Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  

Il denaro tornese nella Grecia Franca


Description

Descrizione e catalogo dei denari al castello tornese coniati nella Grecia franca.

IL DENARO TORNESE NELLA GRECIA FRANCA

L’esistenza, la produzione e la circolazione del denaro tornese nei possedimenti franchi in Grecia nei due secoli successivi alla Quarta Crociata costituisce un argomento di particolare interesse, e per vari motivi.

In primo luogo la produzione in grandi quantità di un’imitazione della principale moneta del Regno di Francia nella Grecia medievale merita una spiegazione, non essendo né scontata né logica a colpo d’occhio.

Altro motivo di interesse è che moneta di questo tipo circolò e fu prodotta in Italia meridionale, dando il nome al tornese prodotto a Napoli fino alla metà del XIX secolo.

Finalmente, l’area egea ebbe un’influenza enorme sulle vicende delle città marinare italiane negli ultimi secoli del medioevo. La circolazione monetaria in Grecia fu strettamente legata alle fortune di Genova e soprattutto di Venezia.

Questo articolo sul denaro tornese della Grecia franca, affronta questi temi, che nella loro complessità hanno richiesto la scrittura di un numero di pagine superiore a quelle normali per un semplice articolo. Il testo si articola in sei sezioni:

  1. Lineamenti di storia dell’area egea dalla quarta crociata alla caduta dell’impero bizantino
  2. Circolazione monetaria in Grecia franca, sec. XIII-XV. A completamento di questo argomento, descrizione ed analisi dei ritrovamenti noti di tornesi in area greca, italiana e francese.
  3. Descrizione sommaria e catalogo delle emissioni di tornesi delle singole zecche in area egea.
  4. Descrizione sommaria e catalogo delle emissioni di monete derivanti dal tornese franco (tournesia bizantini e tornesello di Venezia)
  5. Breve descrizione della falsificazione coeva di tornesi
  6. Appendici: repertorio dei rinvenimenti noti di tornesi franchi in area greca, italiana e francese. Ripostigli medievali in area italiana centrale in cui l’assenza di tornesi franchi indica il limite dell’area di circolazione di questa moneta.

La speranza dell’autore è che questo studio sia utile come referenza rapida e sintetica a collezionisti e medievalisti di ogni livello. Contemporaneamente a questo lavoro Davide Fabrizi (Fedafa) ha scritto un articolo che integra e continua il presente. Lo ringrazio per la fruttuosa collaborazione in quella che è stata a tutti gli effetti una scrittura in parallelo.

Roberto Cecchinato (Rob)

Dicembre 2011

Per leggere l'articolo clicca qui


 Report this tutorial


5 Commenti

E' difficile,in poche parole, esprimere un commento riguardo un lavoro di tale levatura, senza cadere nel banale. Quindi, evito di menzionare aggettivi del tipo "magistrale" etc. nonostante essi sarebbero ben meritati. Ma rob, sicuramente non ne ha bisogno. Una trascrizione lucida e minuziosa che approfondisce la materia in ogni suo risvolto. Uno strumento che sarà molto utile agli esperti ed a chi si avvicinerà a tale monetazione per la prima volta. Sicuramente un grande sforzo ma che sarà ripagato da numerosissime letture.

Complimenti, veramente.

Grazie rob

Adolfo Sissia

Condividi questo commento


Link al commento

Caro Roberto

non fosse altro che per i ringraziamenti che mi hai rivolto come "correttore di bozze" (il ringraziamento è mio, che mi hai dato la possibilità di veder crescere un prodotto importante), è palese che il tuo poderoso lavoro l'abbia letto più e più volte e devo dirti che l'ho fatto sempre con molto piacere.

Ad ogni lettura si rinnovava il piacere di scopriere avvenimenti e situazioni che mi appagavano, sia sotto l'aspetto numismatico, sia storico (ma è forse possibile scindere le due cose? Io credo di no!).

Ogni volta ho imparato cose nuove e ho scoperto relazioni (mi riferisco a Venezia) che conoscevo solo parzialmente; ora so anche il contesto più generale.

Un plauso alla tua passione ed alla tua perseveranza ed alla generosità che dimostri di avere nel condividere il tuo lavoro con tutti noi.

Grazie

Saluti

Luciano

Condividi questo commento


Link al commento

Ciao rob ,da pochi giorni ho finito di leggere il tuo lavoro sui Denari Tornesi della Grecia franca e l'ho trovato valido ed interessante.

Io studio i Denari Tornesi di Campobasso(la mia città)e sono alla ricerca del nome dello zecchiere o degli zecchieri che hanno emesso i Denari Tornesi di Campobasso.

Leggendo il tuo lavoro ,dal momento che sui Tornesi campobassani vi si possono trovare dei simboli nelle legende e nel campo del tempio(non ritengo sia castello poichè secondo me i Tornesi francesi si rifacevano ai Denari carolingi di Ludovico il Pio che nel campo avevano un tempio)quali il giglio angioino,la rosetta e la stella a cinque punte,ho annotato che tali simboli sono presenti in Tornesi di Lepanto(giglio),in alcuni di Chiarenza le stellette ed in quelli di Aenos le rosette.

Ora,secondo me,questi segni distintivi erano quelli con cui gli zecchieri "firmavano"le loro emissioni.Mi voglio però soffermare proprio sulle emissioni di Aenos che vi furono fra il 1421 ed il 1455 ,ma non dopo il 1456 poichè la città ,in questa data,andò in mano turca,ebbene ,dopo il 1456 lo zecchiere rimase,per così dire senza lavoro e può darsi che fu reclutato da Nicola II di Monforte per battere monete campobassane del tipo dei Tornesi di area greca.Infatti i Denari Tornesi molisani(Campobasso,Limosano e Termoli) furono coniati fra il1460 ed il 1463.Potrebbe essere la mia un'ipotesi plausibile?

Inoltre i Tornesi medievali,soprattutto quelli campobassani,hanno molte varianti,come quelle che ti ho citato, nelle legende e nel campo del tempio ed in un periodo di 3 o 4 anni non ritengo possibile siano stati coniati Tornesi con tutte queste varianti.

--Vedi se mi puoi aiutare

-Grazie

odjob

Condividi questo commento


Link al commento

Buona sera, sono Antonino (antoninoc.) volevo ringraziare R. Cecchinato per per lo splendido lavoro, mi è stato davvero utilissimo. Durante alcuni scavi archeologici sono stati rinvenuti 3 tornesi (per il momento dato che gli scavi sono ancora in corso), che secondo me (non sono un numismatico ma solo un appassionato), sono stati coniati in Grecia tra il XIII e XIV sec. Se per motivi di studio o statistici o per integrare il suo studio le invio molto volentieri le foto delle monete rinvenute. Nel farle ancora i complimenti le auguro una buona serata. Per ulteriori informazioni mi può contattare all'indirizzo di posta elettronica ninomod1@hotmail.it

ancora grazie

Condividi questo commento


Link al commento

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×