Jump to content
IGNORED

La pastiera napoletana


odjob

Recommended Posts

odjob

La storia della pastiera napoletana:

A Napule regnava Ferdinando
ca passava e' jurnate zompettiando;
mentr' invece a' mugliera, 'Onna Teresa,
steva sempe arraggiata c’ ‘a faccia appesa
o' musso luongo, nun redeva maje,
comm'avesse passate tanta guaje.

Nù bellu juorno Amelia, a' cammeriera
le dicette: "Maestà, chest'è ‘a Pastiera.

Piace ‘e ffemmene, all'uommene e ‘e ccriature:
uova, ricotta, grano, e acqua de’ sciure,
'mpastata insieme ‘o zucchero e ‘a farina
‘a può purtà nnanz o'Rre: e pur' a Rigina".

Maria Teresa facett a' faccia brutta:
mastecanno, diceva: "E ‘oParaviso!"
e le scappava pure o' pizz'a riso.

Allora o' Rre dicette: "E che marina!
Pe fa ridere a te, ce vò a Pastiera?
Moglie mia, viena ccà, damme n'abbraccio!
Chistu dolce te piace eh? E mò c' ‘o saccio
ordino al cuoco che a partir d'adesso,
stà pastiera la faccia un pò più spesso.

Nun solo a Pasca, che altrimenti è un danno;
pe te fà ridere ha dda passà n'at' anno!"

Link to post
Share on other sites

Ora manca solo la ricetta di questo splendido dolce.....slurp slurp

uova, ricotta, grano, e acqua de’ sciure,

'mpastata insieme ‘o zucchero e ‘a farina

aggiu truvate pure chista:

“Currite, giuvinò! Ce stà ‘a pastiera!”

E’ nu sciore ca sboccia a primmavera,

e con inimitabile fragranza

soddisfa primm ‘o naso,e dopp’a panza.

Pasqua senza pastiera niente vale:

è ‘a Vigilia senz’albero ‘e Natale,

è comm ‘o Ferragosto senza sole.

Guagliò,chest’è ‘a pastiera.Chi ne vuole?

Ll’ ingrediente so’ buone e genuine:

ova,ricotta,zucchero e farina

(e’ o gggrano ca mmiscato all’acqua e’ fiori

arricchisce e moltiplica i sapori).

‘E ttruove facilmente a tutte parte:

ma quanno i’ à fà l’imposto,ce vò ll’arte!

A Napule Partenope ’a sirena,

c’a pastiera faceva pranzo e cena.

Il suo grande segreto ‘o ssai qual’è?

Stu dolce pò ghì pure annanz’ o Rre.

E difatti ce jette. Alludo a quando

il grande Re Borbone Ferdinando

fece nu’ monumento alla pastiera,

perchè facette ridere ‘a mugliera.

Mò tiene voglia e ne pruvà na’ fetta?

Fattèlla: ccà ce stà pur’ a ricetta .

A può truvà muovendo un solo dito:

te serve pe cliccà ncopp ‘ a stu sito.

Màngiat sta pastiera,e ncopp’ a posta

dimme cumm’era: aspetto na’ risposta.

Che sarà certamente”Oj mamma mia!

Chest nunn’è nu dolce: è na’ poesia!”

http://www.leitv.it/i-dolcetti-di-paola/ricette/pastiera-napoletana-ricetta-tradizionale/

Edited by Guest
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.