Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Follis Anonimo

Tesori e Ripostigli

Risposte migliori

Follis Anonimo

Ciao a tutti!

Ho un dubbio: qual è la differenza precisa tra tesori/tesoretti e ripostigli? Ho letto la sezione FAQ ma non mi è ancora chiaro. Per caso la differenza è inerente al valore delle monete? Nel senso, tesori= monete preziose di conto; ripostigli= monete effettive di basso valore normalmente circolanti??? E' così oppure sto prendendo un abbaglio?

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matapan

son termini sinonimi...puoi usarli entrambi per indicare un gruzzolo di monete dimenticate nei secoli nel terreno...

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Il ripostiglio di solito è quello che era intorno ai templi, i tesori sono nascosti da privati o briganti o da chiunque si è trovato in pericolo ed ha dovuto nascontere i suoi averi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Euriale

ciao

leggevo proprio oggi qualcosa a riguardo

perciò posso dirti quanto letto

tesoro/gruzzolo è da considerarsi quel ritrovamento a prescindere dal valore "materiale" (di almeno 2 monete o di 1 moneta e di un altro oggetto

( in quanto indica chiaramente la volontà di nascondere ) interrati da qualcuno intenzionalmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Follis Anonimo

Grazie a tutti per le risposte! Nei manuali ho sempre trovato la dicitura "tesoro" mentre leggendo alcune schede di catalogazione di ritrovamenti analoghi ho trovato "ripostigli monetali" indipendentemente dal loro valore. Da questo ho dedotto che fossere da intendere come sinonimi, anche se continuo a credere che qualche sfumatura di significato ci sia. Resta comunque il fatto che tutti e due siano il risultato di occultamenti voluti e non accidentali.

Grazie ancora a tutti per la disponibilità!

Ciao! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

denario69
Da questo ho dedotto che fossere da intendere come sinonimi, anche se continuo a credere che qualche sfumatura di significato ci sia.

Grazie ancora a tutti per la disponibilità!

Ciao!  :)

127204[/snapback]

Infatti E.A. Arslan, in un suo interessante saggio parla di ripostiglio e deposito intendendo con il primo l'insieme delle monete ritirate dalla circolazione, in tempi brevi, comunque selezionati e ben occultati; con il secondo un nucleo "la cui raccolta è avvenuta distribuita nel tempo", quindi con un inizio certo per poi proseguire con flussi incrementali di monete "più o meno sostenuti e regolari fino al momento dell'interruzione dell'accumolo e/o occultamento".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giano

per quanto ne so io non sono proprio la stessa cosa.

il ripostiglio comprende qualsiasi oggetto in metallo, come per quelli dell'età protostorica, asce fibule scarti ecc.

il tesoretto è un insieme di monete tesaurizzate in un qualsiasi contenitore per ogni evenienza, quelli ritrovati a Pompei vicino gli scheletri per intenderci o quelli sotterrati prima di qualche avvenimento importante come una guerra.

Quelli dei templi, per rispondere a giovenale, sono depositi votivi collocati nei Thesauroi, luoghi appositi per contenere le offerte dei fedeli alla divinità.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Riprendo questa vecchia discussione per riportarvi questa distinzione, scritta da N.Vismara , presente nelle note di un volume , appena ricevuto , dedicato alle monete del Museo Civico di Legnano.

Un ripostiglio ,quindi , deve indicare le caratteristiche tipo della circolazione monetaria nel momento e nella zona dove venne nascosto.Confrontando diversi ripostigli coevi e ritrovamenti isolati si puo' ricostruire , quindi, l' economia monetaria di una zona.

Bisogna pero' ricordare che un ripostiglio per essere tale non necessariamente e' costituito da monete umili ,solo perche' queste venivano usate nelle transizioni di tutti i giorni.

Puo' essere composto anche da monete in metallo prezioso , che rappresentano comunque la circolazione monetaria di quel periodo,relativamente alle transizioni piu' importanti o monopolio delle classi piu' abbienti.

Come sottolinea Tabaczynsky un nucleo di esemplari si definisce ripostiglio in base alla funzione che svolgeva nell' antichita' , vale a dire un accumulo momentaneo e del tutto casuale di monete o altri beni mobili , quali gioielli, e non per le sue componenti , che possono essere rappresentate da monete d' oro piuttosto che d' argento o di bronzo.

Un tesoretto rappresenta ,al contrario, una scelta nel circolante , che puo' essere cominciata molto tempo prima della perdita o dell' accumulo del nucleo : indica cosa veniva ritenuto bene di valore in un determinato periodo.

Riassumendo si puo' affermare che per ripostiglio si intende un taglio di circolante . composto da monete perse casualmente o nascoste per necessita'radunate dal proprietario senza pero' la possibilita' di discriminare e che,quindi, rispecchiano quanto circolava al momento.Simili nuclei di monete vengono anche definiti "gruzzoli".

Per tesoretto dobbiamo intendere invece degli esemplari scelti accuratamente prima del nascondimento, che privilegiano le monete in oro od argento.

Questa distinzione teorica prescinde dal metallo delle monete che compongono il ripostiglio ,siano d' oro, d' argento, di bronzo oppure miste, ma punta l' attenzione sul modo del nascondimento nella misura in cui esso e' riconoscibile.

Modificato da piergi00

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Il tesoretto rinvenuto che più mi affascina e mi incuriosisce è quello trovato nelle fondamenta del templio " Artemision" di Efeso dove nel 1904 venne trovato un vaso contenente oltre 90 globuli-monete in elettro risalenti al VII-VI secolo a.C. Si narra che oltre a questo gruzzolo altri pezzi furono sottratti dagli operai durante gli scavi

Tra queste la famosa moneta con la dicitura FAENOS EMI SEMA, pezzo unico conservato al British Museum ( per approfondimenti vedere i manuali "La nascita della moneta). Tale tesoretto conteneva vari tondelli globulari in elettro senza nessun segno impresso ed anche varie monete con sul dritto incise striature parallele o raffigurazioni di animali ( cervi, leoni, cinghiali ecc..) ed ancora, ancora oggi vi è incertezza sulla classificazione

Un ripostiglio molto suggestivo è quello conservato al Museo Bottacin di Padova e rinvenuto nella città durante gli scavi per la posa della nuova fognatura, oltre 500 denari repubblicane di varie famiglie con conservazione spettacolare

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×