Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Fratelupo

Costanzo giraffone

Risposte migliori

Fratelupo

Ai cultori del basso impero,

questa, passata recentemente in asta, mi ha incuriosito per il collo lungo. Si tratta di un bronzo di Costanzo II

per la zecca di Arles, del tipo Fel Temp Reparatio e la galea con la vittoria, peso circa 5 g, RIC VIII 99.

Ci sono commenti da parte vostra?

post-7082-0-60769600-1403794389_thumb.jp

Modificato da Fratelupo
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus

Come incisori stavano raschiando il fondo del barile si direbbe...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Ciao @@Fratelupo,

La presenza del collo lungo degli imperatori non era una cosa rara.

Taluni ipotizzano che il collo lungo potrebbe essere spiegato con il fatto che l'Imperatore doveva apparire come un essere straordinario che lo faceva nettamente distinguere dal popolo.

Come ben potrà spiegarci @@Illyricum65, la zecca di Londinium, ad esempio, si caratterizzava per la rappresentazione dell'Imperatore dal collo lungo.

5475o.jpg533o.jpglon14ao1.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ai nostri giorni l' espressione "fare allungare il collo a qualcuno" significa "tenerlo in sospeso prima di concedergli qualcosa" ; chissa' se ha attinenza con alcune iconografie di queste monete , scherzo naturalmente .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

Come incisori stavano raschiando il fondo del barile si direbbe...

i ritratti dal collo allungato non sono esclusivi del IV secolo, anzi.

Se andiamo indietro nel tempo abbiamo ritratti con colli allungati su monete del periodo giulio-claudio. E tra l'atro su monete di pregio:

Claudio, Aureo, Zecca di Roma, 46-47 d.C.

post-3754-0-90130100-1403814480_thumb.jp

Nerone, Denario, Zecca di Lugdunum, 60-61 d.C.

post-3754-0-44188000-1403814572_thumb.jp

e se vogliamo nemmeno Nerva viene graziato, sebbene già colpito dal "naso alla Chiellini" :D

post-3754-0-14472200-1403815239_thumb.jp

Ma è nella parte finale del III secolo che c'è un boom di questi ritratti:

- Aureliano

Mediolanum, 3rd emission, officina 3; late 271 - late 272 CE

post-3754-0-26143300-1403814788_thumb.jp

Cyzicus, officina 3, 274-275 CE

post-3754-0-10945600-1403814846_thumb.jp

Vedi inoltre il link:

https://www.forumancientcoins.com/moonmoth/aurelian_coins.html

per avere alcuni esemplari contraddistinti da questa caratteristica del ritratto.

Ci sono poi i ritratti di Carausio e Alletto con caratteristiche ritrattistiche analoghe che poi si mantengono nelle prime emissioni londinesi, tanto da far supporre che si tratti delle medesime maestranze "arruolate" per la zecca ufficiale imperiale londinese.

Talvolta qualche esemplare del secolo successivo presenta il collo allungato come quello della moneta proposta.

Quindi un fenomeno stilistico non esclusivo del Tardo-Impero bensì presente sin dalla prima epoca imperiale e ripresentatosi a partire dal III secolo tardo. Faccio notare inoltre che le monete giulio-claudie sono da Roma e Lugdunum (zecche imperiali ufficiali a tutti gli effetti) mentre il primo dei due antoniniani di Aureliano è da Mediolanum (per cui non una zecca "periferica" dell'Impero come si potrebbe ritenere Cyzicus - e le zecche orientali hanno quasi sempre uno stile differente da quelle occidentali). Quindi nemmeno da relegarsi come fenomeno ricollocabile a maestranze "minori" o meno esperte (come si potrebbe proporre per quelle britanniche). Infatti il "giraffone" di apertura proviene da Arelate (ARL) e quindi una zecca con maestranze abbastanza esperte.

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

Non concordo con una visione di maestranze non all'altezza. Non si tratta di raschiare il fondo del barile, quanto di un mutato senso artistico. L'arte del basso impero è differente dall'arte dell'alto impero: cambia il gusto, sono mutati i tempi e le circostanze e l'arte è lo specchio di questo mutamento. Può piacere di più o di meno (e qui si apre un enorme discorso sulla percezione assolutamente soggettiva dell'arte), ma sempre arte è e, a mio modesto avviso, non è corretto di parlare di arte "maggiore" o "minore" oppure "migliore" o "peggiore".

Lo stile di Costanzo II, al di là del collo che non è un unicum del periodo, riflette il tempo di Costanzo II ed è un prodotto artistico incisorio di tutto rispetto.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fratelupo

Torno sull'argomento, postando questo bronzo ieri in asta. Che cosa possiamo dire?

Un caro saluto

F

post-7082-0-09617400-1429101360.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×