Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
L. Licinio Lucullo

Rottame di Giustiniano

Recommended Posts

L. Licinio Lucullo
Supporter

Cari amici, non ho alcuna conoscenza in materia di monetazione bizantina, ma per curiosità e sfizio ho comprato da Lanz questo "rottame" di Giustiniano, così descritto dal venditore:

Æ 40 Nummi Follis

29 mm , 13,8 g

Constantinople mint, 2nd officina.

Struck 527-538.

D N IVSTINI ANVS P P AVC, diademed, draped, and cuirassed bust right, with star on shoulder / Large M (mark of value); star to left, cross above and to right, B below; CON.

DOC 28b; MIBE 84; SB 158.

Potete darmi una qualisiasi notizia al riguardo? Non ho neanche idea a cosa si riferisca il valore nominale (follis) e perché sia abbreviato da M, quante fossero le officine, come si sciolga la legenda D N IVSTINIANVS P P AVC, a quali corpora facciano riferimento le sigle della catalogazione (DOC, MIBE e SB) ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

La foto

post-13865-0-24404800-1360833960_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

fedafa

Potete darmi una qualisiasi notizia al riguardo? Non ho neanche idea a cosa si riferisca il valore nominale (follis) e perché sia abbreviato da M, quante fossero le officine, come si sciolga la legenda D N IVSTINIANVS P P AVC, a quali corpora facciano riferimento le sigle della catalogazione (DOC, MIBE e SB) ...

Per quanto riguarda il valore Follis, esso viene indicato con la M è perchè tale lettera in greco indicava il valore 40. Quindi un follis erano 40 nummi.

Allo stesso modo la lettera K indicava il valore di 20 nummi, la I di 10 nummi e la € quello di 5 nummi.

Le officine nella zecca di Costantinopoli erano diverse e contraddistinte da una lettera posizionata sotto la lettera M (in questo caso). Per questo follis sono note le officine A, B, :Greek_Gamma:, :Greek_Delta: .

La legenda dovrebbe essere sciolta in:

Dominus Noster IVSTINIANVS Per Petuus AVGustus

Per i riferimenti biliografici:

DOC = A. Bellinger e P. Grierson "Catalogue of The Byzantine Coins in The Dumbarton Oaks Collection and in The Whittemore Collection", Washingotn 1966-1973

MIBE = W. Hahn " Money of the Incipient Byzantine Empire" Wien, 2000

SB = D. R. Sear " Byzantine Coins and their values", London 1996

Spero sia tutto corretto.

Edited by fedafa

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

Nummus .. follis ... Qual era l'organizzazione dei nominali in quest'epoca?

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

allora

partiamo dalla moneta

la tua e` un follis di giustiniano , zecca di costantinopoli , officina B se vedo correttamente.

la M tra stella e croce fa si che venga attribuita al seaby 158

ti farei notare il busto di profilo (che poi cambia in busto frontale) e la dimensione piuttosto grande di questo nominale (dimensione che poi scendera con l inflazione del secolo successivo)

un altra curiosita` e` che i nominali precedenti di anastasio erano piu` piccoli e son stati rivalutati (quindi fatti piu` grandi) per ristabilire una qualche efficienza monetaria all inizio del V secolo

tornando all organizzazione di questi nominali.

partiamo dall ultima riforma monetaria del 378 che introduce tre nominali l ae 2 ae3 e ae4 , questa va progressivamente inflazionandosi finche per tutto il V secolo l unica monetazione di rame rimane il nummo di circa 1 grammo che diventava problematico per le transazioni

(la monetazione d oro e d argento rimane la stessa del periodo costantiniano con solidi e silique dello stesso standard)

nel 495 anastasio riforma la monetazione di rame introducendo multipli del nummo

quelli standard sono da 5 , 10 , 20 e 40 come il tuo , ma ci sono anche esempi di nominali strani a tessalonica con gli 8 nummi oppure ad alexandria in egitto con i 12 nummi.

purtroppo la monetazione bizantina e` molto molto molto molto trascurata visto che tutti (te compreso) si mettono a fare le monete romane piu` belle repubblicane o imperiali dei primi 2 secoli

ma ti assicuro che ci son molte cose interessanti nel V secolo come monetazione romana e nelle bizantine

per esempio ci son follis emessi a cartagine dopo che i bizantini sconfissero i vandali e fecero crollare il loro regno

oppure ci son decanummi battuti da zecche itineranti in italia (alcuni pensano perugia) attaccate all esercito bizantino nel 525 quando tentavano di riconquistare l italia

ci son poi anche altri esempi molto difficili da interpretare di follis ribattuti l uno sull altro , ieri per esempio ho postato un follis di siracusa ribattuto su uno di costantinopoli

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

tutti (te compreso) si mettono a fare le monete romane piu` belle repubblicane o imperiali dei primi 2 secoli

Per me non è questione di bellezza delle monete, è questione di storia: la Repubblica era Roma; l'Impero, a maggior ragione quello cosiddetto "bizantino", era solo il figlio di Roma.

Non per niente ho voluto una testimonianza di Giustiniano, ultimo imperatore a preoccuparsi della riconquista di Roma!

Grazie per l'esposizione, devo dire che mi hai incuriosito.

Edited by L. Licinio Lucullo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo

Tanto per non lasciare la questione in sospeso, con la riforma di Anastasio

1 solido in oro = 12 miliarenses o 24 silique in argento = 180 folles o 7200 nummi in rame

Spero anch'io di non aver scritto sciocchezze.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Arka

Aggiungerei solo che il solido d'oro si divideva in 2 semissi e in tre tremissi. I tremissi furono la base della circolazione monetaria aurea in Italia nei secoli VI-VIII.

Arka

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

Grazie a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

rick2

quello del cambio tra solido e nummi 1 a 7200 era fissato dalla riforma ?

prima si sa quanto si e` evoluto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

quello del cambio tra solido e nummi 1 a 7200 era fissato dalla riforma ?

prima si sa quanto si e` evoluto ?

si

successivamente si è evoluto

il follis sotto Giustiniano ha oscillato tra 1:180 a 1:210

per poi scendere , nel 498 a 1:288 e rimanere tale fino al VII secolo

il rapporto solidus/nummus scese fino a 1:11520

Follis 288

Half-follis 576

Decanummium 1152

Pentanummium 2304

Nummus 11520

Share this post


Link to post
Share on other sites

giacutuli

Salve. Che tipo di conservazione si puo indicare per questi 20nummi di Justiniano e rarità??? Grazie

k328.jpg

k312.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66

Si dovrebbe trattare di un mezzo follis di Giustiniano, la conservazione e' BB, 

Come mi fu detto tempo fa di per sé non è una moneta particolarmente rara ma mi piace rammentare che Arslan la definisce quasi inesistente nei ritrovamenti da scavo in nord Italia ( uno o due casi) a causa del "rastrellamento" effettuato dai Franchi durante il loro ritiro alla fine della guerra greco gota. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poemenius
3 ore fa, giacutuli dice:

Grazie. Allego cartellino

nn18.jpg

Il cartellino è agghiacciante 

Ma chi lha scritto, uno che non si occupa di numismatica spero... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poemenius

La datazione è ampia e copre un periodo nel quale a Roma nemmeno era arrivato

La zecca per la cronaca é Roma e chi l'ha scritto non ha nemmeno idea della differenza tra lo stile orientale e quello romano

La croce non è di Gerusalemme....... 

Non continuo nemmeno... 

Comunque... Bella moneta 

Il cartellino bruciarlo... 

Edited by Poemenius
  • Like 1
  • Haha 1
  • Confused 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

giacutuli
12 minuti fa, Poemenius dice:

Il cartellino è agghiacciante 

Ma chi lha scritto, uno che non si occupa di numismatica spero... 

yes, cartellino arrangiato da mio papà, gli serviva come riferimento 30 anni fa, uhmmm poco affidabile...ecco perche voglio rifarlo coi giusti riferimenti, grazie!!!!!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poemenius
20 minuti fa, giacutuli dice:

yes, cartellino arrangiato da mio papà, gli serviva come riferimento 30 anni fa, uhmmm poco affidabile...ecco perche voglio rifarlo coi giusti riferimenti, grazie!!!!!!!!!!!!

Allora scusa, temevo fosse il lavoro di un negoziante... E capita... Capita davvero

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

giacutuli
Il 28/6/2020 alle 23:13, Poemenius dice:

Allora scusa, temevo fosse il lavoro di un negoziante... E capita... Capita davvero

ne ho trovata una passata in asta, dovrebbe essere questa!??! una domanda come mai questi mezzi follis hanno pesi moltissimo diversi dai 4gr anche fino ai 9gr ??? addirittura quelli coniati in zecche orientali anche sotto i 2gr ??? in quel periodo non vi era un peso standard per questi bronzetti???? grazie a chi vuol rispondere, salutiiiiiii

image.png.4ef545279fbf44f27e8537ca3a86b3f1.pngimage.png.db341f46ba7d256560efdb96045b6712.png

image.png.e8ccd02b30b2771acacad6d5a8cdda80.png

Edited by giacutuli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.