Jump to content
IGNORED

Antonino Pio e il tempio di Augusto e Livia


Recommended Posts

giuliodeflorio

Gradirei avere un parere indipendente sul denario di seguito indicato (immagini consultabili nel link):

Antonino Pio e il tempio di Augusto e Livia
http://www.forumancientcoins.com/monetaromana/corrisp/b047/b047.html
3,32g misure 18,0/17,5 mm asse 7
RIC III 290a (pag. 60), BMC IV 940 (pag. 140), Cohen II 804 (pag. 349)

Ringrazio dell'attenzione.

Giulio De Florio

Edited by giuliodeflorio
Link to post
Share on other sites

da profano

1 il colore atipico potrebbe essere una qualche patina dell argento

2) la moneta e` coniata , non fusa quindi se fosse un falso dovrebbero esserci in giro le sorelline battute con lo stesso conio

sulle fratture del tondello non mi esprimo

http://www.acsearch.info/record.html?id=498725

questa mi pare un die match

http://www.acsearch.info/record.html?id=16808

questa die match al diritto e conio ritoccato al rovescio

http://www.acsearch.info/record.html?id=210730

http://www.acsearch.info/ext_image.html?id=227584

http://www.beastcoins.com/RomanImperial/III/AntoninusPius/AntoninusPius-RICIII-284.jpg

http://www.vcoins.com/en/stores/gitbudnaumann/66/product/antoninus_pius__denarius__temple_of_divus_augustus/140710/Default.aspx

http://www.wildwinds.com/coins/ric/antoninus_pius/RIC_0290.1.jpg

queste son conio diverso

Link to post
Share on other sites

Sig.De Florio, premesso che si sta visionando una foto, il denario presenta delle raggiature, compatibili con una reale coniatura del tondello, quindi escluderei che si tratta di una moneta fusa. Stilisticamente e` compatibile con i coni d`epoca, l`unica mia perplessita` e` la mancanza di evidenti spigolature delle lettere della legenda del dritto, in quanto essendo in buona conservazione dovrebbero essere piu` accentuate. Detto questo non me la sento di dire che la moneta sia falsa.

Edited by dupondio
Link to post
Share on other sites

giuliodeflorio

Sig.De Florio, premesso che si sta visionando una foto, il denario presenta delle raggiature, compatibili con una reale coniatura del tondello, quindi escluderei che si tratta di una moneta fusa. Stilisticamente e` compatibile con i coni d`epoca, l`unica mia perplessita` e` la mancanza di evidenti spigolature delle lettere della legenda del dritto, in quanto essendo in buona conservazione dovrebbero essere piu` accentuate. Detto questo non me la sento di dire che la moneta sia falsa.

Vorrei aggiungere l'immagine del taglio che, pur presente nel link, non lo è nel forum.

Giulio De Florio

post-1086-0-56784700-1379740013_thumb.jp

Link to post
Share on other sites

Anch'io credo sia buona, raggiature da espansione del conio, stile delle figure, lettere, fessure da colpo di conio mi danno indizi di autenticità.

Il colore scuro è normale per l'argento che sia stato conservato in superficie al sole con formazione di solfuro d'argento.

Credo che la tua perplessità sia legata al taglio netto che il bordo presento in alcuni punti, credo che eventuali escrescenze eccessive in alcuni punti venissero rimosse.(da cui il taglio netto)

Edited by teodato
Link to post
Share on other sites

Vorrei aggiungere l'immagine del taglio che, pur presente nel link, non lo è nel forum.

Giulio De Florio

Non riesco a capire dalla foto, se vi e` la presenza di limature del bordo, la Sua perplessita` e` data dalla presenza di segni di limatura o per le fratture del tondello che ritiene poco naturali?

Link to post
Share on other sites

Coniata e probabilmente anche autentica...

a volte le screpolature le hanno anche le autentiche, basta sbagliare la temperatura o "lucrare" sulla lega...non mi lancerei in giudizi assolutistici basati solo su osservazioni se non supportati da altre analisi.

Link to post
Share on other sites

giuliodeflorio

Di seguito riporto le conclusioni redatte al termine dell'esame della moneta, quali si leggono in calce al link sopra segnato:

"Concludo osservando che, sebbene le dimensioni della moneta rientrino nella norma, destano perplessità, nel dritto, le sfumature di colore giallo e, nel rovescio, lo spiccare delle lettere della leggenda rispetto al piano del tondello e al disegno, privo di rilievo, del tempio."

Nessuna delle 19 monete utilizzate per il confronto trova paragone con quella in esame: nel dritto, per quanto concerne il colore e il dettaglio (piuttosto scarso) dei particolari, in ispecie dei capelli dietro la testa; nel rovescio, per quanto concerne il rilievo della leggenda rispetto al disegno del tempio, piatto e privo di rilievo. Inoltre il taglio della moneta, con le sue profonde fenditure oblique, appare anomalo.

Detto questo, non mi resta che prendere atto della diversa posizione dei miei interlocutori che ringrazio sentitamente per le opinioni circostanziate e tecnicamente rilevanti offerte alla discussione e per la collaborazione espressa.

Giulio De Florio

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.