Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Stefano.R

Subiaco - Giubileo anno 2000

Risposte migliori

Stefano.R

Buongiorno a tutti,

rimettendo in ordine i miei vecchi acquisti ho riesumato alcune medaglie recenti di cui non trovo traccia nel nostro catalogo.

Come devo fare per chiedere se è possibile l'inserimento?

Quella sotto riportata è la prima,

grazie a tutti !!

Dom Mauro Meacci - Abate ordinario di Subiaco

Giubileo anno 2000

diametro 44mm

peso 31,4gr

metallo bianco (?)

post-23849-0-05942400-1392548529_thumb.j

Modificato da Stefano.R

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stefano.R

Copio dal sito dei Monaci Benedettini di Subiaco:

"Quando San Benedetto giunse a Subiaco la popolazione era già cristiana; la chiesa parrocchiale era probabilmente dedicata a San Lorenzo e il parroco si chiamava Fiorenzo. La vita monastica vi era conosciuta. San Gregorio Magno ricorda il monastero non lontano da Subiaco, i cui monaci invitarono San Benedetto come loro superiore, e quello vicinissimo allo Speco, governato da Adeodato. Forse il giovane ne aveva sentito parlare; comunque, salendo il Talèo, sulla riva destra dell'Aniene, s'imbatté nel monaco Romano, che gli indicò un'orrida grotta situata nella zona sottostante al suo monastero.

Nello Speco San Benedetto restò tre anni, ignoto a tutti, eccetto a Dio e a Romano. Questi, dall'orlo della roccia, calava al giovane eremita, mediante una lunga corda, quel che poteva sottrarre al suo alimento. Non mancò la tentazione, tanto che, per sfuggirla, Benedetto si gettò nudo in un selvaggio groviglio di spine e ortiche. Dopo tre anni la sua solitudine cominciò a diradarsi. Ricevette in un giorno di Pasqua la visita del sacerdote Fiorenzo, miracolosamente avvertito della vicinanza del giovane; poi fu scoperto da alcuni pastori, che egli ammaestrò, riunendoli in un anfratto del monte Taleo: ma i monaci, forse gelosi, tentarono di avvelenarlo, ed egli preferì tornare alla sua grotta.

Il suo nome era, ormai, ben conosciuto e numerosi discepoli giungevano a lui da ogni parte, tanto che nella zona costituì dodici monasteri, composti ciascuno di dodici monaci oltre il superiore ed egli andò a stabilirsi in un fabbricato della villa imperiale, che era ancora in buone condizioni. Questo primo monastero si chiamò San Clemente.

Qui San Benedetto dimorò oltre un ventennio e pian piano perfezionò quel tipo di vita monastica, che ci viene presentato nella sua Regola, la cui prima redazione risale agli anni di permanenza nel cenobio sublacense. L'alta valle dell'Aniene, già chiamata Valle Neroniana, si meritò il nome di "Valle Santa".

L'invidia astiosa e priva di scrupoli di Fiorenzo lo obbligò ad emigrare. Stabiliti per ciascun monastero superiori indipendenti, nel 529, con pochi discepoli si diresse alla volta di Cassino, dove visse diciotto anni circa: lavorò per la conversione delle popolazioni circonvicine ancora pagane; costruì in cima al monte quel cenobio che doveva rimanere celebre nei secoli e scrisse la redazione definitiva della sua Regola. Morì il 21 marzo, probabilmente nel 547."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×