Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
acraf

MG Falso di Cuma

Risposte migliori

acraf

Colgo l'occasione per segnalare la presenza di un interessante falso di Carlo Guglielmo Becker (1772-1830), che fu attivo soprattutto nel primo ventennio del XIX secolo, apparso nella prossima vendita dell'asta Hirsch (287, lotto n. 1636):

post-7204-0-49596900-1356538274_thumb.jp

Esso è riportato nel catalogo dei falsi Becker alla tavola I, n. 1 (G.F. Hill, Becker the Counterfeiter, Londra 1925).

Ho già scritto a Hirsch per avere dati più precisi sul diametro e sul peso e se il metallo è in buon argento. Sto apsettando la risposta.

In ogni caso balza evidente un fatto, che a Cuma non furono MAI coniati dei dioboli, ma solo stateri e oboli (di piede focese oppure euboico-attico), più un rarissimo quarto di obolo (un pezzo unico, BMC 24).

Gli oboli, del peso intorno a 0,5-0,7 grammi, recano sempre la testa elmata di Atena.

Gli stateri invece recano la testa della ninfa Cuma.

Oltre a questi nominali sono note due monete d'oro, ambedue pezzi unici e noti dal XIX secolo (Rutter 4, a Parigi, e 5, al British Museum di Londra).

Il Rutter 4 in particolare è un diobolo d'oro, del peso di 1,43 grammi, dai più considerato come un falso. Manca ancora la foto digitale sul sito della Biblothéque Nationale e sul Sylloge Nummorum Graecorum France, riportato al n. 2286, è considerato di incerta autenticità, con tondello molto spesso e disegno piuttosto incerto ("L'authenticité de cette monnae est douteuse, le flan est épais et le dessin du type uncertain").

Se si prova a confrontare il pezzo d'argento di Becker con quello d'oro di Parigi (la foto è scansionata direttamente dal volume del SNG):

post-7204-0-56986200-1356539056_thumb.jp

fa impressione notare strette affinità. I conii non sono gli stessi, ma la mano appare essere più o meno la stessa.

Non conosco la storia del pezzo d'oro di Parigi e quando esattamente fu confluita in questa raccolta.

In ogni caso ci sono realmente motivi di perplessità circa l'autenticità del pezzo d'oro di Parigi, mostrando nette differenze rispetto agli stateri noti, e non posso escludere che sia pure esso opera del Becker.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

complimenti acraf!!!

sarebbe interessante avere un immagine in alta risoluzione del pezzo di parigi.

Nelle aste Hirsch si trova spesso materiale "interessante...."

ciao

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Ho ricevuto risposta da Hirsch. Diametro 1,13 e peso 1,66 g con foto di maggiore definizione:

post-7204-0-08965500-1357924084_thumb.jp

post-7204-0-58172500-1357924108_thumb.jp

Utile conoscere questo pezzo falso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu

ottimo, immagine molto utite .....va ad aggiungersi alle altre!!

ciao

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×