Jump to content
IGNORED

Alessandro Magno, bronzo da identificare.


Nikko
 Share

Recommended Posts

Con molta umiltà mi accingo a mostrarvi questa monetina acquistata per pura curiosità all'ultimo Veronafil.

Sebbene la qualità sia scarsa, si intuiscono le lettere B-A nel campi del rovescio e un simbolo in basso a sinistra.

Mi piacerebbe saperne qualcosa di più :)

Grazie in anticipo.

http://tinypic.com/r/2dv505d/6

http://tinypic.com/r/34pi4r7/6

Link to comment
Share on other sites


sai che per me non e` alessandro magno , che produce copper units simili a questa

http://wildwinds.com/coins/greece/macedonia/kings/alexander_III/Mionnet_385.jpg

col suo nome ALEXANDROS

oppure questa

http://wildwinds.com/coins/greece/macedonia/kings/alexander_III/Price_0160.jpg

nella tua mi sembra di identificare una specie di tridente da un lato mentre dall altro il tipico scudo macedone.

dallo stile penserei quasi ad un imitazione celtica di una moneta macedone.

aspettiamo anche altri pareri

Link to comment
Share on other sites


Rick stavolta sei fuori strada..

Al rovescio c'è il tipico elmo macedone e se davvero ci fossero le lettere B-A si tratterebbe senza alcun dubbio di Alessandro III.

Link to comment
Share on other sites


che sia macedone son convinto anch io.

mi lascia qualche dubbio lo stile

spero per te che sia alessandro magno, e spero di sbagliarmi.

comunque guarda che se fosse una imitativa celtica non sarebbe male come moneta , anzi....

l hai gia messa sul FAC ? li ti dovrebbero dare la risposta

Edited by rick2
Link to comment
Share on other sites


Se fai una ricerca sul Forum delle Monete della Grecia continentale ne troverai vari esempi, specie postati da Apollonia.

Sicuramente è una moneta macedone e la sigla BA (basileou alexandrou = del re Alessandro) fa effettivamente riferimento al Grande.

Tuttavia monete con questa sigla sono state battute anche dopo la sua morte, per esempio dal fratellastro Filippo III Arrideo.

Un'identificazione precisa non sarà facile, dato che uno degli elementi distintivi è il disegno contenuto nell'umbone dello scudo, che nella tua moneta mi pare difficilmente decifrabile.

Se non sbaglio la doppia ascia al rovescio dovrebbe appartenere alla zecca di Mileto nella Ionia.

Link to comment
Share on other sites


Credo che al centro dello scudo (la foto è da ruotare di 180°) ci sia il volto di Medusa :)

Link to comment
Share on other sites


Si tratta proprio di un bronzo di Alessandro Magno della serie ‘Scudo macedone’. Sul diritto è raffigurato appunto lo scudo macedone che può avere al centro un’ampia varietà di simboli (testa della Gorgone, testa di Eracle, fulmine, clava, stella, caduceo, ecc.). Sul rovescio l’elmo macedone crestato con le iniziali B (Basileos) e A (Alexandrou) ai lati e in basso nessuno, uno o due simboli (caduceo, ascia bipenne, vari monogrammi, ecc.).

Questo è un mio bronzo di questa tipologia piuttosto ‘vissuto’, sul quale si può identificare al diritto il volto frontale della Gorgone al centro dello scudo e al rovescio il caduceo sotto l’elmo macedone, a sinistra.

post-703-0-08749400-1338211571_thumb.jpg

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Grazie apollonia, credi sia possibile giungere a una identificazione completa?

Trattansi di moneta estremamente comune?

post-6706-0-02442700-1338212408_thumb.jp

Allego nuovamente il dritto, questa volta ruotato nel giusto modo.

Link to comment
Share on other sites


Ciao Nikko, adesso che sappiamo il peso e il diametro è già più semplice. Come detto in precedenza in MP e come hanno detto molto bene anche FlaviusDomitianus e apollonia, per me è un bronzo di Alessandro III. Il dritto non è facilmente visibile. Al rovescio distinguiamo invece bene la B e la A ai lati del tipico elmo macedone. Sembrerebbe quindi, anche per il peso una Price 2064 coniata a Mileto intorno al 320 a.C. (tre anni dopo la morte di Alessandro). Guarda se riesci a distinguere anche una K sulla destra proprio sotto la parte sinistra (destra per te che guardi la moneta) dell'elmo. Se la trovi è molto probabile che sia una Price 2064 da 2 Chalkoi, ossia 1/2 AE.

E' comunque a mio avviso da escludere l'altra zecca che ha coniato bronzi con la gorgone ossia quella di Salamis (Isola di Cipro) perchè quelli presentano sempre al rovescio, sotto l'elmo, un Caduceo nel campo a destra (sinistra per chi guarda la moneta) e qui non riesco a vederlo.

Link to comment
Share on other sites


Nel campo destro de rovescio (parallelamente alla doppia ascia) sembra esserci qualcosa ma non riesco bene a definirla.

In un altro forum mi è stata indentificata come Price 2804 ma senza ulteriori info. Non so se questo possa essere di aiuto....

Link to comment
Share on other sites


Nel campo destro de rovescio (parallelamente alla doppia ascia) sembra esserci qualcosa ma non riesco bene a definirla.

In un altro forum mi è stata indentificata come Price 2804 ma senza ulteriori info. Non so se questo possa essere di aiuto....

Price 2804 (zecca incerta dell'Asia Minore) ha al centro dell'umbone la testa di Eracle (non il gorgoneion) e come unico simbolo di zecca al rovescio la doppia ascia.

Price 2063 e 2064 di Mileto che ti ho suggerito hanno invece rispettivamente(oltre all'ascia bipenne) una K retroversa o una K normale.

Link to comment
Share on other sites


Ieri sera ho controllato sul Price e posso confermare le conclusioni degli amici che mi hanno preceduto e che qui riassumo.

Se nel campo a sinistra del rovescio di un bronzo scudo macedone-elmo macedone B-A c’è una double-axe, non ci sono dubbi sulla data (320 circa a. C.), sulla zecca (Mileto) e, nel caso non fosse ben evidente, sull’immagine al centro dello scudo (testa della Gorgone).

Se il peso è 3,5-4 g, il numero di catalogo del bronzo tipo ½AE è determinato dall’orientamento della lettera K nel campo a destra del rovescio: se normale (K) è 2064, se immagine speculare (o ruotata sul piano di 180°) è 2063.

Questo è un Price 2064 (costo 90 US$).

post-703-0-97528600-1338284509_thumb.jpg

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Dall’elmo macedone a una riflessione sull’attuale vita sociale

In battaglia Alessandro Magno era riconoscibile per il caratteristico pennacchio dell’elmo, mentre un aspetto del carattere del coraggioso condottiero macedone si può riconoscere da un episodio intitolato ‘L’elmo di Alessandro’ e descritto in http://www.avvenire....ca=il mattutino

Alessandro Magno incontrò alcuni Macedoni che trasportavano in otri, a dorso di mulo, acqua che avevano attinto a un fiume. Vedendo Alessandro provato dalla sete del mezzogiorno, riempirono velocemente un elmo e glielo porsero. Egli prese l'elmo nelle sue mani ma, guardando attorno a lui, vide che la sua cavalleria dirigeva lo sguardo bramoso sulla bevanda. Allora la rese senza aver bevuto e, ringraziando, disse a chi l'aveva offerta: «Se bevo solo io, questi uomini perderanno coraggio». Il sole implacabile, il deserto, il corpo stanco, le labbra aride e soprattutto gli sguardi di tanti uomini su quell'elmo colmo di acqua: è da qui che nasce la forza esemplare del gesto di Alessandro Magno, narrato dallo storico greco Plutarco nella celebre Vita di Alessandro, composta agli inizi del II sec. d. C.

Due sono gli spunti che possiamo raccogliere da questo notissimo episodio. Innanzitutto la fermezza del famoso sovrano che supera la tentazione dell'insindacabilità del potere e dei privilegi e si pone al livello degli altri, delle persone comuni che però condividono le stesse esigenze umane. È il risultato di un rigore non solo personale, quasi ascetico, ma anche del rispetto delle necessità comuni, è il frutto di una sensibilità e nobiltà d'animo che vince ogni egoismo. C'è, però, un altro profilo nell'atto di Alessandro ed è quello della testimonianza. Se ti preoccupi solo dei tuoi vantaggi, non potrai mai essere un educatore di altri. È per questo che la gente spesso non ha fiducia nelle classi dirigenti in tutti gli ambiti della vita sociale, perché non vede in essi che la corsa all'esito personale, all'interesse privato, al privilegio. È anche per questo che tanti genitori ed educatori non incidono nell'animo dei giovani: quella che manca è la testimonianza, lezione più efficace di ogni discorso.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


  • 7 years later...

Aggiungo un bronzo Price 2064 battuto alla Nomos 19

b-kings-of-macedon-alexander-iii-5537302-O.thumb.jpg.b6d2e0e78b070468000f2cf41b704c70.jpg

Starting price: 120 CHF
Estimate: 150 CHF
Result: 300 CHF
 
Lot 82. KINGS OF MACEDON. Alexander III ‘the Great’, 336-323 BC. (Bronze, 17 mm, 3.88 g, 9 h), struck posthumously under Philip III Arrhidaios, Miletos, 323-319. Macedonian shield with a facing Gorgoneion at the center. Rev. B - A Crested Macedonian helmet; to lower left, double axe; to lower right, K. Price 2064 and, for the corresponding silver, 2114-2121. Clear, sharp and with a fine grey-green patina. Nearly extremely fine.
 
1416165061_Giovenalefirmaconingleseetedescook.jpg.245f67f9bc613b6965a9cb8dc7cfc8f7.jpg
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.