Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 02/22/2020 in Posts

  1. Si fa sempre fatica ad aggiungere pezzi mancanti in Collezione.... Che siano millesimi o varianti di conio. Ma quando questo succede.... Osservate e trovate le differenze 🙂
  2. Dopo molti anni, tanta pazienza ed un poco di fortuna, sono riuscito finalmente a mettere in collezione questa monetina, grazie anche al fatto che qualche esemplare è uscito sul mercato rispetto i pochi esemplari conosciuti sino a una decina di anni fa. Come dal titolo della discussione si tratta di un denaro di I tipo di Emanuele Filiberto con il segno di zecca (molto probabilmente) P indicato per la zecca di Chambery. Moneta difficile da rintracciare e per mia fortuna, è stato anche il motivo per cui mi sono lasciato tentare, anche in bella conservazione, rispetto i pochi esemplari che mi era capitato di vedere. Molto ricercata dai collezionisti sabaudi sia per la sua rarità, sia per la particolare impronta col fiore, anomala in questa monetazione, il perché di questa scelta mi è ignoto, anche se sono sicuro che un motivo particolare deve esserci stato, un fiore su di una moneta sabauda non si era mai visto e non si è più ripetuto. Gli esemplari conosciuti riportano i segni di zecca di Chambery, P, Bourg, B, e Vercelli, V, viene indicato anche delle ordinanze precedenti per Nizza, ma non si conoscono esemplari ritrovati. Comunque questa piccola dal peso abbondante di gr. 1,05 segue l'ordinanza che la prescriveva al taglio di 432 pezzi al marco con un titolo di 0,18 denari. Questa moneta non occupa tanto spazio in collezione, ma vista la lunga attesa penso che il suo posticino lo merita tutto!
  3. Buongiorno a tutta la sezione, Mi mancava da sempre il 1846 e finalmente sono riuscito a riempire uno spazio vuoto nel vassoio dei Carlini. Il Magliocca lo riporta R2 Tralasciando le diversità del Busto, questo che condivido presenta la legenda nel dritto più corta.
  4. vathek1984

    I Rajah bianchi di Sarawak

    1 - Iniziamo dalla fine: Il 1 luglio del 1946, Vyner Brook, l'ultimo Rajah bianco, decise di cedere il paese all'Inghilterra in quanto non si riteneva più in grado di poter rimediare, da solo, alle devastazioni causate dalla II Guerra Mondiale e dall'occupazione giapponese. Nel dicembre 1941, infatti, i nipponici occuparono Sarawak avendo facilmente la meglio sul piccolo esercito personale del Rajah (i c.d. Ranger), il quale peraltro, durante l'invasione, si trovava in visita di stato in Australia. Vyner Brooke riuscì a tornare a Kuching, la sua capitale, soltanto nell'aprile del 1946 e, ben presto, decise di abbandonare definitivamente il governo rendendo Sarawak una colonia britannica. Probabilmente, oltre alla mancanza delle risorse finanziarie necessarie per la ricostruzione, Vyner Brooke prese questa decisione poichè già anziano, privo di figli ed allettato dal ricco vitalizio che ebbe in cambio dall'Inghilterra. In seguito il nipote, Anthony Brooke, forte dell'appoggio del Concilium Negri (il parlamento di Sarawak) dichiarò di non voler riconoscere la "cessione" all'Inghilterra e scoppiarono gravi disordini, tuttavia, alla fine, fu costretto ad abbandonare il paese, anche se continuò per anni a considerarsi il legittimo Rajah in esilio. (Charles Vyner Brooke - Rajah di Sarawak 1917-1946)
  5. 5 Millionen Mark - Notgeld Westfalen 1923. Niente di che, vista l'ossidazione, ma una moneta molto particolare.
  6. giuseppe ballauri

    10 cent 1866 senza sigla di zecca.

    Quelle senza segno di zecca sono Parigi e Bruxelles. Strasburgo ha il segno OM - OM° - °OM° Il 1866 senza segno di zecca è catalogato dai Manuali fino a qualche anno fa (vedi sotto). Descritto dal Pagani - n.545 -ma in realtà ormai considerato esemplare contraffatto (abrasione del segno di zecca ). Bobba disse a mio padre che queste monete erano state commissionate da qualche suo collega ( non proprio onesto ) ad un abile artigiano dell' interland milanese, che usando una piccola fresa "morbida" riusciva ad asportare perfettamente il segno di zecca. Le stesse monete venivano lasciate poi alle intemperie perchè si ripatinassero. Ne furono vendute molte, ma a quanto pare nessuna chiusa e con garanzia. Nel 1970 il valore era cinque volte il prezzo di un esemplare normale. Nel Montenegro 2005 sono ancora citate come R5 ma senza valutazione. Posto la foto del mio 1866 ssz ( logicamente non in collezione, anzi vecchie scansioni perchè non so dove l'ho messo). I 10 cent. Vitt.Em.II erano chiamati "palanconi". Questi a mio parere sono "palanconi - patacconi" 🤔 Ciao Beppe
  7. 1/4 di lira Regno Lombardo Veneto - 1822
  8. avgvstvs

    Mito?

    Per chi vuol fare un gioco, di seguito la storia di Giuseppe raccontata nella Bibbia: il gioco consiste nel riconoscere -se possibile- i personaggi del quadro. ;) https://www.biblegateway.com/passage/?search=Genesi+40&version=CEI
  9. El Chupacabra

    10 cent 1866 senza sigla di zecca.

    Ecco: https://catalogogigante.it/tipologia/10-centesimi-1862-1867-valore-entro-semicorona-di-alloro-e-quercia-2-tipo-30-mm-9.23-10.36-g-/38-134-2-1512-15 fai scorrere la pagina fino dove vi sono "altre informazioni"...
  10. Eccola! Direi meglio delle aspettative, fotografarla nella scatoletta non è stato agevole. Il lustro, specie al R/, è importante @ilnumismatico, @Scudo1901, @giuseppe ballauri, @dux-sab, @equation1972 come vi sembra?
  11. CdC

    corona virus

    Discussione ripulita dai commenti che nulla c'entrano col coronavirus. Continuiamo a discutere di quello, che gli argomenti non mancano, senza bisogno di scendere nelle solite polemiche politiche.
  12. Seguo con questo esemplare appartenente a un privato. Qui si nota il tipo di conio rozzo con i caratteri grossolani...io credo che la moneta sia autentica nonostante la si giudichi soltanto da una foto...comè successo per gli scudi d'oro di Filippo V che alcuni apparivano così rozzi, credo che valga lo stesso per questo scudo d'oro di Carlo V. Qui ik rovescio
  13. Ciao Cristiano, è in rilievo e lo si trova nei rovesci di alcuni 1798. Penso sia ciò che resta della matrice di un conio riutilizzato.
  14. Rapax

    Mito?

    Il coppiere dietro, il panettiere è il prigioniero in primo piano ed infine Giuseppe nel momento in cui espone la sua interpretazione al più sfortunato dei due: "Fra tre giorni il faraone solleverà la tua testa e ti impiccherà ad un palo e gli uccelli ti mangeranno la carne addosso". A me sembrerebbe possibile assai
  15. L. Licinio Lucullo

    Domande sulle repubblicane

    Devi avere la pazienza di seguire le aste. Escono monete godibilissime anche a 40 euro e monete perfettamente leggibili a 15 o 20. Ci vuole tempo però
  16. 1822 3 Centesimi Regno Lombardo Veneto - 1822
  17. Buonasera, dalle fotografie non si vede la convessità che dici, che comunque è comune non solo in queste monete. Eccone una come la tua, evidentemente convessa: Hirpini.
  18. Buonasera gruppo, vi presento l ultima arrivata in collezione... Ferdinando lV, 120 grana 1798 scudo chiuso, 9 torrette e sotto corona rigato...! Felicissimo di averla con me..
  19. ilnumismatico

    5 Lire 1825 Torino

    Caspita che bella moneta! Gradevolissima patina (qua le lavan tutte!) Rovescio davvero molto bello, con un bellissimo gioco di luce tra brillantezza del metallo e patina. Tipologicamente lo scarto qualitativo di conservazione in questi scudi tra D/ e R/ è spesso evidente, specie nei soliti punti critici del ritratto: capelli - guancia - collo. Per me Spl al R/, e confido che il mano il dritto sia più brillante di come appare nella tua bella foto, credo che il qSpl ci possa stare. Ottima battitura (bordo e dettagli dello stemma davvero ottimo) e tondello integro dagli insidiosi segnetti che a volte affliggono questi scudoni Complimentissimi!
  20. incuso

    corona virus

    Personalmente il "boom" di casi in Italia mi lascia con qualche interrogativo. Perché in Italia sì e in Francia o Germania ad esempio no? Siamo paesi con sistemi simili e frequenti contatti con la Cina. Oltretutto l'Italia ha chiuso i voli diretti con la Cina prima di altri paesi. Il sospetto è che il numero sia semplicemente dovuto ai controlli serrati dopo il primo caso.
  21. giuseppe ballauri

    Monete Contemporanee Estere (dal 1900 a oggi) parte III

    REGNO D'ITALIA - BUONO DA LIRE 2
  22. Non si può escludere del tutto che non sia di Niceforo, diciamo che la questione è dibattuta. Questo dovrebbe essere un follis di Teofilo.
  23. giuseppe ballauri

    Monete Contemporanee Estere (dal 1900 a oggi) parte III

    REGNO D'ITALIA - CENT.10 - 1923
  24. Scudo1901

    corona virus

    Pochi minuti fa l’inviata di RaiTre a Teheran ha dichiarato che in Iran il coronavirus finora ha fatto 5 morti e 28 feriti!! 🤪😆🤣😳 Un virus esplosivo?? 😃😝🤪
  25. Buon pomeriggio, sono lieto di comunicarvi le date del prossimo appuntamento con il Memorial Correale. Un sentito ringraziamento agli amministratori del sito per la visibilità concessa e a tutti per l'eventuale partecipazione, sono a disposizione per ogni eventualità, questi i dettagli dell’evento: Video X Memorial Correale, con la presenza di Elena Anticoli De Curtis, nipote di Totò Video presentazione 1 Video Presentazione 2 Vedi su Web Iscritta alla FSFI Federazione fra le Società Filateliche Italiane Email: clubdeltempolibero@gmail.com Telefono: (+39) 3498125912 (Attilio Maglio) Pagina Facebook Associazione Circolo Tempo Libero Siamo presenti sui maggiori social media marketing In memoria del fondatore e Presidente dell’Associazione Circolo “ Tempo Libero ” di Castellammare di Stabia Salvatore Correale, scomparso prematuramente il 28 marzo 2013, lasciando un vuoto incolmabile. Condividi Condividi Condividi Condividi Torna a Gragnano in provincia di Napoli, con la 52° edizione, la manifestazione Memorial Correale, organizzata dall’Associazione Circolo "Tempo Libero" di Castellammare di Stabia, in memoria del defunto Presidente Salvatore Correale, attirando centinaia di visitatori e partecipanti provenienti da ogni regione d’Italia alla ricerca di oggetti da collezione da investimento. La mostra di numismatica, filatelia, cartamoneta, cartoline, libri e oggetti di vario genere, si terrà presso l'Hotel Parco, che si trova nella Strada Statale per Agerola 366, immerso nel verde naturale, facilmente raggiungibile dal tratto autostradale E45 direzione Penisola Sorrentina. Situata a 30 chilometri dal capoluogo campano, Gragnano possiede una storia che ruota intorno all'antica arte bianca della pasta, del vino e del panuozzo. A 6 chilometri da Agerola, la cosiddetta “Svizzera napoletana”, una splendida terrazza sulla Costa d’Amalfi, meta di escursionisti ed amanti della buona tavola, tra clima fresco, panorami suggestivi, e la cucina genuina e gustosa, specialità rinomata i latticini. La Campania, da 26 anni, grazie ai grandi sforzi e sacrifici dei soci dell’Associazione Circolo “Tempo Libero”, è diventata, nel tempo, nel panorama nazionale del collezionismo, punto di riferimento per esperti operatori del settore e studiosi, con serietà, professionalità e passione, in una realtà ostile, poco propensa ad ospitare iniziative di questa valenza storica e culturale, con carenze strutturali sia pubbliche che private. Il Memorial Correale è l'unico evento del Sud Italia, per anzianità, che ha sempre garantito massima accoglienza ai collezionisti, ambiente sicuro, totalmente familiare, presenza di materiale certificato e dichiarazione di autenticità, grazie a qualificati operatori del settore, periti iscritti all'albo del Tribunale, della Camera di Commercio, esperti numismatici iscritti alla N.I.P, N.I.A e filatelici alla FSFI - Federazione Fra le Società Filateliche Italiane. Orari Gli orari di sabato 21 marzo saranno dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18, con la possibilità di pranzare al ristorante dell’Hotel, con un pasto a prezzo fisso che offrirà specialità locali. Domenica 22 marzo, invece, l’entrata sarà aperta soltanto la mattina dalle 9:00 alle 13:00. L’ingresso è gratuito, mentre a pagamento saranno i due parcheggi interni video sorvegliati e custoditi. La nostra filosofia è il collezionismo di qualità, approfondendo la conoscenza attraverso lo studio, coinvolgendo e appassionando le nuove generazioni, stimolandoli con sani valori e principi etici. Saranno due giorni dedicati ad oggetti senza tempo che hanno segnato la nostra storia, un lungo viaggio tra monete rare, ammirando vere e proprie opere d’arte, ricordando una nobile tradizione italiana, la cartamoneta, per apprezzare la maestria e la creatività degli incisori di medaglie commemorative, militari e religiose, esplorando l’universo filatelico, tra francobolli che raccontano frammenti storici, unici ed irripetibili e cartoline che raffiguravano bellezze architettoniche e artistiche da tutto il mondo. Acquistabile il saggio catalogo sulle monete di Gubbio con l’effigie di Sant'Ubaldo Andrea Cavicchi, studioso di monetazione antica e medievale, autore e curatore di numerosi volumi, articoli e mostre tematiche, ha redatto un saggio catalogo composto da 160 pagine a colori, dove sono riportate tutte le emissioni monetali dedicate a Sant'Ubaldo, vera e propria “figura identitaria collettiva” della città e della gente di Gubbio e del territorio. Un catalogo da conservare e leggere con attenzione, con notizie storiche e schede complete, e richiedere informazioni direttamente all'autore presente alla manifestazione. Prenotabili L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ha emesso due nuove monete della collezione Numismatica 2020 dedicate a illustri personaggi italiani e alla bellezze del nostro paese. Per l'occasione saranno prenotabili in anteprima per il Sud Italia, a tiratura limitata, da tutti i collezionisti e non: Il 5 euro Grandi Artisti Italiani - Eduardo De Filippo,in cupronichel, finitura Proof, e il 5 euro Pizza e Mozzarella - Serie Cultura Enogastronomica Italiana, in cupronichel, finitura Fior di conio. Sarà presente Con il patrocinio della FSFI - Federazione fra le Società Filateliche Italiane, sabato 21 marzo 2020 , dalle ore 9 alle 13, con la presenza di Poste Italiane, sarà disposto un servizio filatelico temporaneo, emissione di una cartolina a tiratura limitata e timbrate con l'annullo speciale. Dove ci troviamo Gragnano è una cittadina posta sul confine Sud della Provincia di Napoli, sulle prime balze dei Monti Lattari, che dividono i due versanti della Penisola Sorrentina. Oggi i numerosi riconoscimenti di marchi europei di qualità e di tutela, ben sei, ne fanno un punto di eccellenza agroalimentare europea, una vera e propria ambasciatrice della Dieta Mediterranea nel mondo: l'IGP per la Pasta, il DOC per il vino, i DOP per 2 formaggi, l'olio extra vergine di oliva ed i pomodori. Come raggiungere il Memorial Correale Immerso in un parco naturale Strada Statale per Agerola 366 Gragnano (Napoli) Sito: hotel-parco.it Email: info@hotel-parco.it Telefono: (+39) 081 871 55 91 Hotel Parco Direzione Sud su E45. Prendere l'uscita Castellammare di Stabia direzione Penisola Sorrentina. Prendere l'uscita Gragnano. Entrare sulla destra in via Castellammare. Alla rotonda proseguire sulla destra verso la Strada Statale per Agerola 366. Sulla sinistra a 500 metri troverete l’Hotel Parco. << Cliccare sull'immagine per visionare il percorso >> Locandina XVI Memorial Correale.pdf Volantino retro stampa.pdf
  26. Adelchi66

    Burgundi: solido di Sigismund info

    Come preferisci, non mi pare ci sia un indice, ma come torno a casa te ne redigo uno.
  27. Quando si tratta di monete antiche (come in questo caso), le conservazioni lasciano il tempo che trovano... Detto ciò, il suo denario è molto gradevole, se lo goda così com’è senza pensare troppo alla conservazione. Saluti
  28. Franzo

    Baldovino IV

    Anche MALLOY - PRESTON - SELTMAN Coins of the Crusader States 1098-1291 È un testo sicuramente più facile da reperire. Saluti
  29. Il Seaby è del 1952, rifatto nel 1978 e ristampato nel 2005. A quel prezzo non si lascia nulla, hai fatto bene.
  30. vathek1984

    10 cent 1866 senza sigla di zecca.

    La vera domanda è da dove i cataloghi degli anni 70/80 presero l'informazione dell'esistenza di palanconi del 1866 senza il segno di zecca (e quindi presuntivamente coniati a Parigi o Strasburgo)? Mi pare infatti di ricordare che le prime segnalazioni su questa moneta risalissero addirittura agli inizi del '900. In ogni caso mi piacerebbe vedere foto migliori dell'esemplare che ha aperto la discussione.
  31. 1923 Regno d'Italia - 5 Centesimi I nostri nonni (nel mio caso anche mio Papà) lo chiamavano comunemente un soldo (in siciliano: un'sordu)
  32. Ciao Baylon la stanghetta centrale della lettera H ci sta sempre, a volte è impercettibile e a volte non si nota affatto. Le cause possono essere tante, dalla poca pressione in fase di coniazione o ai residui di sporco metallico nell'incavo in negativo della barretta.
  33. Bellissima patina... e mi sembra anche una conservazione niente male!
  34. Aggiungo l'ultimo 3 Cavalli entrato in Collezione. Variante: C. 3. molto più grandi e data con spaziatura media.
  35. 50 groszy Polonia - 1923
  36. Poemenius

    Burgundi: solido di Sigismund info

    puoi dirlo forte!!!! bene, ho cercato in tutta la mia bibliografia, ma ho trovato solo quella mi dispiace spero però mi farai sapere quando pubblicherai la cosa a cui stai lavorando! ps - sulle barbariche in generale ho una biblioteca notevole che è a tua disposizione, quindi se serve chiedi pure
  37. Scipio

    Domande sulle repubblicane

    Be’ a chi piace il genere possiamo proporre i fusi, si va oltre il chilo 😉
  38. Anch'io compro da parecchio in USA, da quando ebay esisteva solo nella versione .com (americana) e ho avuto diverse esperienze postali che hanno messo a dura prova la mia pazienza. Le cose adesso sono molto migliorate. In questo caso sembra essere andata bene, ho comprato la moneta domenica e oggi avevo nella buchetta delle lettere l'avviso di giacenza. Domattina vado a prenderla in posta... vediamo cosa mi costerà. Forse lo sdoganamento è stato così veloce perchè la dogana non è invasa da ciarpame cinese visto che i voli dalla cina sono quasi tutti bloccati E' stata spedita con USPS (posta americana) priority mail, 13$ di spedizione E' interessante che adesso c'è un altro 1825 T XF45 in vendita sulla baia (da altro venditore), proposta però a ben più del doppio di quanto l'ho pagata io. Stando al censimento di NGC (relativo alle sole monete inscatolettate da NGC) ci sono 3 XF45 e 1 MS50 https://www.ngccoin.com/census/world/italian-states-napoleonic-to-unification
  39. 1923 Francia, BON POUR 2 FRANCS
  40. Per completezza la classificazione: RIC I (II ed): 85 Sear I 1864 Claudius AE Quadrants. TI CLAVDIVS CAESAR AVG around hand holding pair of scales above PNR / PON M TR P IMP COS DES IT around S C.
  41. ovidiu

    Piemonte Aiuto identificazione medaglia

    Ultimi dettagli, grazie!
  42. Auriate

    I Rajah bianchi di Sarawak

    Posso iniziare io con una piccola introduzione tratta da Wikipedia? "Il regno di Sarawak era uno Stato situato nel Borneo, costituito nel 1841 dall'avventuriero britannico Sir James Brooke. Ottenne l'indipendenza dal sultanato del Brunei come compenso per l'aiuto da lui dato al locale sovrano nella lotta alla pirateria e alla repressione di una rivolta. Nel 1888 Charles Anthony Johnson Brooke, nipote e successore di James Brooke, accettò il protettorato del Regno Unito che durò fino al 1946, quando il terzo rajah Charles Vyner Brooke gli cedette i suoi diritti al trono. Dal 1963 Sarawak è uno Stato federato della Malaysia". Molto affascinante questo tema!! Bravissimi!!
  43. Ciao a tutti, vi posto un nuovo arrivo...un coronato di Ferdinando I d'Aragona, con sigla A. Saluti Eliodoro
  44. Come avere tra le mani una moneta particolarmente bella e con una patina eccezionale e rovinarla con una foto 😄😄. Mi permetto di dirlo perchè ho avuto modo di vederla dal vivo. Elio riprovaci che la moneta merita.
  45. Baylon

    Navi, velieri e barche sulle monete

    Quest'anno ricorre il 200° anniversario della scoperta dell'Antartide, storia controversa in merito all'attribuzione di chi fu per primo ad avvistarla tra la britannica Royal Navy, la Marina Imperiale Russa ed un cacciatore di foche statunitense, oggetto di fresca commemorazione da parte dell'Estonia in quanto il comandante russo è natio dell'odierna Repubblica Baltica... Illustrazione della nave Vostok ( che era una nave da guerra ), in compagnia del vascello da trasporto Mirnyj ( in secondo piano ), in appoggio alla spedizione.
  46. E' tanto tempo che non apro una nuova discussione. Lo faccio questa sera, per mostrarvi uno degli ultimi acquisti e per raccontarvi una storia interessante. Dopo lo scoppio della Guerra di Secessione (1861-1865) come noto, si ebbe una immediata scomparsa dalla circolazione delle monete in metallo prezioso, inoltre le tirature ufficiali in quegli anni furono estremamente ridotte. Poco dopo, anche le monete in rame vennero teasurizzate, pertanto si venne a creare una grave penuria di contante. Per tale ragione molti privati, per sostenere i commerci, si impegnarono a coniare gettoni, in tutto e per tutto simili, per peso e dimensioni, agli small cents entrati in circolazione poco prima dello scoppio del conflitto. Molti di questi token, che circolarono prevalentemente nel nord, avevano ad oggetto temi patriottici, con riferimento nelle incisioni e nelle diciture, alla guerra civile in corso.
  47. miza

    Navi, velieri e barche sulle monete

    Trovo che i velieri impressi sulle monete portoghesi siano fra i più belli... saluti
  48. Corbiniano

    CROCIFISSI PORTATIVI ANTICHI

    Gentili amici, quest'interessante argomento permette di portare in luce anche una storia "minore", ma non per questo minima. Nel 1938 il parroco di una chiesa toscana trovò, in un campo dietro alla canonica, una pietra dura lavorata. Che subito si rivelò essere una matrice per argentieri. Datazione plausibile: VIII secolo. Quel parroco era un grande appassionato della storia della sua terra, e della "sua" chiesa. Che in passato era stata ricca e potente. Si trattava della chiesa della Farneta, vicino a Cortona, che nei millenni passati era stata un'abbazia famosa. Lui era don Sante Felici. Studiò la storia della "sua" chiesa, la riportò pian piano all'antico splendore, fece ricerche approfondite e scoperte importanti, anche archeologiche e paleontologiche. "Trasformò" la canonica in un museo, aperto al pubblico come il suo cuore e la sua passione. Tanto che alla chiesa venne restituito il rango di abbazia, che detiene tuttora. Chi ebbe la gioia di incontrare don Sante lo ricorda ancora con commossa simpatia. Sul petto sempre portava il suo Crocifisso. Ottenuto dalla matrice che aveva scoperto nel 1938. Il "famoso" Crocifisso di Farneta (l'immagine della matrice è ricavata da un libro di dan Sante sull'abbazia):
  49. giancarlone

    CROCIFISSI PORTATIVI ANTICHI

    altro Crocifisso CRISTO inciso con COLOBIUM o tunica, Cristo vivo con capo nimbato bronzo, retro liscio altezza mm 53, notare le linee nell'appicagnolo
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.