Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
aleroit2000

Traduzione... dall'inglese

Risposte migliori

aleroit2000
Salve a tutti.
Chiedo scusa se posto una domanda banale e forse già trattata in precedenza: in questi giorni ho iniziato a ricatalogare le mie monete e sono arrivate a quelle britanniche, e qui nasce il problema, perchè se fino al nostro SPL, la corrispondenza è ovvia (SPL=EF; BB=VF; MB=F, ecc), per il nostro FdC sorgono problemi.

per il grado masimo infatti nei paesi anglosassoni esistono due diversi "stati di conservazione": UNC (uncirculated - non circolato) e BU (brillian Uncirculated). Non a caso sono definiti "stati di conservazione"; perchè una moneta è UNC per il solo fatto di non avere mai circolato, anche se presenta colpetti dovuti alla zecca. BU sono invece considerate quelle monete "perfette" che hanno tutta la patina della zecca e sono per questo "brillanti".

Il gigante "traduce" il nostro FdC con l'Unc., ma allora il BU?
Se poi consideriamo che nei paesi anglosassoni a volte è usato anche il FdC (preso dal francese Fleur de coin) per indicare le prime monete uscite dai coni nuovi, la situazione si complica ancora. :blink:

Ora la domanda: visto che io possego monete che in versione anglosassone sono catalogate alcune come Unc e altre come BU, come posso "tradure" questi due "stati" nel nostro sistema di catalogazione? :unsure:

grazie a tutti! :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter
[quote name='aleroit2000' date='30 novembre 2004, 12:48']una moneta è UNC per il solo fatto di non avere mai circolato, anche se presenta colpetti dovuti alla zecca. BU sono invece considerate quelle monete "perfette" che anno tutta la patina della zecca e sono per questo "brillanti".
[right][post="6401"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]
Ciao Ale, nei cataloghi di cartamoneta viene usata come conservazione intermedia tra SPL e FDS "SUPERBI (SUP)" biglietti quasi perfetti, solo leggermente maneggiati, ma che a prima vista possono anche apparire FDS; se sostituisci "biglietti" con "monete" forse non sei lontano dall'esatta traduzione del termine UNC.

Ciao.

Petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lvtdiego
Da quest'anno...il Gigante ha inserito il qFDC.
Ora..lo stesso Gigante su Cronaca Numismatica di Ottobre (se non sbaglio) dice che il FDC è da considerarsi quello ASSOLUTO..mentre tutto quello che finora si reputava FDC diventa quasi"...
più o meno è il succo del discorso...
ed io aggiungo: "Tante grazie Gigante! In questo modo si abbassano le quotazioni di quelli che erano "normali FDC"...Con tutti i soldi che nel frattempo i collezionisti hanno speso.... "

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lvtdiego
Quindi Alexxx....non dovresti sbagliare...
secondo la prospettiva del Gigante 2005 il qFDC darebbe UNC ed il FDC Assoluto il BU....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

kasmene
Salve,
avevo posto la stessa domanda ad un'amico perito siciliano, il quale mi diede un'interpretazione come quella data da Alexx qFDC= UNC e FDC assoluto= BU.
Per ciò che riguarda il discorso Gigante non sono proprio d'accordo con Lvtdiego perchè per prima cosa va preso in considerazione il fatto che in questo modo il Gigante si avvicina anche alle valutazioni anglosassoni, creando o cercando di creare un'uniformità vedi la discussione di adesso che porta ad avere in aggiunta il qFDC che prima non esisteva appunto, secondo se è vero che una FDC adesso se non assoluta diventa diventa una qFDC con perdita di valore è anche vero che una + che SPL che però mancava di pochissimo per essere FDC adesso è una qFDC con aumento del valore.

saluti
kasmene :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67
Scusate, volevo aggiungere una mia considerazione al discorso FDC/BU: il Gigante nel catalogare le monete FDC inserisce sempre (soprattutto sulle monete più vecchie, a dir la verità) delle gradazioni di FDC (1° categoria, 2° categoria, ecc), a seconda della qualità del conio originale, che poteva o meno presentare dei difetti. Questa catalogazione del FDC stabilisce un plusvalore o un minusvalore a seconda delle condizioni della moneta che vogliamo classificare (ossia, se è un conio di 2° categoria e noi abbiano invece un FDC assoluto allora la nostra moneta varrà di più della cifra indicata a catalogo per il FDC, se viceversa il conio è di prima categoria ma la nostra moneta ha qualche difetto di conio allora ci sarà un deprezzamento). Perchè questa valutazione non è estesa alle monete moderne?
Ad esempio, è pressochè impossibile trovare una moneta del Belgio (soprattutto da 1 e 2€) che abbia un conio perfetto, ho alcuni rotolini a casa e non ne ho trovata una esente da segni e lievi colpi. Forse che non sono FDC? Non vale neanche la tesi del BU (dove con BU sono indicate le monete inserite nelle divisionali), perchè anche le divisionali belghe che possiedo io hanno all'interno monete della stessa (scarsa) qualità di quelle che si trovano nei rotolini...
Pertanto io non tradurrei il BU inglese in FDC e l'UNC in qFDC (per me qFDC è un'altra cosa, è un FDC che non è stato conservato perfettamente e presenta qualche lieve segno, ma non dovuto alla coniazione). Piuttosto aumenterei il concetto di FDC, creando una categoria da definire FDC assoluto (e che qualcuno già usa, guardando le aste che si vedono su eBay :D )...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aleroit2000
[quote]avevo posto la stessa domanda ad un'amico perito siciliano, il quale mi diede un'interpretazione come quella data da Alexx qFDC= UNC e FDC assoluto= BU.[/quote]

[quote]Pertanto io non tradurrei il BU inglese in FDC e l'UNC in qFDC (per me qFDC è un'altra cosa, è un FDC che non è stato conservato perfettamente e presenta qualche lieve segno, ma non dovuto alla coniazione).[/quote]

Beh, vedo che la mia domanda ha suscitato interesse.... per cui vi ringrazio tutti per le risposte.
Per quanto riguarda però i gradi credo che ci sia ancora molta confusione (e detto tra noi, credo che i vari operatori del mercato non vogliano risolverla più di tanto, per poterci continuare a "giocare" ...).
Faccio un esempio che mi riguarda:
io ho una moneta che ho comprato direttamente dalla zecca inglese (quindi per definizione UNC) che presenta alcuni segni, appunto di zecca, di cui uno, tra l'altro, in rilievo, segno evidente di un conio "stanco". Col sistema anglosassone è UNC, con l'italiano?
Ne ho un'altra, che arriva sempre dalla zecca ma che è invece perfetta. per gli inglesi continua ad essere UNC, per noi? Se valesse l'equazione UNC=qFdC entrambe sarebbero qDFdC, ma in due stati evidentemente diversi.... :huh:

Ne ho poi una terza che proviene da un set di zecca che è stao rotto (non da me, ma da chi me l'ha venduta......) ed è classificata BU. :huh:

Lo so che questo crea confusione.... ma non riesco a trovare una regola logica. A meno che (azzardo la proposta) non si introduca anche da noi un grado BU superiore al FdC (alcuni lo chiamano anche Primo Conio), valido solo per le monete brillanti delle confezioni di zecca....
Confusione alla confusione...... :o

Quasi quasi ripropongo la domanda all'amico Gigante......... :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

kasmene
Salve,
ho fatto domanda a Gigante al suo sito in merito alla questione e mi ha dato una risposta che credo sia esaustiva.
Mi ha però fatto presente (e mi trova d'accordo) che se sviluppi una discussione in un forum non è carino che poi la utilizzi per fare lo sborone in un altro togliendo merito o visibilità del sito stesso a chi ti ha dato la risposta ( questo il senso anche se in termini diversi).

Quindi per chi volesse risposte vi invito ad andare al seguente link

[url="http://gigante.it/phpbb/viewtopic.php?p=228#228"]http://gigante.it/phpbb/viewtopic.php?p=228#228[/url]

saluti
kasmene :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aleroit2000
[quote]Mi ha però fatto presente (e mi trova d'accordo) che se sviluppi una discussione in un forum non è carino che poi la utilizzi per fare lo sborone in un altro togliendo merito o visibilità del sito stesso a chi ti ha dato la risposta ( questo il senso anche se in termini diversi).[/quote]


??????????????????????????????????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

kasmene
ale, nel senso che meglio andare a vedere la risposta al suo sito a onor di cronaca che riportarla per intero qui.
Dovevo fare copia ed incolla di quanto a scritto al forum, vai al suo sito e lo leggi...
Se qui fanno domande e si rispondo lo si fa perchè si sà, se trovo invece altrove riporto sempre mi sembra giusto non credi?

saluti
kasmene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67
Ho letto quanto spiegato sul forum di Gigante, la spiegazione non esaudisce tutti i nostri dilemmi ma tutto sommato la condivido. Quello che risalta della discussione cmq è che la sigla BU non andrà mai applicata a moneta nate per circolare, ma solo a monete povenienti da serie di zecca (anche se come giustamente spiegato da Bernasconi la qualità di molte monete da serie ufficiale è anche peggio della qualità delle monete da rotolino).
Cmq la mia idea è di considerare il FDC come una unica condizione. Solo se si ha un FDC particolamente brillante allora lo si potrebbe anche definire BU.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aleroit2000
Condivido quanto detto finora.
Solo una cosa non mi convince della risposta di Bernasconi: quando dice che FdC è anche una moneta appena uscita dalla zecca ma con segnetti o colpetti dovuti appunto alla coniazione (e il discorso fila); ma proprio questo non concorda con quanto scritto dal suo "principale" Fabio Gigante su CM quando diceva che per FdC s'intende SOLO quello assoluto e tutto il resto è QFdC......
Almeno si mettano d'accordo fra loro.....
Anche perchè il discorso di Bernasconi ha un senso logico (operando una distinzione fra FdC e FdC assoluto e dicendo che normalmente vengono prezziati solo i primi lasciando i secondi al mercato dei "perfezionisti.... :huh: ), mentre quello di gigante lo vedo solo come un voler tirare l'acqua al proprio mulino per far aumentare i prezzi.

Sono l'unico a notare questa incongruenza?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

kasmene
Si ... avevo notato anche io ma diventa una discussione senza fine e con nessuna risoluziona
Io seguo la linea di Paolino67 :)

saluti
kasmene :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Michelangelo
Ummhhhmmm, siete sicuri del fatto del FDC assoluto? Su CM ho letto che Gigante non valuta le conservazioni eccezionali ma solo il primo livello di FDC. Poi una moneta che è FDC ed è stata venduta come FDC rimarrà sempre FDC, certo che se uno SPL è stato venduto per FDC sarà sempre uno SPL e neppure un qFDC, non vi pare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×