Jump to content

Recommended Posts

  • 4 weeks later...
gallo83

da quel che leggo su un famoso catalogo queste monete assieme ai 5 centesimi circolarono fino ai primi anni di Regno di VEIII e furon ritirate dalla circolazione nei primi anni del 1900.

Link to post
Share on other sites

Dal 1861 a tutto il 1883, furono ritirati dalla circolazione e rifusi 13.089.903 pezzi, per dare luogo alla coniazione dei 5,2 e 1 centesimo. Con leggi del 1901 e 1905 si ritirarono dalla circolazione 20.000.000 di Lire in pezzi da 10 e 5 centesimi.

fonte famoso catalogo :)

Edited by maxxi
Link to post
Share on other sites

Dal 1861 a tutto il 1863, furono ritirati dalla circolazione e rifusi 13.089.903 pezzi, per dare luogo alla coniazione dei 5,2 e 1 centesimo. Con leggi del 1901 e 1905 si ritirarono dalla circolazione 20.000.000 di Lire in pezzi da 10 e 5 centesimi.

fonte famoso catalogo :)

Grazie per le risposte,

Io e un gruppo di amici siamo appassionati della grande guerra. Il prossimo anno è il centenario dall'inizio del conflitto, anche se l'Italia ne entrò ufficialmente nel 1915 restando neutrale il primo anno. Vorremmo allestire un piccolo museo dove una sezione sarà dedicata alle monete circolanti all'epoca. 10 centesimi erano la paga netta giornaliera del semplice fante e da più parti mi viene segnalato che il palancone era la moneta usata per questa funzione. Mi sembra strano che con Re VE III circolassero ancora monete di VEII, anche se le notevoli spese per la guerra collegate ad una penuria di materiali pregiati possono aver mantenuto in vita le vecchie monete. Non essendo esperto del settore gradirei il vostro parere a proposito e colgo l'occasione per salutarvi

Link to post
Share on other sites

Saturno

Grazie per le risposte,

Io e un gruppo di amici siamo appassionati della grande guerra. Il prossimo anno è il centenario dall'inizio del conflitto, anche se l'Italia ne entrò ufficialmente nel 1915 restando neutrale il primo anno. Vorremmo allestire un piccolo museo dove una sezione sarà dedicata alle monete circolanti all'epoca. 10 centesimi erano la paga netta giornaliera del semplice fante e da più parti mi viene segnalato che il palancone era la moneta usata per questa funzione. Mi sembra strano che con Re VE III circolassero ancora monete di VEII, anche se le notevoli spese per la guerra collegate ad una penuria di materiali pregiati possono aver mantenuto in vita le vecchie monete. Non essendo esperto del settore gradirei il vostro parere a proposito e colgo l'occasione per salutarvi

Buona serata,

quando cambiava il Re, non si demonetizzavano le monete del regnante precedente, ma continuavano a circolare insieme a quelle del nuovo Re. Nello specifico dei 10 centesimi di Vittorio Emanuele II, ciò è accaduto fino al termine della Grande Guerra, ossia fino al 1919, quando ci fu la coniazione del nuovo tipo di 10 centesimi "ape". Riguardo alle monete d'argento, rimasero circolanti fino al 1917, quando a causa della crisi economica dovuta alla guerra, furono ritirate dalla circolazione e rifuse per poi coniare le successive monete da 5 e 10 lire nel 1926.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.