Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 12/11/2019 in all areas

  1. Non c'è limite veramente all’ignoranza e alla supponenza di alcuni giornalisti. A quanto pare stasera ad una trasmissione di Rete4 che si chiama STASERA ITALIA hanno mostrato la storia di una signora (film già visto peraltro) che poveretta ha ritrovato 48 milioni di vecchie lire nascosti venti e passa anni fa dal marito poi improvvisamente scomparso e che avebbe (condizionale d’obbligo) scoperto di non poterle più convertire nei venticinquemila euro che tanto le servirebbero per tirare avanti un po’. E fin qui nulla di aberrante, la storia è un po’ ritrita, probabilmente anche preparata e non genuina, ma in fondo non fa male a nessuno e magari fa un po’ sorridere. La cosa oscena viene dopo. In conclusione del servizio, già tutto sommato abbastanza insulso di suo, vengono presentate le LIRE ITALIANE CHE VALGONO UNA FORTUNA. E tra esse alcune valutazioni corrispondono pure al vero. Peccato che tra esse fa la sua trionfale comparsa il 5 lire 1955 accreditato, anzi tacciato, di un valore di 1.500 euro. 🙀🤮. E puntualmente sulla baia dopo neanche un’ora appare come per incanto l’annuncio di vendita di un 5 lire 1955 neanche BB a 1.350 euro dove si cita ovviamente la famigerata trasmissione di stasera. Potete vederla voi stessi. Io onestamente non so se provare più ribrezzo per chi ha preparato e diffuso questa distorta informazione in una trasmissione nazionale (tra l’altro citando i valori attribuiti come certi perché valutati da “esperti”) oppure colui che, in buona o malafede, ne ha subito approfittato, della serie “vediamo se qualche pollo ci casca prima che si informi meglio”. Ma davvero ormai e’ tutto uno schifo, è tutto disgustoso, è il segno che questo mondo non ha veramente più vergogna di nulla. Non ci salviamo più. 🤢🤢🤢
  2. Un denaro di grande interesse. La zecca di venezia si può intuire dal segno del massaro (triangolo) tra la O e la prima V di LUDOVVICUS e dal fatto che le prime due lettere sono legate in HL. La mancanza del delle classiche lettere che sono quasi teipezoidali e in special modo la S rovesciata tipica dei successivi denari veneziani possono far pensare ad un emissione tarda oppure ad un emissione di Ludovico II. In effetti al museo Correr esiste un esemplare così descritto: denaro scodellato Tip. Depeyrot 1195E variante D/ HLVDOVVICVS(rovesciata)IMP; croce accantonata da 4 globetti 9 R/ +XPISTΛNA RIIGIO; tempio Venezia Correr 779 mm 29 g 1,63 assi h 3
  3. Salve a tutti. Volevo rendere noto che da oggi è disponibile il mio ultimo lavoro monografico dal titolo La monetazione longobarda nella storia dell'Italia meridionale, Laveglia&Carlone editore, Battipaglia (SA) 2019, ISBN: 978-88-86854-84-9. Si tratta di un volume in brossura editoriale di 172 pagine, interamente a colori. Dalla quarta di copertina: L'opera nasce con l'intento di presentare una visione d'insieme sulla produzione monetaria delle principali zecche dell'Italia meridionale in epoca longobarda, inserendo la loro attività all'interno di un contesto storico-finanziario ben preciso. Ne scaturisce una nuova consapevolezza che vede le monete della Langobardia Minor come una testimonianza storica di primo piano che può servire, al pari di altre forme documentarie, alla disamina dei meccanismi economici e culturali di un'intera stirpe.
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.