Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 08/02/2020 in Posts

  1. Buonasera a tutti, Quattro tondelli... Tre regnanti, 13 anni di Storia del Regno di Napoli e delle Due Sicilie. E quanta abilità incisoria in pochi millimetri di diametro!
  2. Buonasera a tutti cari amici, vi presento il mio recente acquisto, uno dei pochissimi di quest'anno sciagurato. Ormai le monete piccole non mi saziano più, le voglio sempre più grosse... Data la ristrettezza delle finanze, il tentativo di foro è l'amico che mi ha consentito l'acquisto di questo piccolo bisonte (76,53 grammi). Ogni commento è il benvenuto.
  3. Buon Sabato...e buone ferie per molti di noi .La settimana prossima molti non avranno sveglie da puntare, a parte ciò, sta mattina mi son svegliato con la voglia di fare qualche foto alle mie monete, ma al momento ho sottomano solo le ultime 4 aggiunte in collezione (un bel tris per Murat e una pubblica del 1788 che mancava in collezione), ultimi acquisti fatti in sto periodo con più o meno Covid...quindi foto di gruppo per colazione e buon inizio ferie e relax a tutti,,,
  4. Tentare di ricostruire il volto di Augusto attraverso l'espressione artistica del tempo, statue, monete etc, e pensare di trarne una immagine realistica, significa non aver mai studiato la storia dell'arte antica.... Demenziale... Scusate, ma è roba da focus al massimo....
  5. Unico caso in tutta la produzione di Piastre e mezze piastre dal 1831 al 1859, Il sottocorona rigato nella 1838 "variante" abbastanza rara da mettere in Collezione. Fu una prova di incisione rimasta incompleta, dato che se ne conosce una variante di conio ( di sicuro successivamente modificata ) con punteggiatura? Cosa ne pensate
  6. Sperando di fare cosa gradita per qualcuno in questi 2 giorni ho fatto una ricerca (spero approfondita e priva di errori) per i passaggi dei massari di Ciconia riguardante solo gli scudi da 140 soldi e prendendo in considerazione solo aste e negozi online.Ho fatto un riscontro visivo tra i vari passaggi e segnalato la dove lo stesso tondello è passato di mano più volte,omettendo di proposito i nomi delle varie case d'aste e negozi per non favorire/mettere in difficoltà nessuno. Sono saltate fuori alcune cose interessanti come per esempio qualche massaro non cosi raro come si crede (ma questo era già venuto fuori durante la nostra discussione), il fatto che ci sono in giro tondelli di Dolfin per Ciconia ribattuti visibilmente su tondelli di Da Ponte il che avvalora il lavoro di Bordin a riguardo,e infine il fatto che scudi con la leggenda "CICONEA" oltre a quello segnalato su CNI e quello di @Arka ne ho trovati soltanto altri 3 ma dei quali soltanto 2 sul totale di 5 hanno oltre che CICONEA anche •*• a fine leggenda (uno è quello segnalato da me e l'altro trovato sembra appartenente allo stesso conio per alcuni particolari riscontrati).Se volete esporre i vostri commenti o riflessioni in base ai nuovi dati raccolti sono tutto orecchie...naturalmente invito aperto a tutti e in modo particolare a @DOGE82 @Arka @417sonia @gigetto13 @Bassi22 Sotto i risultati in dettaglio. Lucretiu. Solo x "scudo della croce" da 140 soldi (ricerca massari CICONIA/CICONEA) tot. risultati: 81 x tot. monete: 68 •M•D• Marco Dolfin /11 risultati x 8 monete -1x 2volte: asta 5.2018(lotto di monete 555)/negozio virtuale -1x 2 volte: asta 11.2011(lotto 389)/ negozio virtuale ND -1x negozio virtuale -1x negozio virtuale -1x asta 5.2011(lotto 247) -1x asta 6.2005(lotto 75) *1x 2 volte:asta 9.2016(lotto 190)/asta (lotto 1705)...versione molto interessante di scudo in quanto visibilmente ribattuto su scudo precedente di Da Ponte *1x asta 4.2013(lotto 741)...visibilmente ribattuto su scudo precedente di Da Ponte con sigla (*M*D*) / 4 risultati x 3 monete -1x asta 9.2013(lotto 2591) -1x 2 volte aste: 9.2007(lotto 451)/asta 2.2016(lotto 4887) -1x asta 6.2010(lotto 2845) *A*B* Alvise Baffo / 1 risultato x 1 moneta (1° tipo) con CICONEA 1x asta 11.2013(lotto 1166) (2° tipo) con CICONIA / 8 risultati x 8 monete -1x sito web -1x asta 5.2013(lotto 422) -1x asta 5.2013(lotto 423) -1x asta 5.2014(lotto 3297) -1x asta 9.2014(lotto 735) -1x asta 11.2012(1588) -1x asta 2.2010(lotto 4822) -1x 11.2009(lotto 824) *A*B* (con CICONEA e •*•) / 2 risultati x 2 monete -1x asta 5.2020(lotto 735) -1x asta 5.2013(lotto 822) con sigla (*A B*) / 1 risultato x 1 moneta 1x negozio virtuale ND ...interessante versione con nessun tipo di punzonatura tra le iniziali del massaro il che lo colloca nel "mondo di mezzo":sarà Baffo (*A*B*) oppure Basadonna in variante (*A^B*) ? con sigla (*A•B*) / 1 risultato x 1 moneta 1x asta 10.2012(lotto 1505)...interessante versione con uso del " ^ " per dividere leggenda al D. (PASCHALIS^CICONIA^DVX^VEN)...Baffo o Basadonna che ha già fatto uso di questo simbolo ? LM Lunardo Michiel / 0 risultati •A•B• Alvise Basadonna / 4 risultati x 3 monete -1x 2 volte asta 6.2018(lotto 1328)/negozio virtuale.2020 -1x asta 4.2013(lotto 740) -1x asta 9.2012(lotto 3326) con sigla (*A^B*) / 2 risultati x 1 moneta -1x 2 volte:asta 5.2018(lotto 530)/negozio virtuale 2020 •G•L• Gerolamo Longo con sigla(*G•L*) / 9 risultati x 8 monete -2x asta 5.2018(lotto 531/532) -1x negozio virtuale -1x asta 9.2014(lotto 734) -1x asta 10.2012(lotto 1504) -1x 2 volte aste: 5.2012(lotto 2151)/asta 5.2013(lotto 643) -1x asta 1.2010(lotto 7904) -1x asta 6.2005(lotto 74) GS Gerolamo Semitecolo / 0 risultati LM Lorenzo Minoto / 0 risultati *D•L* Domenico Lombardo (R4?) / 11 risultati x 8 monete -1x asta 5.2018(lotti 533) -1x 2 volte: asta 5.2018(lotto 534)/asta 10.2019(lotto 149)/ già ex asta Montenapoleone 6 del 1985 -1x 2 volte: asta 10.2016(lotto 1359)/asta 5.2018(lotto 535) -1x 2 volte: asta 10.2016(lotto 1360)/asta 5.2018(lotto 536) -1x asta 2.2017(lotto 2126) -1x asta 3.2008(lotto 5392) -1x asta 5.2010(lotto 732) -1x asta 6.2010(lotto 2846) LC Lunardo Contarini / 0 risultati *F•D* Fantin Dandolo / 1 risultato x 1 moneta -1x asta 5.2018(lotto 537) *C•B* Cornelio Barbaro (R4?) / 12 risultati x 8 monete -1x 2 volte:asta 5.2018(lotto 539)/negozio virtuale 2020 -1x 3 volte:asta 10.2016(lotto1361)/asta 5.2018(lotto 540)/negozio virtuale 2020 -1x negozio virtuale 2020 -1x asta 11.2013(lotto 595) -1x asta 3.2014(lotto 20494) -1x 2 volte: asta 5.2014(lotto 676)/asta 2.2016(lotto 124) -1x asta 11.2019(lotto 2361) -1x asta 5.2013(lotto 644) *A•C* Andrea Cocco / 3 risultati x 3 monete -1x asta 5.2018(lotto 538) -1x asta 5.2015(lotto 4149) -1x asta 3.2019(lotto 1184) *I•P* Iseppo Pasqualigo / 5 risultati x 5 monete -1x negozio virtuale 2020 -1x asta 12.2010(lotto 2664) -1x asta 12.2006(lotto 1527) -1x asta 2020(lotto 823) -1x negozio virtuale 2020 ND •Z•A•P• Zuan Arsenio Priuli con sigla (*Z•A•P*) / 2 risultati x 2 monete -1x asta 1.2019(lotto 37042) -1x asta 3.2015(lotto 3710) VC Vincenzo Donà / 0 risultati *Z•B* Zaccaria Barbaro / 4 risultati x 3 monete 1x asta 11.2013(lotto 1165) 1x asta 6.2013(lotto 743) 1x 2 volte: asta 2.2020(lotto 2450)/asta 7.2020(lotto 1594) GV Girolamo Vitturi / 0 risultati
  7. Vi faccio un Regalo: La mia ultima "variante" di conio appena scoperta. ( sempre che nessuno l'abbia scoperta e fatta conoscere prima 😄 In questo caso chiedo scusa). Ferdinando IV Pubblica 1792 Nel rovescio 7 bacche per ogni ramo, anziché le solite 8. Mancanza voluta per "segnare" il lavoro dell'incisore. @Asclepia che te ne pare?
  8. Grazie @Rocco68 per questi tuoi piccoli gioiellini, e sono contento che si sia tornato a parlare di monete. Una cosa però mi permetto di dirla, io ho 23 anni, ovviamente non sono certo un esperto, sono soltanto un appassionato della monetazione della mia Terra, delle nostre radici culturali e socio-politiche. Penso che sia assurdo criticare una zecca che ha prodotto vere e proprie opere d’arte. D’altro canto come penso che l’utente @giacutuli sappia, abbiamo ben poche fonti riguardo al lavoro nella zecca, ma quelle che abbiamo certo non ci portano a credere che gli incisori fossero degli analfabeti o che dentro la zecca vigesse una sorta di anarchia lavorativa del “faccio come mi pare” Il tuo domandare è assolutamente lecito, farlo con modi diversi, risparmiandosi insulti verso ciò che sta intorno alle monete che collezioniamo sarebbe sicuramente visto meglio. Con ciò mi dispiace che in generale gli animi si siano scaldati. La mia di sicuro non è una “morale”, ma in questa sezione ci sono attivi grandi studiosi e grandi collezionisti, lo studio va avanti gradualmente, a meno che domani aprendo un baule non troviamo tutti i documenti che ci interessano riguardo a tale monetazione, con anche tirature e spiegazioni varie. Fin quando una cosa del genere non accadrà possiamo attenerci al lavoro e alla dedizione di chi ama davvero le monete. E passo dopo passo tante risposte verranno alla luce, così come è successo in passato, oppure ci forniranno le basi per fare ipotesi sempre più fondate. Buona serata
  9. Le reali fattezze degli imperatori romani sono state ricostruite dall’artista digitale Daniel Voshart. Voshart nel 2015 ha completato un Master in Architettura presso l'Università di Toronto, con particolare attenzione al design sostenibile e alla realtà virtuale. Ha in programma di unire le sue sensibilità spaziali ed estetiche sviluppate durante il suo periodo come direttore della fotografia alla sua carriera in architettura e in cinematografia. https://it.mashable.com/storia/3947/facce-imperatori-romani-ritratti-fotorealistici/
  10. @Litra68, ti consiglio una bella piastra 1787 dal flan ampio.... Oppure i millesimi 1792 o 1793 prima che diventino introvabili.
  11. Ciao Alberto, complimenti per la bella Piastra. Dovrebbe essere la Variante "SIGILIAR" ( G ruotata di 180° sull'asse orizzontale ) con effige del Re con naso lungo e appuntito. Ma chiedo conferma al nostro amico comune @Rocco68E' molto simile a quella che ho in collezione e che posto. Alla tua domanda rispondo che molte volte sono le monete che ti "chiamano", bisognerebbe avere una strategia e poi seguirla ma non è facile. Io ad esempio sono un "completista" colleziono ogni millesimo, salvo poi incartarmi in date molto rare che non posso permettermi. Certamente la moneta bisogna "maritarla" e non lasciarla sola, potrebbe cadere in depressione 😅 Perchè ad esempio non collezioni una Piastra per Periodo Storico? Il lungo Regno di Ferdinando IV ti dà ampia scelta. Un Caro Saluto, Beppe
  12. http://www.circolocastellani.org/numismatica-romana/ultimi-studi-sulla-zecca-di-fano Per chi fosse interessato: ho pubblicato la nuova edizione revisionata e a colori de "La Zecca di Fano"
  13. E' sicuramente una moneta interessante. Effettivamente non è segnalata la variante con rosetta tra due globetti a fine legenda del dritto. Purtroppo da un punto di vista collezionistico questa variante non comporta una variazione del prezzo. Già è difficile incontrare un collezionista che cerchi i massari del Cicogna, trovare quello che fa le varianti di conio è praticamente impossibile. Sicuramente Papadopoli e Vittorio Emanuele III avrebbero voluto avere questa moneta. Il re probabilmente l'avrebbe chiesta in omaggio... Arka Diligite iustitiam
  14. Ci sono tutti i "sintomi" di un "male incurabile"...😄 E' raro che una moglie possa accettare questa malattia. Fai come la maggior parte di noi: "entra in clandestinità". Comportati normalmente, nega tutto, altera gli estratti dei conti correnti e parla di monete solo con chi ha la tua stessa "malattia". Purtroppo non si può fare altro...
  15. Buonasera a tutti, leggevo questi ultimi post, ognuno ha la sua idea, certo che ci vuole molta pazienza, aspettare il momento e la moneta giusta. Il mio amore soprattutto per il rame e le basse conservazioni non sono un segreto, ma ogni tanto non disdegno qualche bel pezzo. Osservavo (e fotografavo o quasi al buio) la mia Piastra del 1795 di Ferdinando IV vorrei prenderle compagnia ma non riesco a decidermi, se puntare ad un millesimo in particolare oppure aspettare ancora un po'? 😊 Saluti Alberto
  16. Ciao a tutti, Correva l'anno 2014 all'epoca collezionavo le monete di Vittorio Emanuele III in generale ed ero sempre alla ricerca della moneta migliore e quando la vedevo spendevo l'intero importo senza contrattare come faccio in questo periodo anche se faccio un'altra tipologia. Un giorno d'estate al bar un amico commerciante mi avvertì che aveva alcune monete da farmi vedere e senza impegno ci si poteva accordare per un eventuale acquisto. Il giorno dopo mi fece vedere due monete completamente diverse da quelle collezionavo anche se erano il medesimo "tondello" senza pensarci su due volte le acquistai e le spedii a un professionista del settore per farle periziare. Vi confido che avendo una moneta diversa ero perplesso ponendomi mille domande: 1) Ho fatto bene? 2) Mi piaceranno in seguito? 3) E tante altre domande Oggi anno 2020 quando ogni giorno vedo questo 20 Centesimi Esagono 1919 penso sempre che ho fatto bene ad acquistarlo per vari motivi anche affettivi e mai lo cederò. Vi confesso che l'ho anche venduto ad un collezionista di Ferrara e mi pentii subito e lo riacquistai all'importo pattuito più un extra per scusarmi e soprattutto per tenere alto il nome del commerciante che adesso non c'è più lasciando un enorme vuoto numismatico nella mia città. Concludendo per i meno esperti di numismatica questo che sto per pubblicare è un rarissimo esemplare brockage e in convegni aste e altro non ne ho trovato ancora uno in vendita. Ecco che arrivano le domande ringraziando fin da subito a chi risponderà: Vi piace la moneta? Se un giorno la vedrete l'acquisterete anche voi? Tralasciando il grado di conservazione quanto la pagareste? Considerando l'alto valore numismatico ed eventualmente anche affettivo per i più giovani facendo delle rinunce in seguito? Forse vi avrò stancato leggendo la discussione quindi grazie di tutto e un saluto, Gabriele
  17. enriMO

    5 Centesimi 1913

    caro @El Chupacabra, tu ci solletichi con queste graditissime incursioni sul rame e altri metalli di VEIII con tondelli al top e la tua competenza non è in discussione, pertanto, "pretendo" che tu insista con questo filone 😄 allora do un qFDC/FDC ad entrambe. graffietti ad entrambe e capelli non perfetti, rame più bello, parzialmente rosso, la prima. Nel momento in cui parli di 5 C 1913 prora "senza punto" devi aspettarti ex abrupto l'osservazione sulla autenticità e bene hai fatto a citare i punti salienti. io guarderei solo il bordo perchè onestamente il dettaglio della fogliolina mi sembra troppo complicato e pur spremendo la retina, mio limite , non riesco ad apprezzarlo anche se imparo dagli esperti che così è. mi permetto di postare la foto della mia, la fonte è da asta, poichè da lì l ho acquisita e la mia foto sarebbe meno bella. Ma se insistete mi cimento.. chiusa FDC Tevere.
  18. Ciao Rocco ...un magnifico acchiappo e così sei a cinque!! In ottima conservazione per il tipo di moneta, con al solito il ritratto un pò debole ma sono nate così, e poi il color e l'aspetto del metallo sono davvero gradevoli...forse la tua Publica del 92 più bella, se la batte bene con quella con la V rovesciata al posto della A (A.ntonio @ P.lanelli ) (la @ vorrebbe essere la corona ) e visto che si parla di 3 tornesi posto la mia preferita 3 tornesi 1793, io la trovo incantevole ma sarà che ogni scarrafone e bello a mamma soja ...
  19. gionnysicily

    Lipara in asta

    Ciao @Zenzero, La prima "Hemilitra con i sei globetti" e genuina, ha dei problemi di corrosioni e difetti di metallo, ma è del tutto naturale. La seconda , la litra e anch'essa genuina, ma ripatinata per cercare di attenuare le incrostazioni di natura corrosiva. Sarebbe stato opportuno lasciarle al naturale.
  20. VALTERI

    Anasazi

    Nella lingua dei Navayos, gli "antichi", noti anche come Pueblos ancestrali, sono una popolazione ed una cultura di epoca precolombiana nell'America del Nord, ai confini tra Colorado,Arizona e Nuovo Messico, con nel notevole Chaco Canyon l'importante Pueblo bonito . Con qualche notizia forse verso 2000 anni or sono, sono documentati tra il VII ed il XIV sec. d.C. : agricoltori, forse allevatori, certamente cacciatori, ed artigiani, vivevano in villaggi stabili, anche di dimensioni importanti, costituiti da molti edifici costruiti anche a più piani in muratura di mattoni crudi e pietra, a volte con locali ricavati direttamente in pareti rocciose . Importante il sito di Pueblo bonito, un altro sito nelle vicinanze di Castle Rock nel Colorado, abbandonato nel XIII sec. d.C., ha restituito evidenze che potrebbero parlare di cannibalismo, forse dovuto a situazioni di estrema necessità . I luoghi di residenza saranno abbastanza rapidamente abbandonati verso il XIV sec.d.C. forse per fenomeni migratori ad oggi non chiaramente identificati : l'assenza di tracce scritte porta alla considerazione di una popolazione pur civile che però non conoscesse la scrittura . Tribù che vissero successivamente negli stessi luoghi utilizzando anche villaggi con abitazioni simili, venute in contatto con gli Spagnoli che risalivano dal Messico conquistato agli Aztechi, saranno dagli Spagnoli genericamente indicate come Pueblos, nome che indica da allora quelle tribù ed anche i loro villaggi .
  21. Signori. Non avete ancora capito che state facendo soltanto il suo gioco? È evidente, dopo tutti questi mesi, che il “””buon””” giacutuli sia sostanzialmente un provocatore. Sono sicuro che goda profondamente nel leggere le vostre risposte risentite e cariche di livore. Penserà: “Oh! Anche stavolta sono riuscito a farli incavolare per bene!”. Sparisce per qualche giorno, ritorna con un profilo “basso” (nel senso che, dialogando normalmente, sembra aver messo la testa a posto) poi, sapendo benissimo quali nervi colpire, si scatena senza alcun preavviso. È un film che, come detto, va avanti da svariati mesi. Lui, ovviamente, dirà che esprime solo la sua opinione e che, come tale, merita lo stesso rispetto degli altri. Peccato che, coscienziosamente, la sua opinione finisca per risultare offensiva nei confronti di tutti i collezionisti e studiosi della monetazione napoletana. Come si può risolvere la situazione? Ignoratelo! Il suo scopo non è imparare, documentarsi, leggere libri ma attirare l’attenzione attraverso affermazioni volutamente provocatorie. So che è dura non cadere nella tentazione di rispondere ma vedrete che se non riceverà alcuna risposta, al secondo/terzo tentativo, la pianterà lui stesso. Dovete fare finta che non esista.
  22. Buonasera a tutti, in attesa di sviluppi sul Tarì del 1795 Corona aperta, posto un po' di Rame.. 😊 Ferdinando IV 8 Tornesi 1796 Trovo piacevole il font della P sotto al busto e un interessante puntino sotto tra le ciocche dei capelli. Saluti Alberto Ps. Sempre prove tecniche fotografiche
  23. arrigome

    Attis di Altino Memmius

    Buongiorno, da buon altinate allego il file che riassume la scoperta di una nuova statua ad Altino VE. all'inizio pensavo si trattasse di una statua di Artemide, poi a scavo eseguito rivelò essere una statua di Attis facente parte di un monumento ad un recinto funerario collocato con molta probabilità nei pressi della Via Annia, alle porte di Altino. https://www.metropolitano.it/scavi-archeologici-altino-statua-romana/
  24. FlaviusDomitianus

    Sesterzio di Domiziano .

    Ho fatto una scansione della moneta di Firenze, il rovescio è diverso ma il conio del diritto sembrerebbe coincidere. La collezione di Firenze è lontana dall'essere completa, tuttavia contiene alcune chicche - soprattutto sesterzi - ancora inedite sul RIC come per l'appunto questa.
  25. antonio bernardo

    Asse di Marcio Censorino

    Buongiorno, Allego un regalo che mi sono fatto: Moneta di lecita provenienza acquistata presso noto esercizio commerciale italiano. Asse coniato sotto il Magistrato monetale Marcius Censorinus presso la zecca di Roma nell'anno 88 a.C.. Al dritto teste accollate di Numa Pompilio (2° re di Roma)con barba e Anco Marcio(4° re di Roma) in legenda "NVMA POMPILI ANCUS M(AR)CI. Al rovescio due navi affiancate sopra la prima prua C. CENSO e sotto ROMA mentre sulla poppa della seconda c'è una vittoriola con corona. Peso g 9.50 Babelon 21, Sid. 715. Per me ha una bella patina verde. Si accettano pareri o aneddoti storici sulla moneta.
  26. matteo95

    2 Scudi 1680 - Genova

    Ognuno ha i propri gusti e preferenze , c'è chi preferisce monete di minor qualità ma senza difetti perchè un foro per esempio impatta troppo sul giudizio così come ci sono persone, fra cui io, a cui non danno il minimo fastidio e non si fanno problemi a prendere monete con tali problematiche. Detto questo dire che sia stata pagata troppo è un'eresia , vero è che il 2 scudi non è moneta rara, ma in questa conservazione è veramente molto difficile da trovare .. se non avesse avuto il difetto ad ore 12 sarebbe un pezzo da 3000 €.
  27. ilnumismatico

    2 Scudi 1680 - Genova

    Chi mi conosce (anche poco), sa che io non regalo ne mi piace, ne pareri entusiastici. Dico (e scrivo) sempre quello che penso, e non sono tipo da apprezzare "i carciofi" (come li chiamano alcuni) monetali per nascondermi dietro l'impossibilità di arrivare a pezzi costosi, anzi! io sono quello che apprezza "il bello", e molte volte lo dice, pur avendo i giusto e dovuto rispetto per le conservazioni più contenute. Con monetazioni "particolari" (dove ho cercato poco sopra di definire cosa intendo con questo aggettivo) come queste, però, entrano in gioco tanti fattori: estetica, gusto, senso critico, che devono essere messi in campo tanto più quanto particolare (o difficile) è la monetazione in questione. Ergo, ci vogliono le qualità sopra descritte per poter apprezzare certe tipologie, ed anche un po di furbizia per saper cogliere certe occasioni, senza farle ricondurre ad una semplice questione di prezzo. Quindi, complimenti. Ci hai mostrato un bel pezzo, che nonostante il difetto importante, stupisce per appeal. Chiudo con uno screenshot ed un allegato per confronto che contiene, secondo me, il succo della questione.
  28. Complimenti a tutti i partecipanti a questa discussione: veramente dettagliata, ben spiegata e interessante anche per chi, pur nell'ambito del collezionismo delle veneziane, non segue questa tipologia di moneta. Un grazie sincero da parte mia: ho imparato moltissimo!
  29. Io controllo sempre, quando possibile, che gli esemplari siano differenti. Quando trovo lo stesso esemplare lo riporto sotto l'asta più recente. Esempio: NAC XX, 2020, n. aa = Varesi YY, 2012, n. ee. E così via. Gli esemplari che ho segnalato sono tutti diversi. Altro discorso per una sigla uguale per due Massari differenti. Non sempre è possibile distinguere le emissioni dell'uno e dell'altro. Infine, mentre conosciamo l'inizio di attività dei massari, il più delle volte non conosciamo il giorno di dimissione. E spesso i Massari erano due o tre nello stesso periodo. Arka Diligite iustitiam
  30. El Chupacabra

    5 Centesimi 1913

    Ho chiesto un parere sulla conservazione, non sull'autenticità! A parte le battute, la moneta è autentica e quello che ti sembra d'intravedere sono fluttuazioni nel colore del metallo. Trascurando la perizia NIP che la giudica autentica, a riprova ti posto quest'articolo che trovai tempo fa e che dirime la questione sugli artefatti dei 5 Centesimi 1913 "senza punto". E qui ti ripropongo la mia ingrandita e con i particolari indicati nell'articolo:
  31. giuseppe ballauri

    Monete suoi millesimi e Avvenimenti

    Fosse un giallo... il titolo potrebbe essere: "IL MISTERO DELLA CULLA", invece è parte della Storia anche se si può definire "controversa" o perlomeno soggetta a numerose interpretazioni. Il 14 Marzo 1820, regnante Vittorio Emanuele I°, , nacque il futuro Vittorio Emanuele II°, figlio di Maria Teresa e Carlo Alberto, Principi di Carignano ( ramo collaterale dei Re Sabaudi ). Il Principe Carlo Alberto, da giovane, era di idee liberali e per questo motivo inviso al retrivo Carlo Felice ( regnante dal 1821 ) e fu praticamente esiliato in Toscana a Firenze. Nella loro villa di Poggio Reale portarono al loro seguito anche il piccolo Vittorio Emanuele, che allora aveva circa due anni. Il 16 settembre 1822, la culla di Vittorio Emanuele prese fuoco, a causa di un movimento maldestro della nutrice, che teneva in mano una candela. Quest’ultima, per proteggerlo, si ustionò e morì. La culla fu avvolta dalle fiamme, ma il bambino, secondo la versione ufficiale, si sarebbe miracolosamente salvato ( senza ustioni !). Mistero: Vittorio Emanuele II morì in culla e fu sostituito con un altro bambino? Esiste infatti un’altra versione, sostenuta da fonti e personaggi più o meno autorevoli. Questa tesi sostiene che la morte del piccolo Vittorio Emanuele sia avvenuta durante l’incendio. Il piccolo, subito dopo, sarebbe stato sostituito con un altro bambino, verosimilmente il figlio di un macellaio fiorentino ( che dietro lauto compenso si sarebbe prestato allo scambio). Anche un altro personaggio molto vicino alla famiglia, Massimo D’Azeglio, ha rimarcato le sue perplessità. Le sue supposizioni hanno aumentato i dubbi su questo mistero: Vittorio Emanuele II non poteva essere il figlio di Carlo Alberto per i suoi tratti somatici: Il padre era alto, biondo ed elegante. Il figlio basso e bruno. Inoltre, ai tempi, i nobili si riconoscevano dalle esigue estremità corporee. Il piccolo Vittorio Emanuele aveva invece due mani molto grandi, “da macellaio” "modi rozzi e poco consoni al suo lignaggio" (3). Senza contare che il secondogenito Fernando era molto somigliante al padre Carlo Alberto e per nulla simile all’altro rampollo. Un disagio evidenziato anche dalla madre Maria Teresa, disperata per le enormi diversità tra genitori e figlio primogenito. A tutto ciò si aggiungono gli aspetti caratteriali. Carlo Alberto era una figura tormentata, silenziosa e di buona cultura. Al contrario, Vittorio Emanuele II era estroverso, sanguigno e grezzo. Insomma, una serie di indizi che hanno fatto (e che ancora oggi fanno) pensare alle origini umili del futuro sovrano del nuovo Regno d’Italia. (1) Nella sua biografia dedicata al re italiano, lo storico inglese Denis Mack Smith scrive che non solo Vittorio Emanuele non assomigliava al padre, ma che "Carlo Alberto lo trattò con poco affetto e mostrò una palese predilezione per Fernando, il duca di Genova, suo secondogenito".(2) Che il re non fosse figlio di Carlo Alberto fu convinzione di molti, anche di uno dei suoi più leali servitori, Il già citato Massimo d'Azeglio, che fu suo primo ministro poco dopo la sua ascesa al trono, dopo la sconfitta di Novara del 1849 ed abdicazione del padre. A quanto scritto sopra si aggiunge che: "Diceva con molta franchezza che Vittorio Emanuele non era il vero figlio di Carlo Alberto, ma di un macellaio di fuori Porta Romana, a Firenze". (3) Bisogna altresì dire, per non essere tacciati di "dietrologia", che numerosi Storici, come Alessandro Barbero, ritengono poco credibile la vicenda della sostituzione (4). ( P.S: Le monete postate sono della mia collezione ) 1- https://mole24.it/2018/03/14/mistero-vittorio-emanuele-ii-mori-culla-fu-sostituito-un-altro-bambino 2 - Vittorio Emanuele II, Collana Storia e Società, Bari, Laterza, 1972.- Collezione Le Scie, Mondadori, Milano, 1994 3 - Gaspero Barbera “Memorie di un editore”. Ed. Barbera ( 1883 ) 4- https://www.facebook.com/firenzepococonosciuta/videos/il-professore-barbero-sfata-la-leggenda-del-presunto-scambio-in-culla-di-vittori/753144215104682/ Saluti a Tutti, Beppe
  32. gionnysicily

    Cohen 302 - Nerone Asse

    Ciao, Intanto di che se li tenga lui queste patacche che ti allego. Già dalle foto parlano da sole, addirittura il sesterzio di Alessandro Severo, ha il codolo di fusione ancora intatto. Altre con foto migliori, si possono aggiungere alla lista.
  33. giuseppe ballauri

    Monete suoi millesimi e Avvenimenti

    Grazie Alberto @Litra68per aver riproposto questa Discussione che avevamo un pò trascurato. Belle ed interessanti le storie postate da Te e da Raffaele @Raff82. Sto cercando di documentarmi su una storiella che riguarda Vitt.Em. II° e la sua nascita ( 1820 ), ma devo trovare i documenti nella mia biblioteca. A presto Beppe
  34. Esempio piuttosto noto è il marengo o 20 Lire di Vitt.Em. II° - 1855 TO - "Emmanuel H " la lettera è proprio una "H" come si può vedere dalla H di HIER che è uguale. Posto l'esemplare della mia collezione:
  35. DOGE82

    Scudo della Croce

    Buonasera! È uno scudo di Giovanni I Corner, magari fosse di Francesco Corner. Massaro Zan alvise Minotto. Scudo tra i più comuni. La conservazione non è granché, dato i profondi segni che la deturpano. Per il valore difficile dire. Bisognerebbe averla in mano. Comunque dato che non è rara io passerei e ne cercherei una migliore. In conservazione bb si trovano a circa 300 euro. Saluti!
  36. giuseppe ballauri

    Monete Contemporanee Estere (dal 1900 a oggi) parte III

    SVIZZERA - 20 FRANCHI 1947
  37. Euriale

    Asse di Marcio Censorino

    La trovo molto carina anche se so molto poco sulla moneazione bronzea. Al D/ mi ricorda il denario della gens Marcia (18) che si diceva discendente dal quarto re di Roma. Anco Marzio (o "Marcio"), il praenomen Ancus ne denota l'origine Sabina. Le teste accollate, si spiegano secondo alcuni autori, da un rapporto di parentela tra Anco Marzio e Numa Pompilio. Anco Marcio sarebbe nipote di Numa, in quanto figlio di sua figlia Pompilia e di un esponente sconosciuto della gens Marcia.
  38. Buongiorno, in questo bronzetto vedrei Costanzo Gallo con la Felix Temporum Reparatio, in un AE3 per Aquileia: Aquileia RIC VIII 196 Constantius Gallus, AE3, Aquileia mint. DN CONSTANTIVS IVN NOB C, bare-headed, draped, cuirassed bust right, A behind head / FEL TEMP RE-PARATIO, soldier standing left, right knee raised, spearing a fallen horseman who is bare-headed, unbearded, reaching backwards. LXXII in left field; chi-rho in centre. Mintmark AQS. RIC VIII Aquileia 196. Aspetto conferme. Saluti da HIRPINI
  39. Senza fare il para..gnosta 😂, i "venetici" seguono le più belle monete, e sono seguiti dai più bravi curatori.....😉
  40. L. Licinio Lucullo

    Bronzetto con Giano bifronte barbuto

    Ti ringrazio per avermi salvato dall'errore in cui stavo cadendo. In effetti, esistono 4 emissioni, ovvero (in ordine di peso): - Anfipoli, con Centauri al retro (SNG Cop. 68; Moushmov 5986; Head pag. 217), diametro 25-30 mm, peso 15,4-18,1 g; - Tessalonica, con Dioscuri al retro (SNG ANS 803, SNG Cop. 368, Moushmov 6634, BMC 34), diametro 20-27 mm, peso 11,6-19,9 g; - Tessalonica, con Centauri al retro (SNG ANS 805, SNG Cop. 369-370, Moushmov 6633, Sear 1469), diametro 23-28 mm, peso 9,8-17,3 g; - imitativa di Tessalonica, con Centauri al retro (non conosco classificazioni), diametro 15-17 mm, peso 2,6-4,4 g; Per la datazione, occorre richiamare brevemente la storia dell'area. Dopo la sconfitta di Perseo (168 a.C.) la monarchia macedone fu abolita e la Macedonia fu divisa in 4 circoscrizioni amministrative (i cui confini sono oggi ignori), denominate merides. I diritti di conio, inizialmente aboliti ad eccezione delle sole emissioni romane, con la creazione delle merides furono ad esse assegnati. Nel 149 il pretore P. Juventius Thalma (o Thalna) emise un limitato numero di tetradracme, tramite un suo legato, recanti al R/ la legenda LEG (legatus pro quaestore) e una mano che regge un ramo d'ulivo (ΘAΛΛOΣ, allusivo a Thalma). Nello stesso anno fu tuttavia sconfitto da un pretendente al trono, tale Andrisco, che affermava di essere nipote di Filippo V; la coniazione di queste tetradracme proseguì, omettendo tuttavia la legenda LEG e la mano con il ramo d'ulivo. Assunto nome e titolo del presunto nonno, l'usurpatore coniò anche tetradracme recanti la legenda ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΦΙΛΙΠΠΟΥ. Sconfitto Andrisco la Macedonia fu ridotta a provincia e la coniazione degli argenti cessò per più di un secolo ma esistono bronzi firmati dai questori G. Publilio e L. Fulcinio o Fulcinnio, bronzi attribuiti al pretore D. Junio Silano e bronzi di comunità locali, che si discute se siano da datare a dopo la sconfitta di Perseo (168) o a dopo quella di Andrisco (149). Dal 93 i governatori della Macedonia ripresero, per 5 o 6 anni, la coniazione degli argenti, con legenda MAKEΔONΩΝ; a giudicare dal numero di conî, furono emissioni abbondanti. Le monete (dracme e tetradracme), simili fra loro, sono firmate da Aesillas, questore dal 93 all'88 e da Q. Bruttius Sura, legato pro quaestore dal 92 all'88. Furono queste le ultime emissioni recanti l'etnico MAKEΔONΩΝ (“del popolo macedone”); i bronzi continueranno a essere coniati dalle colonie romane (con inscrizioni latine e tipi tratti sia dalla storia locale che dalla tradizione romana), dalla confederazione (koinon) macedone (con iscrizioni greche e recanti generalmente al D/, sotto l'impero, il ritratto del principe) e da alcune città (caratterizzati dalla presenza dell'etnico al R/)
  41. Ciao, si, è la più lunga banconota, hanno questo formato perchè per necessità il design è stato preso da degli assegni preesistenti (in calce qualche mio esemplare) . Gli album per contenerli esistono (della leuchtturm) uno dei miei: Se qualcuno li ha arrotolati e non piegati sin dall'inizio, od ha conservato più esemplari riuniti (tipo una mezza mazzetta ecc) per spenderli in un secondo tempo (magari non utilizzati e ritrovati successivamente la precrizione), od altri casi a noi sconosciuti, si, possiamo dire che l' fds può esistere.
  42. carissimi, vorrei un vostro prezioso giudizio: li spendereste 250 € per questa moneta? grazie! ciao galaad
  43. El Chupacabra

    5 Centesimi 1918

    Eccovi un esempio della "collezione del ricordo" (3 volumi)...
  44. 1947 India, Half Rupee, Giorgio VI
  45. Si tratta di un douzain per il delfinato emesso a nome di Carlo VIII https://www.cgbfr.it/charles-viii-douzain-du-dauphine-n-d-s-l-b-,bry_426994,a.html ciao Mario
  46. coinzh

    Condivido con voi la gioia della mia prima Civetta!

    @lacivettadiatena le foto della mia, comperata più di 10 anni fa.
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.