Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
apollonia

Il “Lato B” di Venere

Recommended Posts

apollonia
1 ora fa, ARES III dice:

Bellissime monete, complimenti.

Però mi sembra che quelle immagini e la tematica stessa possano urtare o turbare l'animo di qualche minore !

( O anche qualche anima pia, ma qui penso che la cerchia sia un tantino più striminzita)

Ricordiamoci che ci sono molti minori che ci leggono e ci seguono, quindi evitiamo che questi ragazzini diventino collezionisti di monete solo per ammirare un bel panorama. :pleasantry:

Poi la scusa di invitare qualche ragazza ad entrare nella loro camera per mostrargli la collezione di farfalle diventerà quella dei denari imperiali !

Collezione più virile ma anche più esplicita!

:rofl:

Vuol dire che li indirizzeremo sul dipinto del Botticelli

800px-Botticelli-Juicio-de-Paris.jpg.38a507d1945905d19b42eabcb75bd181.jpg

apollonia

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Depresso
ARES III
4 minuti fa, apollonia dice:

Botticelli

Attento che anche lui ha fatto una venere desnuda.....anche se secondo le male lingue dell'epoca "ungli garbava tanto"..... Sarà stato forse per la conchiglia ?

1503909239806647-605174-2-.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Certo che anche il “Lato A” di Venere, valorizzato dall’atteggiamento pudico con cui la dea copre le nudità, non è da meno del “Lato B”. Piuttosto intrigante è invece l’atteggiamento dei due venti Zefiro e, forse, Aura, che l’hanno sospinta sull’isola di Cipro, avvinghiati uno all’altra come in un amplesso.

Secondo Esiodo Afrodite, la dea della bellezza e dell'amore identificata con Venere dai Romani era nata in primavera dalla spuma del mare fecondata dai genitali di Urano che Cronos aveva scagliato in mare dopo la ribellione contro il padre. Afrodite, dal greco afros, la spuma, aveva anche l'appellativo di Urania, perché anche figlia del Cielo. Appena emerse dalle onde su una conchiglia di madreperla, Zefiro l'aveva spinta sulla riva dell'isola di Cipro: da qui gli appellativi di Anadiomene, l'emersa, e di Ciprigna. Appena la dea mosse i primi passi sulla spiaggia, i fiori sbocciarono sotto i suoi piedi e subito le vennero incontro le Ore, le Cariti, Peito, la persuasione, Potos, il desiderio, Himeros, la brama, per accoglierla, onorarla e servirla. La vestirono con un vestito bellissimo e una cintura, le misero boccole d'oro e di gemme alle orecchie, braccialetti ai polsi e una collana splendente al collo. Dal cielo arrivò un carro di gemme, tirato da due colombe, sul quale la dea salì e fu così assunta in Cielo. Zeus la diede in moglie ad Efesto, ma la sua idea non fu delle più felici; non si può unire in matrimonio la dea più bella con il dio più brutto. Afrodite veniva rappresentata nel fiore della sua giovinezza, avvenente, graziosa, tutta ingioiellata e sorridente. Il suo volto era ovale, delicato e gentile; i suoi occhi grandi, tremuli, avevano uno sguardo soave e languido che ispiravano tanta dolcezza. Sopra il vestito portava una cintura magica dove erano raccolti tutti i vezzi, le grazie, il sorriso che promette ogni gioia, i teneri dialoghi degli innamorati, i sospiri che persuadono e il silenzio espressivo. Erano sacri ad Afrodite tra le piante il mirto, la rosa, il melo, il papavero; tra gli animali il passero, la lepre, il cigno, il delfino e soprattutto la colomba. Dalle sue varie unioni ebbe alcuni figli: dal troiano Anchise ebbe Enea; dal dio Dioniso ebbe Imene, il dio delle feste nuziali; da Ares ebbe due figli terribili, Eros, amore, e Anteros. I poeti greci raccontano che quando Afrodite ebbe Eros, si lamentò con la dea Temi perchè il figlio non cresceva; Temi le rispose che il bambino non sarebbe cresciuto finchè non avesse avuto un fratello. Allora Afrodite diede vita ad Anteros che significa "colui che ricambia l'amore". Così i poeti, con questa graziosa leggenda, hanno voluto dire che l'amore, per poter crescere, deve essere ricambiato.

Fonte http://mitologiagreca.blogspot.com/2007/07/afrodite.html#:~:text=Afrodite%2C la dea della bellezza,la ribellione contro il padre.

 

apollonia

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Altro esemplare del bronzo di Massimino I con il giudizio di Paride (da Wildwinds).

1714892195_Bronzotarsos_AE36_SNGFr_1587.1giudiziodiParide2.jpg.90b036deb3b9c70129e25b8fc40abadc.jpg

Cilicia, Tarsos. Maximinus I. 235-238 AD. AE, Bronze 36mm. "Judgement of Paris". SNG Levante -; SNG Paris -; BMC Cilicia pg. 205, 223. VF, dark brown patina. Extremely Rare. $1,250.00.

Item # 62823. Currently 750 USD; First Bid 750 USD - Time Left 11 hours, 23 mins +      Location

Mon, 04 Jun, 2001. Seller: CNG on ebay

Cilicia, Tarsos. Maximinus I. 235-238 AD. Æ 36mm (18.38 gm). "Judgement of Paris." AUT K G IOU OUH MAXIMEINOC, P-P, radiate draped bust right / TARCOU [MHTROP] AMK [G  B], Paris seated on rock, holding apple and lagobolon, before him Athena, holding spear and shield, Hera enthroned, and nude Aphrodite.

SNG Levante -; SNG Paris -; BMC Cilicia pg. 205, 223. VF, dark brown patina, roughness and a couple reverse pits. Extremely Rare mythological type. Estimate $1250.

Used by permission of CNG, www.historicalcoins.com

1418692849_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.0d8c1e248bf3ebb407e2a76b41708346.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

fagiolino
2 ore fa, apollonia dice:

Paris seated on rock, holding apple and lagobolon,

Sbrighiamoci a decidere chi sarà Miss Olimpo, disse Paride e aggiunse : mi aspetta una battuta di caccia alla volpe, alla lepre, al coniglio selvatico....

Quiz Da che cosa lo possiamo dedurre ? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia
11 minuti fa, fagiolino dice:

Sbrighiamoci a decidere chi sarà Miss Olimpo, disse Paride e aggiunse : mi aspetta una battuta di caccia alla volpe, alla lepre, al coniglio selvatico....

Quiz Da che cosa lo possiamo dedurre ? 

 

L’attributo caratteristico del dio Pan è il lagobolon, termine composto da due parole greche, lagos (lepre) e ballo (io getto) per denominare un corto bastone ricurvo ad una estremità utilizzato per la caccia alla lepre. Sembra che questo bastone originariamente con funzione di strumento di caccia abbia acquistato nel corso dei tempi un significato simbolico di strumento cerimoniale o di potere.

apollonia

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

675277184_tetralagobolon.PNG.b0d84582acf583b7d476ddc9c884ae18.PNG

apollonia

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Ho trovato un altro bronzo che raffigura sul rovescio il giudizio di Paride, battuto alla Roma Numismatics E-Sale 43 di un paio d’anni fa.

1161127819_BronzogiudiziodiPaideantoninus-pius-ae-drachm-of-3714855-XL.jpg.428c5029847cf1fdbfbc8a6a5d08d07c.jpg

Antoninus Pius Æ Drachm of Alexandria, Egypt. Dated RY 5 = AD 141/2. [ΑVΤ Κ Τ ΑΙΛ Α]ΔΡ ΑΝΤѠΝΙΝ[ΟС] С[ƐΒ ƐVС], laureate bust right / The Judgement of Paris: on rocks from left to right, Aphrodite standing left; Hera seated left, holding long sceptre; Athena standing left, holding sceptre; in front of them, Hermes holding caduceus and explaining to Paris the task; at the foot of the rock, the herd of Paris; [LƐ] (date) in left field. RPC Online 14831 (temporary); Emmett 1632 var. (Hera standing); Dattari (Savio) 8848. 25.77g, 34mm, 1h.
Near Very Fine. Extremely Rare; the first example of the type with Hera depicted seated to be sold since the Jungfleisch example in 1998 (The New York Sale, 1, 1998, lot 175).
 

Il grado di conservazione è quello che è, ma la notevole rarità ha fatto sì che l’offerta iniziale minima di 400 GBP schizzasse a un hammer di 4600 GBP.

980488272_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.42688648088ed2f4ff3d9ce1a7bee6cc.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

fagiolino
18 ore fa, apollonia dice:

L’attributo caratteristico del dio Pan è il lagobolon, termine composto da due parole greche, lagos (lepre) e ballo (io getto) per denominare un corto bastone ricurvo ad una estremità utilizzato per la caccia alla lepre. Sembra che questo bastone originariamente con funzione di strumento di caccia abbia acquistato nel corso dei tempi un significato simbolico di strumento cerimoniale o di potere.

apollonia

E meno male che abbiamo "Apollonia Enciclopedica" 

Farsalo.jpg.504dc63a87f845c86d89a8ba9a4690d7.jpg

R/ Cavaliere con mantello svolazzante e petaso in capo, lagobolon ( bastone per la caccia alla lepre) appoggiato alla spalla, al galoppo verso destra

Edited by fagiolino

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Beh, a onor del vero devo essere grato ad Alessandro Magno per il lagobolon, raffigurato dietro la testa di Pan di questo mio tetradramma

https://www.lamoneta.it/topic/84573-le-monete-più-attraenti-di-alessandro-magno/page/113/?tab=comments#comment-1693225

 

Notare che anche il Lato B di Atena sul rovescio è da pin-up.

apollonia

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Un “fuori tema” per gli appassionati di enigmistica.

Sulla Settimana Enigmistica N. 4605 oggi in edicola è pubblicato un rebus illustrato da una vignetta che potrebbe benissimo rappresentare lo scenario mitologico in cui due dee nude, dal lato A e dal lato B mozzafiato, prendono allegramente il bagno in un laghetto, sotto gli occhi di un’ancella e al suono della cetra di un giovane (forse una divinità) seduto ai piedi di un albero.

Del rebus (a rovescio) non posso pubblicare la vignetta nè dare la soluzione per ovvi motivi di copyright.

apollonia

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Sul rovescio di questo bronzo di Caracalla è raffigurata Afrodite che, nuda, sta nuotando verso destra volgendo la testa all’indietro, rivelando uno stile che ricorda la nostra Federica Pellegrini.

Classical Numismatic Group, Inc., Triton V, lot 1759, 15.01.2002

591759.jpg.fceb34d910476c2c8680b04e3afdc51e.jpg

GALATIA, Ancyra. Caracalla
Estimate $400
GALATIA, Ancyra. Caracalla. 198-217 AD. Æ 30mm (19.69 gm). ANTWNINOC AV-GOVCTOC, laureate head right / MHTPOPO-LE-WC ANKVRAC, Aphrodite, nude, swimming right, head turned left. SNG von Aulock -; SNG Copenhagen -; Lindgren II -; Lindgren III -; BMC Galatia -; Cornell 119 (this coin). VF, dark brown patina with sandy encrustation around the devices. ($400) From the David Simpson Collection.

Estimate $400. Closing Date: Wednesday, 16 January 2002. Sold For $900

260574523_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.6808d413e2c11108a6af6d0f8ea4ac08.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Afrodite rinfrescata dopo il bagno

722890.thumb.jpg.eb1130a09283b834cbd4eda5ae8fdfdb.jpg

[Bronze objects] ROMAN. Bronze statuette of Aphrodite. Circa 1st-2nd century AD. Height 145mm. A solid cast figurine of Aphrodite, after the 4th century BC Greek original. Aphrodite stands fresh from her bath, nude, controposto with her right knee forward, while wringing out her wet braids. Her facial expression somewhat vacant, but the body beautifully modeled. A well preserved specimen of a popular Roman bronze statuette. Cf. Collection Dutuit, 28. Variegated green patina, worn down to red in spots, a few areas of heavier corrosion, especially the left foot.

Sale: CNG 72, 14 June 2006, Lot: 2890. Estimate $2500. Sold For $2200. 

2059648055_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.60fe8e507204ec76cab941c72bc1289e.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Sul rovescio di questo bronzo di Clodio Albino (Münzen & Medaillen 15) è raffigurata Afrodite nuda, in piedi leggermente volta a sinistra, con le mani che coprono il seno e il pube; davanti a lei un Amorino in piedi, con una fiaccola in mano, e accanto a lei sulla destra un delfino.

691750022_BronzodiAfroditenudadallaMunzen.PNG.f04d32fb5399a555c81ed77275900e72.PNG

SLG. J. - P. RIGHETTI, TEIL IV
LYDIEN
SAITTA.
No.: 815
Schätzpreis/Estimate: EUR 1000.-
d=28 mm
Clodius Albinus, 195 - 197. Als Caesar unter Septimius Severus. Bronze des Andronikos, Archon 193 - 195. Bärtiger, barhäuptiger Kopf n. r. Rv. îPI ANDRONîIK - OU ARC A CAITT/HN - WN Aphrodite, nackt, leicht n. l. stehend, mit beiden Händen Brust und Scham bedeckend; vor ihr l. Erote n. r. stehend, Fackel haltend, neben ihr r. Delphin. 12,02 g. SNG München 440 (stgl.). Imhoof - Blumer, LSM 129, 7. M. Bernhart, Aphrodite auf griechischen Münzen (o. J.), 40, 245. Sehr selten. Ausgezeichneter Stil. Schwarze Patina. Av. mit leicht korrodierter Oberfläche.
Av. Gutes sehr schön. Rv. Vorzüglich
Aus Auktion Bankhaus H. Aufhäuser, München 6 (1989), 441

 

1175124893_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.72747e7d66d66f6f2bcb7e68157f9d39.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Sul rovescio di questo grande bronzo di Antonino Pio (Münzen & Medaillen 16) è raffigurata in posizione frontale Afrodite Anadiomene (nascente dal mare) in piedi, nuda, che si guarda nello specchio che ha nella mano sinistra, mentre con la destra si tiene la treccia. Al suo fianco un Amorino in piedi, con un fiocco nella mano destra e una faretra in spalla. Ai suoi piedi, a sinistra, un delfino.

1590667896_AEVenereMunzen.PNG.515c1270e6b5b1cca52274b9adf46564.PNG

SAMMLUNG J.-P. RIGHETTI, TEIL V
Alle Münzen æ
PHRYGIEN
LAODIKEIA
No.: 559
Schätzpreis/Estimate: EUR 300
d=37 mm
Antoninus Pius, 138-161. Grossbronze des P. Kl. Attalos. Kopf mit L. n. r. Rv. P KL ATTALOC ANîQ-HKî LAODIKîWN Aphrodite Anadyomene frontal stehend, nackt, Kopf n. r., sich in einem Spiegel in der Linken betrachtend, mit der Rechten den Haarzopf im Nacken festhaltend; an ihrer Seite Eros mit Bogen n. r. stehend, Köcher auf dem Rücken, an ihrer Linken Delphin 25,89 g. Vgl. Bernhart, Aphrodite 45, 278 und Tf. VII, sowie Imhoof-Blumer, KM I, 271, 40 (Av. autonom mit Demos, Rv. stgl.). Sehr selten. Dunkle, olivgrüne Patina mit roten Einsprengseln. Auf Av. kleine Korrosionsstelle.
Sehr schön

1651364018_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.295999157abfbadae0fc79b8e811d6ac.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Afrodite Anadiomene è anche il titolo di un celebre dipinto perduto del pittore greco Apelle realizzato per Alessandro Magno.

1758948676_800px-TITIAN_-_Venus_Anadyomene_(National_Galleries_of_Scotland_c._1520._Oil_on_canvas_75.8_x_57.6_cm).thumb.jpg.7363f38e42d6024047139facf18f2f55.jpg

Secondo Plinio il Vecchio l’affresco, probabilmente staccato a massello, fu fatto trasportare a Roma da Cesare che lo pose nel tempio di Venere Genitrix. Si sa che all’epoca di Nerone l’opera era danneggiata e fu ridipinta, o, addirittura, rimpiazzata da una copia. Raffigurava Afrodite che si leva nascente dalle acque e si strizza i capelli bagnati sollevando le braccia. Secondo Plinio, il pittore si era ispirato a Campaspe, la favorita di Alessandro, mentre secondo Ateneo di Naucrati si era ispirato alla visione di Frine che usciva nuda dal mare durante i Misteri eleusini. Il mito dell'Anadiomene ispirò molti artisti dal Rinascimento in poi, che cercarono di rievocare la mitica opera perduta. Tra i primi vi furono Botticelli e Tiziano.

 

Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Venere_Anadiomene

1198853338_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.3cfd73c381639139ebe0ea4be961848b.jpg

Edited by apollonia
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Apelle era l’artista al quale Alessandro Magno aveva concesso l’esclusiva di ritrarlo.

Il rapporto tra i due era di sincera amicizia oltre che di stima, tanto che Alessandro accettava da Apelle anche le battute più salaci.

Si narra che Alessandro non avesse lodato secondo il merito un ritratto che Apelle aveva dipinto per lui accanto a Bucefalo, ad Efeso. Passò davanti al quadro un cavallo che annitrì al cavallo dipinto come se fosse vero. Il commento dell’artista fu: “O re, il cavallo sembra essere di gran lunga più intenditore d’arte di te.”

E dire che Alessandro era stato molto generoso con lui. Quando il sovrano fece ritrarre da Apelle Campaspe, la bellissima tessala sua favorita (secondo alcuni fu la prima donna con cui Alessandro giacque), l’artista, mentre dipingeva il nudo, s’innamorò di lei. Alessandro, entusiasta dell’opera del maestro, gli fece dono della modella.

1021519778_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.721b1e8870e05f950e074a56239458c1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Bronzo di Alessandro Severo (Bitinia, Nicea) che raffigura sul rovescio Afrodite inginocchiata a destra, nuda tranne che per il panno drappeggiato sul grembo, affiancata da due amorini alati, ciascuno con in mano una fiaccola. L’amorino a sinistra ha nell’altra mano uno specchio nel quale Afrodite si guarda volgendosi all’indietro.

155714.jpg.a7deb0a5fc55027b35b90bc79588a4df.jpg

BITHYNIA, Nicaea. Severus Alexander. 222-234 AD. Æ 22mm (4.16 gm, 8h). M AVP CEVHAΛEΞANΔPOC AΥΓ, laureate head right / NIKAIEΩN; Aphrodite-Venus kneeling right, nude but for cloth draped across her lap, flanked by two winged Erotes, each holding a torch, with the one on the left also holding up a mirror, which Aphrodite turns to gaze into. RG pg. 473, 588; SNG Copenhagen -. Good VF, smooth olive green patina. Important mythological type.

The typos of Aphrodite emerging from her bath, assisted by her winged companions to prepare herself, was a popular theme in art from classical times to the modern era, treated in many media by numerous artists throughout the ages.

CNG 155714. Sold For $795

1953439830_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.a13bb00c94991eafd89cf4eab22602e9.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Ares con lancia e scudo e Afrodite nuda, uno di fronte all’altra, su questo bronzo di Lucio Vero (CNG 103).

92951378_AElatobconAreseAfroditenudamesso.jpg.81a5352b3c0b62eda9d47dd066d4732f.jpg

PONTUS, Amasia. Lucius Verus. AD 161-169. Æ (34mm, 21.94 g, 7h). Dated CY 165 (AD 162/3). Laureate and cuirassed bust right / Ares, holding spear and shield, and Aphrodite, nude, standing facing one another; ЄT PΞЄ (date) in exergue. Dalaison 128.f (D48/R104 – this coin, illustrated on pl. 13); RG 26. Good VF, green-brown patina, slight reverse die shift.
From the estate of Thomas Bentley Cederlind. Ex Peus 384 (2 November 2005), lot 825; Künker 94 (27 September 2004), lot 1958.

CNG 103, Lot: 566. Estimate $500. Sold for $525

472801631_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.1f9c34b7398bc06016733e45499915fb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Qui non è Afrodite ma Ares ad esporre le sue nudità. Non è che io sia interessato: è solo per par condicio con il bronzo precedente.

1184240378_AELatobconAfroditeeAresnudo..jpg.191dbb2a969a31593b6e82949bc2280c.jpg

Maximinus I Æ37 'Medallion' of Tralleis, Lydia. AD 235-238. Aur. Faidreios, magistrate. AYT K Γ IOYL OYH MAXIMEINOC, laureate, draped and cuirassed bust right / EΠI ΓP AYP ΦAIΔPEIOY A TPAΛΛIANΩN, statue group of diademed Venus standing right wearing stola and palla with arms around Mars, nude but for crested helmet, standing facing, holding shield; cuirass on low column on right field ground line. F. Imhoof, Lydische Statdmünzen, Winterthur 1897, pp. 178-9, 38, pl. 7, 16. 23.63g, 37mm, 5h.
About Extremely Fine. Dark green patina. Of the highest rarity; the only other known specimen is the one recorded by Imhoof in his collection.

73799945_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.86af306500c5c6431c8569a6398dd85a.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

Questo denario di Ottaviano (NAC 106) è perfettamente in tema con la discussione dal punto di vista iconografico. Parlo del rovescio, naturalmente.

275551030_NACAfroditeoctavian-32-27-3928333-XL.jpg.af7d44a675fbb3facbe533f0b57b31e4.jpg

The Roman Empire
Octavian, 32 – 27. Denarius, Brundisium or Roma circa 32-29 BC, AR 3.57 g. Bare head r. Rev. CAESAR – DIVI F Half naked Venus standing r., leaning on column and holding sceptre in l. hand and helmet in r. In l. field, a shield decorated with an eight-rayed star. C 63. BMC 601. RIC 250b. Sear Imperators 396. CBN 24.
Rare. Struck on a very broad flan and with a lovely light iridescent tone. Extremely fine

 

Starting price: 1.600 CHF - Estimate: 2.000 CHF - Result: 3.250 CHF

1886992484_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.d92438cc80e6fcd4b76d7788467168ca.jpg

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia

In questo denario dello stesso imperatore (NAC 92) Ottaviano dev’essere venuto a conoscenza della raffigurazione sul rovescio e allora s’è messo in un... punto d’osservazione migliore!

1177156683_NAC2.b-the-roman-empire-b-2297250-XL.jpg.86f389ae9513e5f12456163a241e5aec.jpg

THE ROMAN EMPIRE
Octavian, 32-27 BC
Denarius, Brundisium or Rome (?) circa 32-29 BC, AR 3.88 g. Bare head r. Rev. Venus, naked to waist, standing r. and leaning, half tuned, against column, holding sceptre and transverse spear; in field l., shield decorated with star set on column. C 62. RIC 250a.
Lightly toned, an insignificant banker’s mark on obverse, otherwise good very fine
Ex Gorny & Mosch sale 175, 2009, 8564.

Starting price: 640 CHF - Estimate: 800 CHF - Result: 1.200 CHF

1926120413_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.14d227ad35b4e5ab14937f47438be88b.jpg

  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.