Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
UmbertoI

8 Tornesi 1816 Regno Di Napoli Ferdinando IV

Recommended Posts

UmbertoI
Salve a tutti, pubblico oggi la nostra prima moneta in Rame del regno di Napoli:

Rif: C.19 Pannuti-Ricci

Gigante 541 (OTTO TORNESI 2° tipo)

La moneta appartiene al 3° periodo 1815-1816, Il periodo del nuovo insediamento a Napoli dopo l'esilio Palermitano del re Ferdinando, egli viene comunque accolto con favore dal popolo e con sincero amore dopo la parentesi del decennio francese. Al D\ abbiamo, effigie del Re coronata rivolta a Sx come di consueto nei nominali in rame, nel giro "FERDINANDUS IV. D. G. SICIL. REX. "Al R\ al centro del tondello il valore in lettere su due file " OTTO TORNESI." e in basso su una terza fila il millesimo "1816.". Il Taglio è liscio non lavorato il Bordo rilevato ma semplice senza lavorazioni o perlinature. Il fatto che manchino le iniziali dell'incisore su questo e altri tondelli della monetazione è per quanto mi è parso di leggere dovuto alla non attribuibilità del tondello in toto ad una sola persona, ma anzi essa sia frutto di diverse "mani" ,dal più tenuto in considerazione Incisore del Ritto agli incisori dei rovesci. La moneta è classificata come R. presenta una mancanza in corrispondenza della S di Ferdinandus e un colpo? a ore 7 del R/ un tentativo maldestro di pulitura del Rovescio che dal vivo non è così pregiudicante come in foto, nessun altro difetto notabile non attribuibile alla normale circolazione della moneta. Ci sono diverse "varianti" riguardanti la posizione dell'effigie o della lunghezza della legenda nel giro come segnalato nel Gigante, nulla di straordinario, anzi totalmente nell'ordinario date le diverse persone che si avvicendavano al lavoro che per inattenzione in alcuni casi per premeditazione in altri, creavano piccole difformità che fungevano anche come firma stessa sul tondello.

Esiste una variante con bordo rigato, classificata R4, nel nostro esemplare si evidenziano linee verticali dovute al taglio del tondello e non a una vera e propria rigatura.

La storia recente della moneta è una chicca in più, è stata gentilmente "donata" da una bravissima persona con cui speriamo di avere nuovamente notizie.

Vorrei sapere se qualcuno di voi conosce chi sono è l'incisore dell'effigie.. io ci provo...l'Arnaud? perchè per i tagli in argento del medesimo periodo mi par di ricordare sia lui, mentre nomi famosi per i rovesci dato che ci sono solo scritte non so se fosse affidato sempre a maestri incisori o semplicemente a apprendisti.

Riferimenti Bibliografici

Pannuti-Ricci

Studi di Francesco di Rauso

La moneta per noi ha un importanza molto molto marcata, ci teniamo molto.


25k0kuu.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

gallo83

Ciao,

la moneta ha dei rilievi ottimi per la tipologia,per me attorno al bb/spl complessivamente...al rovescio ci son 2 colpetti al bordo?direi di si a ore 8/9.

la pulizia è stata notevole,spero per te che si ripatini bene in modo da acquisire un appeal migliore ma in ogni caso è un'ottima new entry ;)

marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

Ciao,

la moneta ha dei rilievi ottimi per la tipologia,per me attorno al bb/spl complessivamente...al rovescio ci son 2 colpetti al bordo?direi di si a ore 8/9.

la pulizia è stata notevole,spero per te che si ripatini bene in modo da acquisire un appeal migliore ma in ogni caso è un'ottima new entry ;)

marco

Grazie Marco sono daccordo con te in tutto e per tutto ;D sulla conservazione non mi esprimo...ma dovessi buttarmi le darei un BB+ per i colpi e la pulitura ;D grazie d'aver commentato...;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

francesco77

Forse lincisore potrebbe essere Filippo Rega.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rex Neap

Forse lincisore potrebbe essere Filippo Rega.

Sarebbe da fare un discorso molto ma moltoooo più "Ampio" sulla richiesta fatta da Umberto, egli ha bussato ad una porta che andrebbe aperta piano piano.

Comunque, considerato che del Catenacci (Vincenzo) si hanno alcune notizie certe a partire dalla monetazione di Francesco I credo che in questo caso come ha riferito @@francesco77 non ci siano dubbi sulla continuità del Rega (dritti) dopo l'uscita dal decennio francese, anche in questo periodo.

In quel periodo incontrastato (per i rovesci) fu Michele Arnaud, ma devo pure dire che egli si occupava più del conio degli stemmi, in questo caso il compito, meno gravoso e difficoltoso poteva benissimo essere delagato a qualche suo assistente.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

12tari

Peccato la pulizzia, specie al rovescio a combinato parecchio danno, come già ha detto l'amico Gallo83, speriamo che si ripatini. per il resto niente male, Specie per il ritratto del re.

Bel pezzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

@@Rex Neap grazie per l'esaustività, esiste un testo su cui studiare?....o i documenti sono sparsi...? disturba un po doversi cercare le info spezzate e sparse...quale sarebbe un testo di riferimento per la monetazione che va da Ferd IV a Francesco II o anche più ampio ..?

grazie anche a @@12tariì @@francesco77 pareri preziosi e graditi ;D

Edited by UmbertoI
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rex Neap

@@UmbertoI....allo stato attuale sono tutte notizie che trovi sparse nei vari lavori/bollettini e nei vari documenti del periodo Borbonico......è un intreccio di personaggi che toccano sia le monete che le medaglie.......

Il Gigante ne notizia qualcuno, ma si ferma all'apposizione delle sigle sulle monete e cioè al Diodati e quindi al 1805 ma come ben sai gli incisori a Napoli hanno continuato a coniare fino al 1860 e OLTRE

A breve (e quindi avrai notizie) uscirà un volume al quale stiamo lavorando io e @@francesco77 che cronologicamente raccoglie tutti questi personaggi che hanno lavorato i coni a Napoli compreso i Direttori Generali e i Direttori del Gabinetto d'Incisione.

Un saluto Pietro.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

@@Rex Neap attendo allora la premiere e la presentazione, se il costo non sarà proibitivo si rinuncerà ad una monetina e si prenderà un bel libro ;) grazie dell'info.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rex Neap

@@UmbertoI .... scusami ma avevo dimenticato di dirti che credo anche sul Gigante del 2015 ci saranno notevoli aggiornamenti riguardo agli incisori con l'aggiunta (di nuovi nominativi) di sigle e magari anche delle date in cui essi hanno operato.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

demonetis
Supporter

@@UmbertoI....allo stato attuale sono tutte notizie che trovi sparse nei vari lavori/bollettini e nei vari documenti del periodo Borbonico......è un intreccio di personaggi che toccano sia le monete che le medaglie.......

Il Gigante ne notizia qualcuno, ma si ferma all'apposizione delle sigle sulle monete e cioè al Diodati e quindi al 1805 ma come ben sai gli incisori a Napoli hanno continuato a coniare fino al 1860 e OLTRE

A breve (e quindi avrai notizie) uscirà un volume al quale stiamo lavorando io e @@francesco77 che cronologicamente raccoglie tutti questi personaggi che hanno lavorato i coni a Napoli compreso i Direttori Generali e i Direttori del Gabinetto d'Incisione.

Un saluto Pietro.

Ma che lieta novella! Da quanto anticipi sembrerebbe la continuazione dell'ultimo volume che hai pubblicato sugli zecchieri di Napoli. Mi raccomando, tienici aggiornati appena l'opera sarà pubblicata! Grazie.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

@ grazie mille d'essere intervenuto ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rex Neap

Ma che lieta novella! Da quanto anticipi sembrerebbe la continuazione dell'ultimo volume che hai pubblicato sugli zecchieri di Napoli. Mi raccomando, tienici aggiornati appena l'opera sarà pubblicata! Grazie.

@ si...si certo che è la continuazione, il periodo trattato parte dal 1734 e arriva al 1860 .... in questo ci ha messo le mani anche Francesco, quindi il volume sarà a doppia firma.

E' quasi pronto, siamo ai ritocchi finali, se non sopraggiungono altre novità da inserire, in questo periodo siamo sempre in fase di aggiornamento, pensa che Francesco mi stà facendo "ammattire" :rofl:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

@@eracle62 tu cosa ne pensi?...questa affianca il carlino 1818 che mi commentasti qualche mese fa...;D

Share this post


Link to post
Share on other sites

eracle62

@@eracle62 tu cosa ne pensi?...questa affianca il carlino 1818 che mi commentasti qualche mese fa...;D

Penso che è un tondello di tutto rispetto, e a parte la sciagurata idea di renderla più piacevole ( ovviamente riferito all'artefice), il suo dritto è veramente ineteressante per i rilievi che ha mantenuto.

Complimenti.

P.S. Mi piace il tuo entusiasmo...

Eros

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

Penso che è un tondello di tutto rispetto, e a parte la sciagurata idea di renderla più piacevole ( ovviamente riferito all'artefice), il suo dritto è veramente ineteressante per i rilievi che ha mantenuto.

Complimenti.

P.S. Mi piace il tuo entusiasmo...

Eros

Grazie mille, la cosa più bella è vedere che bene o male l'idea che ci eravamo fatti è stata largamente condivisa da molti di voi, quindi non siamo totalmente allo sbando, ne siam felici ..speriamo di postare presto altre monete gradevoli in questa sezione ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

eracle62

Dimenticavo Col tempo e con la poaglia si maturano le nespole...

Il tempo ridarrà dignità al tuo esemplare, attraverso una magica pennellata di colore, ovviamente di scuola Napoletana.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

Scusate se riesumo...riguardavo questa monetina in mano or ora, e mi piace sempre di più...sarà perchè ho poche monete..sarà perchè l'effigie è mozza fiato pur essendo quello che è...ma mi piace da matti...qualcuno ha qualche altro 8 tornesi come questo?...mi piacerebbe molto vederne altri..in rete non si trova tantissimo =(

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

haaa queste due le conoscevo =D ...per la seconda peraltro giudico la richiesta troppo esagerata...o quella senza puntino è molto rara?....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rex Neap

@@UmbertoI il punto non fa la differenza....ma il taglio sì.....la prima che ti ho postato ha il taglio "rigato"

Share this post


Link to post
Share on other sites

UmbertoI

@@Rex Neap sisi sul taglio lo sapevo...comunque ho confuso..c è un 8 tornesi 1816 attualmente in vendita presso..un famoso..ad un prezzo da capogiro...a mio avviso..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.