Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
miroita

Per gli amanti di Recanati

Recommended Posts

miroita

Voglio segnalare agli appassionati delle monete della zecca di Recanati una nuova piccola variante inedita.

Sto leggendo gli atti del 2° Convegno numismatico di Ancona del maggio 2011, di cui si è ampiamente parlato ampiamente in altra discussione a cui rimando.

Nel suo intervento Michael Matzke – Monete Imitative delle Marche rinvenute in Canton Ticino – riferisce di un quattrino di Recanati (vedi: Josè Diaz Tabernero, Hans-Ulrich Geiger, Michael Matzke: Ritrovamenti monetali da chiese ad imitazione dei denari della repubblica senese).

L’immagine della moneta non è il massimo, ma qualcosa non mi torna. C’è in legenda una lettera che non risulta tra quelle conosciute nella monetazione di Recanati.

Vado a vedere sul sito indicato dell’IRMS (Inventario dei ritrovamenti monetali svizzeri, con sede a Berna)

E rintraccio la scheda della moneta in questione.

Eccola:

Recanati, comune

CSI 5061-3.2:17

Recanati, quattrino, 1423–1507

D/:

+ · S · FL[AVI]ANV ·; nel campo S

R/:

(Scudetto crociato) · R · AC · ANET[O]; croce patente

CNI XIII, p. 488, n. 33 (picciolo)
Paolozzi Strozzi et al., Siena, p. 314, n. 27 vedi
Gamberini III, p. 230, n. 642

BI

0.552 g

16.5–14.1 mm

255°

U 2/2

C 3/3

Pubbl.:

Geiger, Rares und Spezielles, p. 138, n. 21
IRMS 10, p. 108, tav. 7

P/M/D:

esemplare screpolato

Nota:

imitazione dei denari della repubblica senese; vedi CNI XI, p. 349, n. 1 (tipo)

Cons.:

UBC, Bellinzona

No ritr. 3.95.1

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Viene immediata la conferma.

Trattasi di una variante “inedita” del picciolo catalogato dal CNI al n. 33 (vedi scheda catalogo), riportato anche da Armando Bettini al n. 15 ne “Le monete della Zecca di Recanati” , 1987. In questo esemplare appare la lettera "S" in legenda.

Ps: andrò a correggere anche la scheda del catalogo. :good:

post-11314-0-87470700-1375265627_thumb.j

Edited by miroita
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

lollone

Ciao Miro,

quindi se non ho capito male questa moneta è una variante a quella del CNI?

Quale sarebbe la lettera?

Comunque trovo queste "chicche" estremamente interessanti! Grazie per averla tirata fuori.

Edited by lollone

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

Grande, Miro!!

Estremamente interessante.

Mi piacerebbe approfondire, specialmente per fare un confronto stilistico con la moneta di Siena. Molto bene.

Salutoni a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

@@lollone

@@adolfos

Ciao Miro,

quindi se non ho capito male questa moneta è una variante a quella del CNI?

Quale sarebbe la lettera?

Comunque trovo queste "chicche" estremamente interessanti! Grazie per averla tirata fuori.

Ciao Lò,

- sino ad ora era conosciuta solo la moneta che riportava in legenda al D/(scudetto) .RACANETO / croce patente ed al R/ + . FLAVIANV° / grande S

- questo nuovo esemplare invece riporta al D/ (scudetto) . R.AC.ANETO / croce patente ed al R/+ . S.FLAVIANV. / grande S

Riporto inoltre un brano dall'intervento di Matzke:

""

Alcune zecche nelle Marche, particolarmente quelle minori, imitavano
monete comuni di altre zecche, tra cui anche Recanati che copiava
quattrini senesi del tipo coniato dal 1371. Nella stessa chiesa di
Airolo si sono trovati tutti e due i tipi monetali, sia un quattrino senese
“originale”, sia un’imitazione di Recanati, che si può distinguere dalla
moneta “originale” solamente attraverso la lettura delle legende (figg.
8-9) 17. Così la moneta di Recanati seguiva – per così dire – la circolazione
del quattrino senese che, reperibile in buona quantità, poteva
anche essere esportato su piazze esterne da commercianti e pellegrini
di passaggio per Siena. Detta compresenza archeologica dei due quattrini
con simile tipologia rappresenta un’interessante circostanza che
consente di datare la moneta imitativa di Recanati a dopo il 1371/75.
""
Edited by miroita
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

lollone

Grazie Miro!

Ma quindi hanno stampato il volume sugli atti del convegno?? ( giuro che è l' ultima domanda)

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Grazie Miro!

Ma quindi hanno stampato il volume sugli atti del convegno?? ( giuro che è l' ultima domanda)

Si.

C'è anche una versione in formato pdf al costo di 30 euro scaricabile direttamente online, Tutti i riferimenti sono sull'altra discussione.

Io ho acquistato il pdf.

Ciao

Per l'ultima domanda non ti preoccupare, resto a disposizione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

pistacoppi

Miro come hai fatto ad ottenere la foto del Quattrino... ho provato a navigare tra le schede del database dell'IRMS di Berna ma ci sono solo dati... :unknw::unknw::unknw:

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Miro come hai fatto ad ottenere la foto del Quattrino... ho provato a navigare tra le schede del database dell'IRMS di Berna ma ci sono solo dati... :unknw::unknw::unknw:

E' riportata sugli Atti.

Io l'ho estrapolata dal file pdf. Sicuramente dal cartaceo non sarebbe venuta fuori. Non è eccezionale, ma quanto basta.

Ora dovrai trovare un'altra casella nel tuo album. :P

Edited by miroita
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

Impressionante la somiglianza !!

In via del tutto ipotetica si potrebbe pensare a maestranze provenienti direttamente dalla Vetus.

Bella, bella !

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Matzke nel suo intervento parla di quattrini senesi coniati dopo il 1371 e riporta come esempio questo:

post-11314-0-28892200-1375531232_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Ma se prendiamo quelli coniati dopo il 1400, la somiglianza è impressionante.

(non essendo un cultore delle monete di Siena, posso solo mettere quelli riprodotti nel CNI) in particolare il n. 5 che corrisponde al CNI 35 , pag 375. Per confronto riporto di nuovo quello di Recanati.

post-11314-0-63063900-1375531501_thumb.j

post-11314-0-66589000-1375531514_thumb.j

post-11314-0-05560100-1375531611_thumb.j

Edited by miroita
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

@@miroita

Grazie, Miro.

Effettivamente tra l'esemplare senese citato da Matzke e quello di Recanati ci sono differenze stilistiche. Impressionante, invece, il n. 5 da te evidenziato.

Quando una zecca minore imita una moneta di altra area già affermata c'è sempre un motivo. Frequente presenza della moneta come circolante, numerario scelto come moneta di conto ecc. Non trovo niente a riguardo..... Chissà se qualcuno ha notizie più precise. Oppure Matzke dice qualcosa?

Vabbè non vi voglio angosciare ulteriormente....con questo caldo :D

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Liutprand

Molto interessante!

Share this post


Link to post
Share on other sites

adolfos

@@Liutprand

Bentornato!!

Il problema è che la datazione proposta da Matzke è una "bomba" e sovverte le ipotesi precedenti, almeno credo. Non ho letto il suo intervento ma mi chiedo quando dice "sono stati trovati tutti e due i tipi monetali" se si riferisce a stratigrafia sigillata o altro.

Comunque hai ragione: molto interessante.

Salutoni

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Considerando inoltre che i quattrini di Siena, che ho sopra riportato, sono datati come coniazioni della Repubblica tra il 1404 ed il 1450,

appurato che la zecca di Recanati non aprì prima del 1450 (anche se il diritto di zecca era stato già concesso nel 1393 da Bonifacio IX),

vediamo che i tempi praticamente collimano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Liutprand

@@adolfos

Grazie amico mio. Comunque vi consiglio di leggere anche un articolo, che credo sia l'ultimo in ordine cronologico sulla zecca di Recanati:

Concetti, E., La zecca di Recanati, in «Panorama Numismatico», 132. 1999, pp. 22-24.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

@@adolfos

Grazie amico mio. Comunque vi consiglio di leggere anche un articolo, che credo sia l'ultimo in ordine cronologico sulla zecca di Recanati:

Concetti, E., La zecca di Recanati, in «Panorama Numismatico», 132. 1999, pp. 22-24.

Infatti.

Ma c'è anche il volumetto (16 pagg.) di Armando Bettini del 1987.

Share this post


Link to post
Share on other sites

pistacoppi

@@adolfos

Grazie amico mio. Comunque vi consiglio di leggere anche un articolo, che credo sia l'ultimo in ordine cronologico sulla zecca di Recanati:

Concetti, E., La zecca di Recanati, in «Panorama Numismatico», 132. 1999, pp. 22-24.

Per chi non avesse possibilità di reperire l'articolo cartaceo, c'è la possibilità di consultarlo on-line o di vederlo postato?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Liutprand

Per chi non avesse possibilità di reperire l'articolo cartaceo, c'è la possibilità di consultarlo on-line o di vederlo postato?

Grazie

Se vuoi dammi la tua mail in PM e ti invio una scansione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raiunulfo

Ciao, faccio questo post perché in un lotto che ho acquistato in un asta oltre alle monete sveve a cui ero interessato mi sono capitate tre monete che non conoscevo. Due sono anconetane, monete molto comuni, ma la terza, che non riuscivo a riconoscere, ho scoperto che si tratta di un picciolo di Recanati, sul CNI e sul sito la moneta però non riesco a trovare corrispondenze, vi scrivo la leggenda che si legge bene sulla moneta(ha come difetto che è stata raddrizzata)

D: + RACANATO (il leone rampante con l'arma in mano è racchiuso in uno scudo)

R: •+•S•FLAVIAN

Se mi date una mano ve ne sarei grato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raiunulfo

Comunque intendevo con "non ho trovato riscontri" , che la moneta in possesso c'è sul CNI ma la leggenda è diversa dalle figure , idem sulla moneta, c'è una che le somiglia come foto ma non come leggenda

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raiunulfo

Concludo chiedendovi se sapete sul sito lamoneta dove ci sono i cataloghi cosa intende con rarità - , invece di C,R etc etc , grazie in anticipo a chi vorrà rispondere

Share this post


Link to post
Share on other sites

miroita

Se posti le foto della moneta, vediamo se è possibile aiutarti.

Edited by miroita

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raiunulfo

Provo ad inserirle, scusate la scarsa qualità non sono riuscito a fare di meglio con il cellulare

Edited by Raiunulfo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Raiunulfo

Essendo in un lotto di una nota casa d'aste non credo che non l'abbiano notata quindi non dico che sia rara, non sono solo riuscito a classificarla bene e capire la sua rarità, visto che simili me le da NC ma questa solo un trattino -

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.