Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
vickydog

Medaglione "mistico" Dacio-Romano

Risposte migliori

vickydog
Supporter

Buongiorno,

qualcuno conosce questo tipo di medaglione?

Dovrebbe trattarsi di una placchetta devozionale in piombo di quasi 10 cm riportante simboli pagani risalente ai primissimi secoli d.C. nella zona, allora Romana, della Dacia.

In rete non si trova quasi nulla... chi la usava e in quali circostanze, dove veniva apposta ? etc

post-31626-0-18485700-1406550709_thumb.j

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Forse non è la sezione più adatta, non direi che si tratti di una medaglia, nel senso più stretto del termine.

Provo a spostare nella sezione "Identificazione monete antiche" dove è probabile che possa trovare maggiore riscontro.

petronius :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Non e' una medaglia , ma credo una placca votiva sicuramente in piombo forse a carattere militare , astrologico magico ; si notano i simboli del Sol Invictus e della Luna in alto al centro della corona , gli altri , probabili simboli magico zodiacali , al centro della scena una figura femminile con cavalieri offerenti , fuori del cerchio , forse un torquis , quattro personaggi osservano gli eventi sotto un cielo di stelle governato dalla costellazione dei Pesci in alto sopra le stelle . Magnifica placca , se originale , la daterei non prima della seconda meta' del III secolo per la presenza nitida del Sol Invictus . Essendo in Piombo la posizionerei in area funeraria .

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao @@vickydog , da dove hai tratto la foto della placca ? veramente bella e complessa , sembra autentica .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vickydog
Supporter

Ciao Legio, proviene dall'ultima asta di Roma Numismatics indicata, tra le Imperiali, come "Intriguing Roman Mystery Lead Plaque". Il fatto di essere in piombo ti fa pensare ad un utilizzo funerario?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao @@vickydog , il Piombo e' spesso usato in questo ambito , pero' naturalmente e' solo una ipotesi derivante dal fatto che non si hanno notizie precise di dove sia stata trovata esattamente la placca , a parte in ambito Daco-Romano , inoltre il metallo Piombo in antico era legato a Saturno :

"Saturno-Crono incarna la morte, l’aspetto distruttivo del tempo, ma anche l’Opera al Nero, l’iniziale “porta delle tenebre”, attraverso la quale deve passare la materia per essere rinnovata e restaurata. A lui è associato il livello più basso, la materia più grezza, la base della costruzione del mondo: pietre, terra, piombo, antimonio. Agli occhi dei chimici volgari Saturno è il piombo. Ma per i Filosofi ermetici è la nigredo, il color nero, quello della prima materia disciolta e putrefatta. Alla dimensione della conservazione dell’esistenza corrisponde Saturno, principio di contrazione, concentrazione, fissazione, condensazione, inerzia, restrizione, concretizzazione, impietramento. E’ una forza che tende a cristallizzare, a fissare nella rigidità le cose esistenti e si oppone così a ogni cambiamento. In esso le energie tendono a condensarsi e a raccogliersi in se stesse. E’ l’opposto di Giove, principio di espansione e di esaltazione. Però Saturno è anche la concreta organizzazione materiale del vivente, il suo corpo fisico, e da qui il suo legame con l’elemento Terra. D’altra parte il piombo, il più volgare dei metalli, vale anche come principio oscuro, punto di partenza e stadio iniziale dell’opera, possibile espressione di prima materia in quanto elemento volgare e disprezzato ma che ha in sé tutta la potenzialità della preziosa Pietra Filosofale, che ne è lo stadio finale" .

Non l'ho trovata nell' asta che mi hai indicato , chissa' se e' stata venduta e a quanto .

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vickydog
Supporter

Lotto 705, venduto a 440 GBP; non molti offerenti, d'altra parte è moneta, medaglia, placca votiva, antiquity, o cosa?

Era inserito/a dalla casa d'aste nel capitolo "monete", non tra le antichità, comunque...

Rimane la questione del 'a che cosa serviva?'... Per adesso è ancora un "Mystery plaque" :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ho letto prima il tuo messaggio ; strano che era inserita tra le "monete" , sarebbe stato piu' corretto metterla tra le "antichita" , comunque il prezzo raggiunto in sterline , piu' i diritti d'asta , potrebbe essere anche basso se .........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

In vendita se ne trovano diverse, basta avere un po' di pazienza. Tutte di area danubiana e tutte del III secolo. Ma poche in quelle condizioni. Ovviamente, se autentica. Sono "pezzi" molto falsificati nell'Est europeo. Meglio acquistarli solo se è indicata una collezione d'origine verificabile che ne faccia risalire la conoscenza al periodo antecedente la fine di Ceausescu in Romania e le dimissioni di Mladenov in Bulgaria. Cioè, in pratica, oggetti già conosciuti almeno dai primi anni Ottanta del secolo scorso.

Posto qualche oggetto analogo attualmente in vendita:

http://www.vcoins.com/en/stores/gert_boersema/25/product/lead_mystery_plaque_lower_danubian_area_or_thrace_c_ad_300/520175/Default.aspx

http://www.vcoins.com/en/stores/gert_boersema/25/product/lead_mystery_plaque_lower_danubian_area_or_thrace_c_ad_300/520176/Default.aspx

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Comunque, per soddisfare la curiosità dell'autore del post, la maggior parte di queste placchette sono riferite ai culti di Mitra, del Sol Invictus o di divinità egizie. A volte i simboli di questi culti coesistono. Essendo culti molto diffusi nelle legioni, si presume che si tratti di oggetti di pietà da portare addosso o da lasciare in luoghi sacri. Più o meno come i moderni santini o gli ex voto. O, come già detto, da lasciare addosso ai caduti o con le loro ceneri.

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Interessante annotazione di cancun175 che supporta in parte la mia prima ipotesi ; come ho gia' risposto privatamente a vickydog , credo che la placca sia autentica (?) in considerazione della foto , perché la patina del Piombo e le evidenti tracce di usura sul retro (?) me la fanno pensare tale ; ho visto oggetti in Piombo antico , epoca romana , nei Musei aventi la stessa patina della placca , inoltre si puo' comprendere che l' autenticita' possa derivare dal fatto che il Piombo in antico non faceva certo gola a nessuno , forse per questo se ne trovano in piu' esemplari .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

@@Legio II Italica, non avevo espresso giudizi sull'autenticità della placca, perché non sono in grado di valutarla. So che è un oggetto di buon mercato e piuttosto caro (ma non eccessivamente) e questo ha portato in tempi recenti a molte falsificazioni bulgare o rumene. Nei mercatini antiquari di Sofia ne ho viste diverse. Ovviamente presentate come autenticissime. Nella foto (mia): uno dei mercatini antiquari di Sofia. Si possono trovare monete e placchette. Ma sull'autenticità...

post-7971-0-96794500-1406646077_thumb.jp

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Ciao @@vickydog , il Piombo e' spesso usato in questo ambito , pero' naturalmente e' solo una ipotesi derivante dal fatto che non si hanno notizie precise di dove sia stata trovata esattamente la placca , a parte in ambito Daco-Romano , inoltre il metallo Piombo in antico era legato a Saturno :

"Saturno-Crono incarna la morte, l’aspetto distruttivo del tempo, ma anche l’Opera al Nero, l’iniziale “porta delle tenebre”, attraverso la quale deve passare la materia per essere rinnovata e restaurata. A lui è associato il livello più basso, la materia più grezza, la base della costruzione del mondo: pietre, terra, piombo, antimonio. Agli occhi dei chimici volgari Saturno è il piombo. Ma per i Filosofi ermetici è la nigredo, il color nero, quello della prima materia disciolta e putrefatta. Alla dimensione della conservazione dell’esistenza corrisponde Saturno, principio di contrazione, concentrazione, fissazione, condensazione, inerzia, restrizione, concretizzazione, impietramento. E’ una forza che tende a cristallizzare, a fissare nella rigidità le cose esistenti e si oppone così a ogni cambiamento. In esso le energie tendono a condensarsi e a raccogliersi in se stesse. E’ l’opposto di Giove, principio di espansione e di esaltazione. Però Saturno è anche la concreta organizzazione materiale del vivente, il suo corpo fisico, e da qui il suo legame con l’elemento Terra. D’altra parte il piombo, il più volgare dei metalli, vale anche come principio oscuro, punto di partenza e stadio iniziale dell’opera, possibile espressione di prima materia in quanto elemento volgare e disprezzato ma che ha in sé tutta la potenzialità della preziosa Pietra Filosofale, che ne è lo stadio finale" .

Non l'ho trovata nell' asta che mi hai indicato , chissa' se e' stata venduta e a quanto .

Del resto la malattia da esposizione o ingestione prolungata o massiva al piombo non a caso si chiama "saturnismo". Diffusissima nell'antica Roma a causa delle tubature e dell'uso del piombo nell'impermeabilizzazione degli acquedotti. Lo usavano persino come dolcificante del vino!

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vickydog
Supporter

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Infatti anche io non sono certo per questo ho messo due (?) , erano solo riflessioni nate in base a raffronti con altri piombi antichi autentici e al fatto di essere un metallo "vile" .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Gli ultimi falsi postati da vickydog sono molto diversi dal suo primo esemplare , in questi le figure non sono nitide , ma impastate da evidente fusione , nel suo sembrano come da coniatura .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Ma non c'è nulla di strano che oggetti votivi in piombo siano stati fusi. Non sono monete. E siano, pur fusi, assolutamente autentici. Di qui la difficoltà di riconoscere falsi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vickydog
Supporter

Ci fu una mostra sui Daci a Firenze (Plazzo Strozzi) nel 1997. Una pubblicazione vi fu presentata, si intitola "I cavalieri danubiani e i loro misteri" di S. Rinaldi Tufi. Ho trovato in rete alcune informazione, il testo integrale no purtroppo, salvo inserito nel corposo, e costoso! catalogo della mostra. Chissà se qualcuno dei Lamonetiani lo possiede :). Pare che queste "placche" non fossero rinvenute presso templi o aree sacre, ma che fossero usati come amuleti. I due cavalieri spesso rappresentati (da qui il nome) sarebbero un ibrido dei Dioscuri. Restano comunque molte domande senza convincente risposta per gli studiosi, sia per l'utilizzo, sia per la simbologia ritratta, poiché il firmamento simbolico Danubiano è complesso e attraversato da influssi Romani, Greci ed altri. In questo sito se ne parla: http://www.collector-antiquities.com/mystery-artifacts/metal/mystery-cult-lead-plaque.html C'è qualcosa anche riferibile a dei sacrifici umani...

Gli ultimi falsi postati da vickydog sono molto diversi dal suo primo esemplare , in questi le figure non sono nitide , ma impastate da evidente fusione , nel suo sembrano come da coniatura .

Legio, i due esemplari nel link da me postato precedentemente non sono fusioni da originali, anche perché i simbolismi sono inseriti senza senso (come viene sottolineato sul sito).

Modificato da vickydog

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Non essendo monete, possono benissimo essere fusioni ed essere originali. Si può, quindi, stabilire se sono fuse o incise, ma questo non può essere il discrimine sull'autenticità o meno. E' vero che ne sono state trovate poche accanto a siti, ma è anche vero che le legioni danubiane di frontiera stavano dove tanti santuari di grosse dimensioni non c'erano. La loro funzione, quindi, non può essere stabilita se non con ipotesi. Una di queste è certamente l'amuleto (quello che definivo "santino"). Il dubbio, però, è che definiamo "amuleto" qualsiasi cosa di cui non identifichiamo l'esatta funzione.

P.S.: spesso non è un discrimine neanche il non riuscire a decifrare il significato della simbologia. Ho visto molti di questi oggetti, presentati in celebri aste, per i quali il perito, nella descrizione, ammetteva di non capire il significato. Con parole forbite, ovviamente...

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×