Jump to content
IGNORED

celtiche con la croce?


Ticinum
 Share

Recommended Posts

spesso vedo sui cataloghi d' asta monete celtiche con la croce al retro..la tipologia è molto affascinante e degna di studio ma sfortunatamente non so alcunche sull' argomento.

c' è qualcuno che saprebbe dirmi se il retro con la croce appartiene anche alla tipologia delle monete del nord Italia?se si quali tribu?

grazie mille! :D

Link to comment
Share on other sites


si scusa la mia totale ignoranza!

proprio quella croce che hai postato!che significano le lettere nel retro?vedo una A e una M?è un marchio di zecca magari?

grazie mille :D

Link to comment
Share on other sites


Figurati, se non la conoscevi, non ti devi preoccupare. :)

La M e la A stanno per MAssilia, (l'attuale Marsilia), in Gallia.

I Galli, commerciavano con la Magna Grecia, e per rendere i rapporti più facili, coniarono (come tutte le altre tribu celtiche), le loro monete "equivalenti".

In particolare Massilia coniò, subito una dracma molto importante, con cui commerciava in Italia, ma poi si mise a coniare un'altra moneta in argento molto importante, cioè questo obolo, che si pensa fosse la moneta principale in "patria".

Cioè a Massilia, si commerciava con quest'ultima moneta principalmente...

La ruota, è spesso presente nell'iconografia della Magna Grecia, (vedi Siracusa e altre città...), e non di meno erano i celti, che scopiazzarono un pò qua e un pò là tanti disegni e tante monete... :P

Link to comment
Share on other sites


grazie!ottima ed esauriente risposta :D

una domandina...le copie celtiche penso non raggiungano la qualità degli originali...esistono particolari per capire se si trattan di copie o erano pedisseque riproduzioni in ogni particolare?

le sigle M A compaiono sempre sulle monete originali di Marsiglia , o anche solo la M o la A?nel senso sono identificativi precisi di zecca?

potresti consigliarmi qualche libro o link specifico sull' argomento?

grazie! :D è sempre bello imparare qualcosa di nuovo di cui si ignora l' esistenza!

Link to comment
Share on other sites


grazie!

forse non ho capito bene...ma i celti o galli non imitarono queste monete?

per curiosità il busto è sempre rivolto a sinistra (da come ho visto in diversi siti) o potrebbe esser rivolto anche a destra?

Link to comment
Share on other sites


La dracma cognata per l'Italia, era di svariati tipi, ma la legenda era solitamente distinta dalla parola MASSA in greco.

Mentre gli oboli si presentavano sempre con gli stessi disegni e le lettere M e A.

Per quanto riguarda i pesi, erano solitamente inferiori, anche se non di molto.

La dracma a Massalia, poteva avere un peso di circa 2,7 gr, contro i 4,3 della monetazione greca.

Anche le tetradramme dei popoli celtici dell'est, come la Pannonia, riproducevano i coni dei grandi sovrani Macedoni, sempre in difetto di qualche grammo.

Era una monetazione un pò varia e "disordinata", con una qualità incisoria decisamente inferiore a quella da cui prendevano esempio.

In pochi casi arrivarono quasi a sfiorare i coni originali... :P

Ti allego alcuni esempi per vedere le differenze.

post-981-1144190265_thumb.jpg

post-981-1144190280_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


grazie a tutti per le spiegazioni!

x Lorenzo: il tuo sito ebbi modo di visitarlo tempo fa...veramente bello!ho letto da qualche parte se ti interessa come bibliografia che esiste un tesoretto di monete celtiche rinvenuto ad Ozzero (MI) nei primi del secolo.Per caso ne hai mai sentito parlare?

x Miglio81: ottimo ed esauriente spiegazione!davvvero interessante!

x Tacrolimus : non mi riferisco ad una moneta in particolare...è una curiosità su tal monetazione di cui non ne sapevo nulla :D

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.