Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Legio II Italica

Riflessioni sulle Mura Aureliane

Inviato (modificato)

Dobbiamo sicuramente essere grati ad Aureliano per avere costruito nel corso del suo impero la cinta di Mura che avvolse Roma e che da lui prese il nome nella posterita' , anche se per motivi non certo estetici o di magnificenza . Questa grande e meravigliosa opera muraria era in origine lunga ben 19 Km. oggi un po' meno per alcuni tratti caduti per il tempo trascorso e per l' incuria degli uomini , ma comunque il tracciato nei punti crollati e' ben noto , mentre altri tratti furono volutamente abbattuti per motivi di viabilita' antica e moderna ; Roma rimane l'unica citta' al mondo ad avere una cinta muraria antica di epoca romana cosi' lunga e dopo tutto ottimamente conservata anche grazie ai continui restauri che nel corso dei secoli furono necessari eseguire . Le mura tutte merlate erano intervallate lungo la loro estensione da ben 381 torri e da 14 grandi porte a pianta quadrata o rotonda ad un fornice o due a secondo dell' importanza delle porte di accesso alla citta' , oltre ad altre porte secondarie e passaggi piu' piccoli , inoltre a distanze opportune vi erano 116 punti di ritrovo per i servizi igienici dei difensori .

Di proposito non credo necessario dilungarmi oltre sugli aspetti tecnici delle Mura in quanto facilmente accessibili sui tanti libri di argomento o in Internet , per chi volesse approfondire questo argomento ; vorrei invece soffermarmi sul perché furono costruite le Mura e sull' aspetto psicologico che inevitabilmente dovettero avere sulla popolazione residente a Roma ed anche nel resto dell' Impero , abituata ormai da secoli alla pace interna , almeno relativa a quella riguardante i barbari , certi della sicurezza e forza delle legioni .

Sotto l' impero di Gallieno , gli Alemanni penetrati in Italia attraverso la valle dell' Adige , tentarono il passaggio degli Appennini ma furono respinti , questa invasione barbarica rese pero' necessario approntare delle difese all' interno dell' Italia , per questo motivo Gallieno creo' un sistema fortificato lungo la direttrice Milano Verona Aquileia , ponendo la base operativa imperiale a Milano che fu sede imperiale e sede della cavalleria corazzata da lui creata o perfezionata . Quando Aureliano divenne imperatore la situazione ai confini peggioro' e la minaccia di una nuova invasione italica , incombente , in quanto i confini nord orientali dell' impero erano ormai molto instabili e compromessi ; in seguito ad una nuova invasione dell' Italia , Aureliano subi' una tremenda sconfitta militare a Piacenza ad opera di Jutungi ed Alemanni e tutta la valle padana fu pesantemente saccheggiata , successivamente questi due popoli tentarono la discesa lungo il sud Italia in direzione Roma passando lungo la direttrice adriatica , ma a Fano furono arrestati e sconfitti da Aureliano e nella conseguente ritirata , di nuovo battuti , resi prigionieri e dispersi nei pressi di Ticinum (Pavia) .

Questa tentata discesa di barbari verso Roma getto' chiaramente nel panico la cittadinanza di molte citta' italiane e della stessa Roma ; per questo motivo fu deciso di provvedere anche Roma di una nuova cinta di mura allargando di molto le antichissime mura di epoca regia erette dal Re Servio Tullio . Per attuare questa costruzione Aureliano dovette necessariamente provvedere anche a confische di proprieta' private ,il che gli alieno' parte del Senato , ma nei limiti del possibile furono sfruttati particolari edifici esistenti , tombe , circhi , acquedotti , sui quali appoggio' le sue mura .

Ma ora veniamo ai fatti che determinarono Aureliano a realizzare la sua opera su Roma e che secondo Zosimo (Libro I , 49 ) porto' a termine Probo .

Tutto inizia dalla sempre tentata conquista definitiva della Germania fino all' Elba , ma per tanti motivi , mai portata a termine , il che avrebbe spostato il confine dell' impero molto piu' ad Est nel profondo dell' Europa continentale , di quanto non fosse poi quello definitivo e precario del Reno Danubio , confini che se raggiunti , avrebbero reso i confini naturali d' Italia sicuri e stabili . L' ultimo grande imperatore romano che tento' questa conquista strategica fu Marco Aurelio che nei suoi progetti avrebbe voluto creare due nuove provincie , la Sarmatia e la Marcomannia , ma ad un passo dalla realizzazione dellla conquista ne fu impedito dalla rivolta di Avidio Cassio , distogliendo l' impegno militare in Germania ormai prossimo a conclusione , conquista storica che avrebbe stabilizzato e consolidato l' impero per i successivi secoli avvenire .

Altra spina nel fianco nord orientale dell' impero erano i famosi Agri Decumates , un profondo cuneo che si addentrava entro in confini romani della Germania Superiore e della Rezia rendendo precario quel territorio , gli Agri molte volte presi ma mai tenuti in modo definitivo tanto che molte volte partivano proprio da qui le invasioni che poi sfociavano , quando dirette in Italia , verso l' ingresso debole e mal difeso naturalmente e militarmente , dell' est delle Alpi , sfociando poi nella valle dell' Adige . Le legioni che avrebbero dovuto difendere il limes degli Agri Decumates erano al tempo di Gallieno e probabilmente anche a quello di Aureliano la : XII Primigenia con sede a Megontiacum vicino al vertice alto sinistro degli Agri , la III Italica con sede a Castra Regina vicino al vertice alto destro degli Agri e la VII Augusta con sede ad Argentoratum prossima al vertice basso degli Agri ; purtroppo queste difese legionarie pe motivi noti e non , non furono sufficienti ad impedire le continue e massiccie invasioni dei popoli germanici , in particolare nella seconda parte del III secolo ; queste situazioni instabili ai confini indussero Gallieno prima e Aureliano dopo ad approntare queste difese nel Nord Italia e poi nella stessa Roma con la costruzione delle mura difensive .

Nessuna fonte fonte storica ci narra le sensazioni che dovettero avere gli abitanti di Roma nel vedere l' innalzamento di queste nuove mura difensive a protezione dei loro beni e delle loro vite , capirono con sgomento che la sicurezza , sempre precaria quando si alzano difese anche se poderose , non era piu' affidata alla forza delle armi e delle legioni come era sempre stato da secoli , ma a delle mura , sintomo questo di un declino dell' impero che si rendeva ormai evidente ; chissa' se li prese lo sgomento verso il futuro , comunque e' certo che le mura assicurarono la sicurezza alla citta' fino al 410 quando dalla porta Salaria entrarono i Visigoti di Alarico dopo circa 800 anni da Brenno , non per cedimento delle possenti mura o dei difensori , ma per tradimento di pochi .

Alcuni tratti delle mura .

post-39026-0-36799300-1400404771_thumb.j

post-39026-0-96307800-1400404785_thumb.j

post-39026-0-06085200-1400404801_thumb.j

post-39026-0-57335400-1400404812_thumb.j

post-39026-0-23015400-1400404829_thumb.j

post-39026-0-23266200-1400404852_thumb.j

post-39026-0-18481600-1400404879_thumb.j

post-39026-0-10725300-1400404897_thumb.j

post-39026-0-27447000-1400404916_thumb.j

post-39026-0-46025300-1400404949_thumb.j

Modificato da Legio II Italica
Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Anche per questa imponente costruzione la numismatica antica non ha tramandato ricordo alcuno , strana coincidenza con quella del Tempio del Sole che pero' ebbe un esito diverso , delle Mura possiamo ancora ammirarne l' antica bellezza , del Tempio descritto in precedenza , possiamo solo immaginare lontanamente la magnificenza .

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nessuna fonte fonte storica ci narra le sensazioni che dovettero avere gli abitanti di Roma nel vedere l' innalzamento di queste nuove mura difensive a protezione dei loro beni e delle loro vite , capirono con sgomento che la sicurezza , sempre precaria quando si alzano difese anche se poderose , non era piu' affidata alla forza delle armi e delle legioni come era sempre stato da secoli , ma a delle mura , sintomo questo di un declino dell' impero che si rendeva ormai evidente ; chissa' se li prese lo sgomento verso il futuro , comunque e' certo che le mura assicurarono la sicurezza alla citta' fino al 410 quando dalla porta Salaria entrarono i Visigoti di Alarico dopo circa 800 anni da Brenno , non per cedimento delle possenti mura o dei difensori , ma per tradimento di pochi .

Alcuni tratti delle mura .

Grazie Legio, per l'interessante dissertazione :) .

E chi lo sa cosa pensarono !!!

Nelle Mura Aureliane tuttavia non leggo la decadenza di Roma, anzi vedo un Impero che, seppur piegato, è comunque vitale ed in grado di rispondere alle nuove e pressanti minacce con il ricorso massiccio alle migliori tecniche di fortificazione urbana, grazie alle ancora inarrivabili capacità progettuali e costruttive, oltre che con l'adozione di nuove tecniche militari, derivate dalle stesse popolazioni nemiche.

La trasformazione in città fortificate fu, in quell'epoca, comune a numerosi centri urbani, in un chiaro disegno governativo globale.

In merito a questi aspetti, invito alla lettura dell'importante opera, in merito : "Roman urban defences in the West", Research Report n, 51 del Council for British Archaeology, testo di ormai una trentina di anni addietro, tuttavia ancora reperible con poca spesa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?