPOSTO DAI PODESTA' DI MILANO IL 13 LUGLIO 1204 SUL COMPORTAMENTO DA TENERE DI FRONTE ALLA MONETA.

Segue....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Le immagini che seguono sono tratte da " La Zecca di Milano" di Gian Guido Belloni, iniziamo con una bella immagine della bilancia della zecca di Milano in uso del bilanciaio Giovanni Culot , l'anno è il 1809, presso il Civico Gabinetto Numismatico al Castello Sforzesco.

post-18626-0-81507400-1355763408_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Una visione globale della stessa bilancia,

post-18626-0-38713500-1355763488_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Uno degli strumenti in uso dalla zecca di Milano presso il Civico Gabinetto Numismatico al Castello Sforzesco : il riferimento è a Milano e Venezia

post-18626-0-29104800-1355763662_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Passiamo ai conii : questo è per la moneta per il Regno Lombardo Veneto della zecca di Milano sempre al Civico Gabinetto Numismatico al Castello Sforzesco

post-18626-0-97959400-1355763832_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Altro conio della zecca di Milano per monete di Leopoldo II, anno 1787, il conio è consumato ed è rimasta solo una traccia di FLAN dopo COM.

Sempre al Civico Gabinetto Numismatico al Castello Sforzesco.

post-18626-0-47634800-1355764254_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Ciao Mario

reperti rari i ferri delle zecche - in generale - non parliamo poi di quelli più "datati"; però non capisco l'immagine del post 4....

Che cosa rappresenta?

Grazie

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Sembra un calibro,qualcosa del genere, almeno credo, certo che ripensando che tutto questo è a Milano, a pochi metri dal Cordusio e si potrebbero vederli magari anche insieme.....chissà forse un giorno....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

si',credo siano calibri del diametro per GROSSO..

R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Ma in questo periodo c'erano i grossi?

Oppure per grossi si intendevano altre monete?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

La lettera del giuramento non corrisponde come datazione però agli strumenti di zecca postati sul libro, quindi potrebbe anche essere , in effetti si legge :

GROSSI - TORCHI NOVI - MILANO E VENEZIA, quindi c'entra anche Venezia qui, sui lati poi c'è SUPERIORE E INFERIORE, si potrebbe andare a vederlo e chiedere bene al Castello l'uso e la storia, potrebbe essere uno stimolo e l'occasione buona per fare una visita......

Modificato da dabbene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

In realtà contavo proprio sul tuo aiuto grafico Matteo :blum: .....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?