Jump to content
IGNORED

ROMA


caiuspliniussecundus
 Share

Recommended Posts

La scritta ROMA che si trova sui denari repubblicani e su molti didrammi è un Nominativo o un ablativo (in urbe Roma), come suggerisce Belloni in La moneta Romana (Carocci) ??

Caius

post-705-1144495923_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Bhe, penso si debba andare ad interpretazione (come, ad esempio, quella di Belloni da te citata) in mancanza di un contesto "letterale" che naturalmente su una moneta non possiamo trovare... ROMA può essere sia nominativo che ablativo (anche vocativo, ma qui penso centri poco :P).

Link to comment
Share on other sites


Io lo ho sempre inteso come un genitivo plurale Roma(norum).

Però sarebbe interessante sviluppare qualche confronto NELLA STESSA EPOCA con monete di altra provenienza e con altro genere di iscrizioni pubbliche.

Link to comment
Share on other sites


Premetto che non sono un gran letterato....Secondo me dipende dai casi in cui si trova scritto. Ad esempio se la scritta Roma si trova sotto la personificazione di Roma andrebbe interpretata al nominativo, le altre volte in ablativo....ditemi se l'ho sparata!!! :P

Link to comment
Share on other sites


Premetto che non sono un gran letterato....Secondo me dipende dai casi in cui si trova scritto. Ad esempio se la scritta Roma si trova sotto la personificazione di Roma andrebbe interpretata al nominativo, le altre volte in ablativo....ditemi se l'ho sparata!!! :P

114435[/snapback]

Dal punto di vista logico funzionerebbe anche, ma il problema è che tu sottintendi un legame fra la legenda e la raffigurazione che per quell'epoca è tutto da dimostrare.

Io ho l'impressione che la legenda fosse prevalentemente percepita come esplicitazione dell'emittente e non come didascalia all'immagine.

Comunque per avere argomenti bisognerebbe, come dicevo, andare a controllare un po' di casistica in ambiti confrontabili.

Link to comment
Share on other sites


Secondo me il genitivo è ROMANO(RUM) come da didramma romano campano, per cui tenderei ad escluderlo. Interessante l'ipotesi del vocativo (o ROMA!).

Link to comment
Share on other sites


Io direi di leggerlo seplicemente come è cioè Roma quindi nominativo.

114528[/snapback]

Ciao a tutti :)

Concordo con chi legge ROMA come un nominativo in quanto indicazione della

città emittente

mi sembra poco probabile che si tratti di un ablativo di

stato in luogo (in Urbs Roma) per due ragioni:

- non vedo ragione per riportare questa formula su una moneta

che aveva lo scopo di circolare in e fuori Roma e che abbastanza presto

ebbe corso legale ben oltre i confini cittadini

- per indicare lo stato in luogo non si diceva in Roma, ma

semplicemente ROMAE

a mio avviso improponibile il vocativo

P

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.