Jump to content
IGNORED

Rari bronzi sicelioti da asta tedesca


TARAS
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti,

posto alcuni pezzi dalla prossima asta Gorny.

Sarei grato agli utenti più esperti di me se potessero commentare queste monete, ed aiutarmi a comprendere se siano autentici o meno. La mia è solo curiosità, non sono interessato a comprarli.

Grazie in anticipo.

Nico

- ALAISA ARCHONIDEA

AE (16,69g)

Lot: 680 | Estimate: 2'500 EUR | Starting price: 2'000 EUR

- LIPARA

AE Hemilitron (53,23g)

Lot: 731 | Estimate: 12'000 EUR | Starting price: 9'600 EUR

- NAXOS

AE (1,24g)

Lot: 2147 | Estimate: 300 EUR | Starting price: 240 EUR

post-28866-0-16049900-1378323523_thumb.j

post-28866-0-23556600-1378323532_thumb.j

post-28866-0-42985000-1378323541_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


Guest Tugay Emin

Ciao taras , Le foto non aiutano tanto. L'uncia di Naxos a me mi sembra buona, a maggio 2012 alla Nac e apparso un'altra uncia apparentemente della stessa tipologia.( Allego post.). Su Lipara ,sarebbe meglio una foto HD è sempre un gran bel bronzo l'hemilitra , meglio un po' di cautela. Il bronzo di Alaisa ha i fondi lavorati ,un buon lavoro di pulitura a parte l'etnico bulinato e lustrato un po' eccessivo.

Link to comment
Share on other sites

A proposito di Alaisa, fino agli anni '80 era una moneta molto rara e presente in pochissime raccolte. Successivamente furono trovati alcuni esemplari e al solito procedettero a fare copie (cloni), in un primo tempo identici.

Ora non si usa quasi più il sistema del clone identico, anche nel modulo, anche per i maggiori rischi di facile riconoscimento nell'era dell'internet.

E' intressante osservare che già nel 1986 il Bulletin on Counterfeits pubblicò alcuni bronzi sicelioti falsi, nel suo volume 11, fascicolo 1. Fra questi riporto due cloni falsi di Alaisa, pesanti rispettivamente 14,29 e 13,76 g.....

post-7204-0-33694300-1378506478_thumb.jp

Pare che ne avevano fabbricati in un certo numero di pezzi.....

Link to comment
Share on other sites


Guest Tugay Emin

Gia' negli anni 80 ,circolavano bronzi sicelioti creati a cera persa . Da una matrice in silicone bivalva, veniva iniettata cera calda che riempiva la matrice. Al raffreddamento della cera veniva distaccata una delle valve in silicone ed estratta l'impronta in cera che risultavano stesso flan, stesso codoli, stessa graduazione D/R ,stessa conservazione. Per poi collegarla ad altre cere per la microfusione con metallo. Non duro' molto anche se n'è furono prodotte migliaia, poiché si rincontravano le stesse monete con le stesse caratteristiche. Come quelle che ha postato acraf. Copie mai state pericolose,anche sé all'epoca non si avevano le informazioni che oggi disponiamo.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.