Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Ianva

Tasse, venditori e vendita monete

Risposte migliori

Ianva

Salve a tutti.

Essendo interessato in modo ampio alla numismatica, mi sono posto seriamente la domanda di quanto sia il carico fiscale di un commerciante con negozio fisico. Capita a tutti di 'contrattare' e a volte si rischia di portare avanti una contrattazione proponendo dei prezzi che magari un venditore non può nemmeno sostenere poiché gravato dalle tasse sulla vendita. Mi pare che qualcuno abbia parlato del 25-30 percento, è corretto? Oltre all'iva quali sono le altre tasse che i venditori devono pagare?

Grazie a tutti!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ianva

Non c'è nessun commerciante così pio da darmi qualche delucidazione? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

donax

Un negozio di numismatica non differisce in nulla da qualsiasi altro tipo di attività commerciale, quindi stesse tasse, l'IVA la paghi tu allo stato, il venditore è solo un intermediario, resta importante tenerla presente solo per stabilire il prezzo finale di vendita, LO SCONTRINO è cosa assai rara per la mia esperienza numismatica. Lo scorso anno a Verona ho chiesto alla mia ragazza di darmi un pizzico per svegliarmi, alla prima moneta acquistata mi hanno fatto lo scontrino senza neanche chiederlo, poi mi sono voltato ed ho visto la GDF che stava contestando qualcosa al dirimpettaio, meno male, stava venendo meno una delle poche certezze che mi restano.

Nel caso di una semplice ditta individuale, anche senza dipendenti, siamo oltre il 30%, però a patto che il negoziante fatturi tutto, il grosso delle tasse si pagano in base al reddito, quindi poco fatturi e poco paghi, considera che lo scorso anno i gioiellieri hanno dichiarato al fisco un reddito medio di 17.000 Euro.

da fiscoetasse.it

Costi e formalità burocratiche:
Ditta individuale commercio

• Iscrizione alla Camera di Commercio: 93,00 €
• Attribuzione della partita IVA: 2,60 €
• Pagamento dell'INPS: contributi INPS in base al reddito (incidono per un 17% circa sul reddito con un minimale fisso di 1.800,00 euro)
• Pagamento dell'IRPEF: in base al reddito
• Eventuale iscrizione all'INAIL: proporzionale al rischio dell'attività
• Pagamento IRAP: 4,25 % su un imponibile che comprende anche il costo del lavoro e gli oneri finanziari

Modificato da donax

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Monetaio
Supporter

Il costo della singola merce quando si prende in carico non è formato solo dal costo della merce + le tasse che ci si pagheranno sopra.

Bisogna assomarci anche i costi di gestione (banche, assicurazioni, locali, dipendenti, acqua, luce, gas, mezzi di trasporto, carburante, comunicazioni, BUROCRAZIA, eccetera eccetera...).

La percentuale che si ricerca quindi dipenderà anche dai volumi.

Ho visto più d'uno negli anni, in diversi settori, perdere molti, molti soldi proprio per l'errato calcolo dei costi aprioristico. Pensando semplicemente che comprare a 10 e vendere a 13 faccia guadagnare chissà quanti soldi.

MA oggi va di moda parlare solo di quelli che hanno il macchinone e la villa con piscina...

Modificato da Monetaio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sabaudo59

Non sono un commerciante ma ho svolto per qualche anno la professione di commercialista e ne ho viste di tutti i colori. Posso dirti che in Italia oggi la pressione fiscale è arrivata alle stelle al punto da distruggere imprenditori e commercianti in moltissimi settori, compresa la numismatica. Molte floride ditte numismatiche di 20 anni fa oggi non esistono più anche a causa dell'insopportabile pressione fiscale. La colpa è di uno Stato miope che tartassa bendato chi si alza la mattina alle 6 per andare al lavoro. I dati riportati sopra sono in parte corretti, ad esempio le nuove aliquote contributive INPS oggi fissano il minimale a 2400 euro circa all'anno. Ciò significa che se il commerciante non guadagna neppure 1 cent all'anno deve comunque pagare 2400 euro di INPS in 12 mesi. Questa è solo una delle tante assurdità, se inizierete ad avventurarvi nel famigerato mondo del commercio (fatto di burocrazia estenuante, documenti e timbri inutili, autorizzazioni obsolete ecc ecc) ne scoprirete molte altre. Buona serata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ianva

Oltre il 30 piu eventuali spese? Ci sono costi elevatissimi, credevo meno..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×