Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
dupondio

Monete con raffigurazioni di lotta

33 risposte in questa discussione

Ciao a tutti,vi faccio una domanda,mi sapete dire se esiste qualche moneta romana repubblicana o imperiale con sul R. raffigurazioni di lotta o pancrazio.Grazie a tutti per l'attenzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PERSONALMENTE NON NE HO MAI VISTE...MA NON LO ESCLUDEREI...

CIAO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sul retro dei denari repubblicani della fam. Minvcia è rappresentato un milite romano che combatte con un guerriero barbaro con ai piedi un soldato ferito.

Appena posso allego foto.

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ecco la foto.

Minvcia

magistrato Qvintvs minvcivs Thermvs marci Filivs

Coniata a Roma nel 90 a.C.

D: testa di marte a sin

R soldato romano combatte con guerriero barbaro, ai piedi di ferito

all'esergo Q. THERM.MF.

peso 3,9 gr

lele

post-618-1152542826_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto bella la scena ritratta sui denari repubblicani della fam. Servilla , Roma 123 a.C. peso 3,9 gr

D: testa laureata di Apollo

R: due cavalieri in combattimento uno con lancia e scudo l'altro con spada

lele

post-618-1152543153_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Condivido quanto detto da Giano

anche se mi pare abbastanza improbabile che i Romani, a differenza dei Greci,

giudicassero le prove atletiche tanto importanti da doverle immortalare

sulle monete

ben diverso era il loro giudizio nei confronti della guerra e

del combattimento, come chiaramente mostrano le monete

repubblicane postate

ciao - P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse ho confuso io, ho inteso lotta come combattimento in guerra.

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se non ricordo male il pancrativm era una specie di pugilato versione "full contact" del tempo dei Romani, combattuto con la sola protezione di strisce di cuoio avvolte intorno ai pugni :o

Ciao, P. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra di non averle mai viste neanche a me.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Grazie daniele gentilissimo come sempre,ma io intendevo lotta a mani nude,infatti i greci come i romani combattevano con la tecnica del pancrazio,che era una sorta di valetudo,dove valevano tutti i colpi di pugno, gomito, testa, ginocchio, calci,comprese tecniche di lotta.

"Il pancrazio (da kratos) significa "intera forza del corpo". Esso era un'unione della lotta e del pugilato; poichè i combattenti adoperavano tutti i mezzi della forza per superarsi, stringer la gola, far sgambetto e simili praticati dall'uno, e usati dall'altro. Avevano persino libertà di percuotere con i piedi e fare uso delle unghie e dei denti. Il Pancrazio è una delle più micidiali e complete discipline da combattimento, essa comprende tecniche di varia natura: la lotta in piedi, a terra, pugilato, calci, morsi ed acrocorismo (torsione e rottura delle dita delle mani). In genere si approdava al Pancrazio dopo una certa "militanza" nella Pale. Si tratta di una disciplina che si sviluppa in un periodo di decadenza politico/sociale nell' antica Grecia, nel periodo della 33esima Olimpiade. Pancrazio vuol dire combattimento totale ed è la più vicina al concetto di combattimento per la sopravvivenza. La posta in gioco, infatti, tra i contendenti era la propria vita. La leggenda vuole che Arricchione, famoso pancratiasta, nel suo ultimo combattimento, fu bloccato al collo con le gambe dall' avversario (forbici), Arricchione gli rispose troncandogli il dito del piede con un morso ma morì soffocato lui stesso mentre l' altro si arrendeva. Le leggende sul Pancrazio non mancano di certo...Una verità, però è quella del famoso Milone che dopo aver combattuto con soldati armati di tutto punto, sfidò un toro, uccidendolo, quindi se lo caricò sulle spalle e fece un giro di corsa dello stadio osannato da tutti; fin qui la verità...La leggenda comunque vuole che dopo aver fatto tutto ciò, Milone stesso si mangiò tutto il toro (basti questo aneddoto a dimostrare l' efferatezza e gli intenti del Pancrazio). Il corpo di un pancratiasta era riconoscibilissimo ed era come una carta d' identità: orecchie lacerate dai colpi, naso deforme e cicatrici su tutto il corpo. Più avanti questa disciplina rude divenne una dimostrazione sportiva di tutto rispetto, in quanto si ricercava la "bella vittoria" senza far molto male all'avversario. Il periodo di massimo sviluppo del Pancrazio fu l'era di Alessandro Magno, profondo appassionato di questo sport che lo fece conoscere sulle rive del Gange, quindi arrivò a Roma."

Modificato da dupondio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Grazie a tutti per l'attenzione,penso anch'io Verus che come dici tu,è piu'provabile trovare questa raffigurazione sulle monete greche

Modificato da dupondio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusa dupondio, avevo proprio capito male. nelle greche non me ne ricordo, però controllo.

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Probabilmente già il caricarsi un Toro sulle spalle e portarselo di corsa intorno all' arena fà parte della leggenda a meno che non si trattasse di un Vitellino da latte ( non sò se avete mai visto un Toro :( ).

In ogni caso Grazie per la bellissima "Esposizione" Dupondio , mi hai fatto sognare .... quasi come gli Azzurri ...Evviva la Storia , Evviva i Racconti !! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A proposito di tori o meglio vitelli portati sulle spalle

posto la foto della splendida statua del

Moschophoros, dedicata ad Atene nel secondo quarto del VI secolo a.C.

Il vitello era probabilmente il premio per una gara vinta (probabilmente

alle Panatenee)

ciao a tutti - P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la bella foto ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ne ho vista una su un catalogo di greche, cerco e posto.

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:o :o :o grazie mille Lele :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Eccomi:

Pamphilia- Aspendos,370-330 a.C. Statere gr 10,4

D: duel lottatori si affrontano

R: Fromboliere a Ds

lele

post-618-1152852108_thumb.jpg

Modificato da danielealberti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie DUPONDIO per il racconto, è stato molto divertente ed istruttivo leggerlo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi:

Pamphilia- Aspendos,370-330 a.C. Statere gr 10,4

D: duel lottatori si affrontano

R: Fromboliere a Ds

lele

137749[/snapback]

Siiiiiiiiiiiiii,bellissima.sara' mia!!!Da oggi inizio a cercarla grazie Lele sei un mito! ;) ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa moneta che mi hai postato,è interessantissima,in quanto non solo ci sono due lottatori di Pancrazio,ma anche per il Fromboliere che c'è sul rovescio,sicuramente è molto rara. Per chi non lo sapesse i Frombolieri erano specializzati nell'uso del frombolo , una specie di fionda che lanciava proiettili che, a 50 metri di distanza erano letali.

I proiettili usati dai Frombolieri erano di piombo,ma anche sassi raccolti sul campo potevano e venivano lanciati.Si dice che a distanze ravvicinate i Frombolieri erano capaci di fracassare un cranio anche protetto dall’elmetto,per questo quando ci si doveva proteggere dai frombolieri si facevano vere e proprie barriere con gli scudi.Insieme agli arcieri i frombolieri erano i piu temuti,ed erano di fondamentale importanza tattica per proteggere le roccaforti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dupo per te ;)

>>>> asta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie fra ;) ;) ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se a qualcuno potesse interessare, al Museo Nazionale Romano c'è una statua in bronzo, di grosse dimensioni, che raffigura un lottatore di pancrazio. E' uno dei (tanti) pezzi forti del museo. Consiglio vivamente di andarci a fare un giro, perchè, tra l'altro, conserva una stupenda raccolta di monete (tra cui anche la raccolta Gnecchi)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?