Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
joker67

sesterzio di nerone

Risposte migliori

joker67

Scusate.....

secondo voi, alle condizioni come si trova questo sesterzio del peso di circa 26 grammi.....ci vale 300 Euro??

Mi piacerebbe tanto acquistarlo....ma non sono esperto in quotazioni..

Mi aiutate?

post-37850-0-11554400-1392903194_thumb.j

post-37850-0-12706900-1392903205_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Sembra questo:

http://www.wildwinds.com/coins/ric/nero/RIC_0265.jpg

Nero, AE sestertius, (21.77g) Lugdunum Mint, NERO CLAVD CAE SAR
AVG GER P M TR P IMP P P Laureate head left.
PACE P R TERRA MARIQ PARTA IANVM CLVSIT View of one front
of the temple of Janus, with latticed window to left and garland
hung across closed double doors to right, S C at sides. RIC 265; cf Sear 1959; BMC 160; WCN 153
.

Quanto alla conferma, all'autenticità e al valore, attendiamo i più esperti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

La moneta e' bella , la patina originale , e' ben centrata , un bel peso per un sesterzio di Nerone , direi complessivamente un bel BB , inoltre i sesterzi di Nerone sono sempre rari e molto ricercati , la cifra e' adeguata , per me li vale tutti . La moneta probabilmente si e' conservata in terreno ricco di minerali ferrosi per cui ha assunto questa patina quasi rossiccia forse un po' fastidiosa , ma originale , la comprerei , se potessi :sorry:

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

E' impressione mia o le lettere al diritto non seguono una direzione continua, tendono ad accentrarsi all'altezza di Caesar per poi ritornare verso il bordo? Inoltre le lettere S ed A di Caesar sono unite quasi da un cordolo, altre sembrano ribattute in particolare GGERM, anche il tempio di Giano al rovescio non è ben definito.

Non sono un esperto di falsi, però è una moneta da studiare con attenzione primo dell'acquisto

Modificato da eliodoro
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

E' impressione mia o le lettere al diritto non seguono una direzione continua, tendono ad accentrarsi all'altezza di Caesar per poi ritornare verso il bordo? Inoltre le lettere S ed A di Casar sono unite quasi da un cordolo, altre sembrano ribattute in particolare GGERM, anche il tempio di Giano al rovescio non è ben definito.

Non sono un esperto di falsi, però è una moneta da studiare con attenzione primo dell'acquisto

Non ho osato dirlo. Tu sei più coraggioso di me, io mi sono limitato a un richiamo sull'autenticità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Non ho osato dirlo. Tu sei più coraggioso di me, io mi sono limitato a un richiamo sull'autenticità

Ciao Paolo, ho dato una mia opinione che ben può essere smentita.

Io non lo comprerei.

L'autentico dovrebbe essere questo

660062.jpg

Modificato da eliodoro
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Scusate.....

secondo voi, alle condizioni come si trova questo sesterzio del peso di circa 26 grammi.....ci vale 300 Euro??

Mi piacerebbe tanto acquistarlo....ma non sono esperto in quotazioni..

Mi aiutate?

più o meno li vale...magari se riesci a farti fare un po' di sconto è meglio, perché non è facilmente alienabile, in quelle condizioni, se poi ne trovi uno migliore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Ciao Paolo, ho dato una mia opinione che ben può essere smentita.

Io non lo comprerei.

L'autentico dovrebbe essere questo

660062.jpg

pensa che a me da più da pensare questo che quello per cui è stata avviata la discussione...

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

pensa che a me da più da pensare questo che quello per cui è stata avviata la discussione...

Ciao @@numizmo,

mi chiarisci i dubbi che ho avuto? da che cosa possono dipendere le problematiche che mi avrebbero ingannato?

Ti ringrazio in anticipo dei chiarimenti, in quanto le opinioni di utenti esperti come Te le ritengo molto importanti ai fini delle mie conoscenze.

Saluti Eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PLOTINA

anche secondo me il sesterzio e' buono...ed il prezzo non e' eccessivo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Ciao @@numizmo,

mi chiarisci i dubbi che ho avuto? da che cosa possono dipendere le problematiche che mi avrebbero ingannato?

Ti ringrazio in anticipo dei chiarimenti, in quanto le opinioni di utenti esperti come Te le ritengo molto importanti ai fini delle mie conoscenze.

Saluti Eliodoro

La foto è piccola ma quello che si vede della legenda e della forma delle lettere non è quanto mi aspetterei da una moneta così fresca...diciamo che se è buona, pare pesantemente rimaneggiata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

La foto è piccola ma quello che si vede della legenda e della forma delle lettere non è quanto mi aspetterei da una moneta così fresca...diciamo che se è buona, pare pesantemente rimaneggiata

Tecnicamente, come si spiega quel cordolo che unisce la S alla A di Caesar?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Tecnicamente, come si spiega quel cordolo che unisce la S alla A di Caesar?

una rottura in un conio usurato?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

una rottura in un conio usurato?

La mia scarsa conoscenza mi avrebbe portato ad ipotizzarlo come traccia di fusione.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

Caro @jocker67

da quello che ho visto dalla foto ed ingrandendolo sul mio schermo ritengo che il pezzo sia autentico, sia stato acidato pesantemente ( probabilmente con acido cloridrico) per pulirlo da spesse incrostazioni, questo spiega il colore arancio generalizzato ( non di origine ferroso che dà colorazioni brune e nerastre a macchie) ed anche i verdini chiari e pulvurolenti che si intravedono nei fondi dei buchi della corrosione. Il prezzo mi sembra congruo e, come dice Numizmo, se lo paghi qualcosa meno è meglio ( un po' lapalissiano ma ... è così)

@@eliodoro Le ribattiture delle lettere che vedi e la variabilità delle lettere ( inclinazioni, spessore etc.) direi che sono piuttosto un indizio di autenticità dell'impronta del conio, come anche quell'unione che vedi tra le due lettere penso che sia una rottura locale del conio (niente che una buona fusione non possa riprodurre, ma in questo caso mi sentirei di scartarlo).

Quanto al secondo sesterzio di Nerone anche io ho avuto le stesse perplessità di @@numizmo : spiacevole e come minimo completamente lisciato sui fondi e sui rilievi, inoltre ripatinato. A questo punto, in foto, non si sa più cosa c'è realmente di vero...

Cordialmente,

Enrico

Modificato da vitellio
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

corzanopietro

Ciao Paolo, ho dato una mia opinione che ben può essere smentita.

Io non lo comprerei.

L'autentico dovrebbe essere questo

660062.jpg

personalmente non lo compererei per il prezzo; con 300 € penso di poter avere una conservazione migliore.

Pietro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Caro @jocker67

da quello che ho visto dalla foto ed ingrandendolo sul mio schermo ritengo che il pezzo sia autentico, sia stato acidato pesantemente ( probabilmente con acido cloridrico) per pulirlo da spesse incrostazioni, questo spiega il colore arancio generalizzato ( non di origine ferroso che dà colorazioni brune e nerastre a macchie) ed anche i verdini chiari e pulvurolenti che si intravedono nei fondi dei buchi della corrosione. Il prezzo mi sembra congruo e, come dice Numizmo, se lo paghi qualcosa meno è meglio ( un po' lapalissiano ma ... è così)

@@eliodoro Le ribattiture delle lettere che vedi e la variabilità delle lettere ( inclinazioni, spessore etc.) direi che sono piuttosto un indizio di autenticità dell'impronta del conio, come anche quell'unione che vedi tra le due lettere penso che sia una rottura locale del conio (niente che una buona fusione non possa riprodurre, ma in questo caso mi sentirei di scartarlo).

Quanto al secondo sesterzio di Nerone anche io ho avuto le stesse perplessità di @@numizmo : spiacevole e come minimo completamente lisciato sui fondi e sui rilievi, inoltre ripatinato. A questo punto, in foto, non si sa più cosa c'è realmente di vero...

Cordialmente,

Enrico

Grazie Enrico,

penso che la foto l'ho presa da acsearch

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

altegiovanni

Il dr del secondo sesterzio e tutto da studiare! Sul primo concordo con quanto detto da chi mi ha preceduto 300 euro e un po giusto come prezzo. La moneta non presenta ombre almeno dalle foto. A 250 si può fare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Afranio_Burro

da totale inesperto di sesterzi vorrei porre una domanda: quelle macchie verdi presenti soprattutto al /R possono far pensare a fenomeni corrosivi tipo cancro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao Vitellio , non credo che sia stato usato acido cloridrico , questo acido che va usato diluito al 10% , serve soltanto per eliminare i residui di calcare sciogliendolo , ma sulle incrostazioni dovute a sali minerali diversi dal calcio non serve assolutamente a nulla , tant'e' che piccole macchie di verde rame sono ancora visibili sulla moneta , la moneta per me non e' stata pulita e' originale in tutto cosi' com'e' , poi se qualche inesperto di prodotti l' ha immersa in acido cloridrico , questo non posso prevederlo.

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

joker67

Comunque il Sesterzio della mia domanda proviene da un importante asta numismatica. Il costo da me descritto cioè 300 € è ciò che chiedono come base di partenza (inclusi i costi di eventuale vincita asta)....per cui ritengo che sia stato visionato da esperti, prima di essere messo in vendita come sesterzio autentico, altrimenti avrebbero aggiunto nella descrizione del lotto che vi era la possibilità di un falso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Comunque il Sesterzio della mia domanda proviene da un importante asta numismatica. Il costo da me descritto cioè 300 € è ciò che chiedono come base di partenza (inclusi i costi di eventuale vincita asta)....per cui ritengo che sia stato visionato da esperti, prima di essere messo in vendita come sesterzio autentico, altrimenti avrebbero aggiunto nella descrizione del lotto che vi era la possibilità di un falso...

magari...!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Ciao Vitellio , non credo che sia stato usato acido cloridrico , questo acido che va usato diluito al 10% , serve soltanto per eliminare i residui di calcare sciogliendolo , ma sulle incrostazioni dovute a sali minerali diversi dal calcio non serve assolutamente a nulla , tant'e' che piccole macchie di verde rame sono ancora visibili sulla moneta , la moneta per me non e' stata pulita e' originale in tutto cosi' com'e' , poi se qualche inesperto di prodotti l' ha immersa in acido cloridrico , questo non posso prevederlo.

se aggiungiamo acido cloridrico al carbonato di rame , che è una delle componenti della patina verde,e al solfato di rame, cosa succede?...
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Afranio_Burro

Comunque il Sesterzio della mia domanda proviene da un importante asta numismatica. Il costo da me descritto cioè 300 è ciò che chiedono come base di partenza (inclusi i costi di eventuale vincita asta)....per cui ritengo che sia stato visionato da esperti, prima di essere messo in vendita come sesterzio autentico, altrimenti avrebbero aggiunto nella descrizione del lotto che vi era la possibilità di un falso...

In una recente asta, segnalata anche qui sul forum, una moneta chiaramente falsa veniva proposta con un prezzo di partenza di 3000 euro... Asta non vuol dire garanzia..

Modificato da Afranio_Burro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

altegiovanni

Purtroppo sulle aste ne abbiamo viste un po di tutti i colori. Aggiungo che l acido cloridrico e molto pericoloso sulle colorazioni delle patine.

Modificato da altegiovanni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×