Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Legio II Italica

Buon Ferragosto con la Storia

Risposte migliori

Legio II Italica

Anche se per vari motivi di ognuno di noi , passa la giornata festiva in casa , cio’ non toglie che si possa trascorrerre tranquillamente e beatamente in famiglia e con gli amici virtuali del Forum e non . Con l’ accasione della ricorrenza delle “Ferie di Augusto” , da cui il nome , parliamo un attimo di suo padre adottivo : Caio Giulio Cesare , il primo “europeista” della Storia .
Gliulio Cesare fu probabilmente il primo europeista dell’ antichita’ , naturalmente secondo l’ ottica di quell’ epoca , cioe’ a seguito di quello che forse sarebbe avvenuto se non fosse stato ucciso , cioe’ una progettata conquista militare , ma cio’ non toglie che l’ idea , adeguata ai tempi , fosse gia’ precorritrice di quanto tentato da altri in un lontano futuro .
Il grande progetto europeista di Cesare si manifesto’ chiaramente fin dalla conclusione della guerra gallica , ma non era possibile intraprendere la conquista della Germania , intendendo sottomettere anche i popoli limitrofi del sud est europeo come i Daci , Traci e Sarmati , fino a quando non si fosse risolto il problema dei Parti , all’ epoca unico popolo che poteva contendere il primato militare ai Romani ; inoltre era rimasta impressa nella memoria la disastrosa sconfitta subita a Carre da Crasso il 9 Giugno del 53 a.C. ; occorreva una pronta risposta e una pronta rivincita , sappiamo da Appiano tramite la sua opera “Guerre civili” che erano pronte allo scopo , sedici Legioni con 10.000 cavalieri , l’ invasione della Persia sarebbe dovuta iniziare attraversando l’ Armenia Minore , regione antica a nord est della Cilicia , ma la morte di Cesare blocco’ il progetto e il corso della Storia .
Intendendo quindi vendicare la sconfitta di Crasso a Carre contro i Parti , era in progetto sottomettere l'intera Europa continentale, attuando una campagna nella zona danubiana contro i Daci di Burebista , una in Dalmazia e un'altra contro le varie popolazioni della Germania libera , che troppo spesso avevano interferito nel corso della difficile conquista della Gallia , forse preveggendo i Germani la successiva invasione della loro terra .
Anche Plutarco oltre Appiano , ci informa che tra i progetti di Cesare figuravano anche l’ attacco contro i Daci , l’occupazione della Mesopotamia e della Persia . Concluse queste conquiste avrebbe condotto una campagna militare partendo dalla Persia , contro la Schytia , passando per il Caucaso , proseguendo poi contro la Germania e gli altri popoli assalendoli alle spalle , tornando infine in Italia attraverso la Gallia ; da qui si comprende che Cesare considerava l’ Europa come un'unica unita’ politica .
Quale commento possiamo fare oggi su questo grandioso progetto ? anche se fu programmato praticamente con un grandissimo esercito , tipo alla persiana , composto da 16 Legioni e 10.000 cavalieri piu’ ausiliari , forse sarebbe stato inadeguato per una campagna cosi’ colossale , lontana e lunga nei tempi , ma conoscendo le imprese e i risultati fatti da Cesare in Gallia con poche Legioni , tra cui la famosa e spesse volte nominata per il suo valore , Legione X , probabilmente sarebbe riuscito nel suo intento di riunire tutta l’Europa o forse sarebbe “naufragato” nelle steppe dell’ est Europa .
Augusto erede materialmente , ma anche moralmente di Cesare , non tento’ l’ impresa faraonica di Cesare , si limito’ a ricevere dai Parti le insegne perdute a Carre da Crasso e a tentare l’ invasione della Germania per la via diretta , ma l’ improvvisa e pericolosa rivolta dalmato - pannonica durata 3 anni , fino al 9 , costrinse Augusto a ritirare Tiberio dalla campagna contro Maroboduo in Germania , poi la successiva sconfitta di Varo a Teutoburgo , indussero Augusto a rinunciare alla conquista della Germania , si dice che a seguito di questi fallimenti militari e morali verso Cesare , Augusto tentasse il suicidio ; solo anni dopo questi fatti avvennero campagne di invasione della Germania atte a vendicare piu’ che altro la sconfitta di Varo , ma il grande progetto di Cesare era perduto per sempre .

Sotto la cartina dell' Europa al tempo della conquista della Gallia ad opera di Cesare , in giallo i territori di Roma , la linea rossa rappresenta la probabile rotta che avrebbe percorsa Cesare nel conseguire il suo progetto di conquista .

post-39026-0-32506200-1408080714_thumb.j

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ARES III

Quello che non è accaduto non è detto che non possa accadere.....purtroppo. Di pazzi il mondo è pieno.

Bella ricostruzione. Tuttavia ci sono dei fattori che terrei in considerazione

1-non sarebbe stato più semplice dal punto di vista organizzativo e più breve come tempistica, partire con le navi da qualche porto del Ponto (ad es. Amissos) ed invadere i territori dell'attuale Ucraina [non so ancora per quanto...] piuttosto che attraversare le sterminate regioni inesplorate della Sarmatia?

2-questioni logistiche: i duri inverni delle regioni orientali, la lunghezza del percorso, le scorte alimentari, le varie tipologie di febbri malariche, avrebbero decimato l'esercito;

3- per non parlare dei Monti Carpazi che formano una barriera davvero formidabile contro un esercito fiaccato dopo un'eventuale guerra contro i Parti, le terribili condizioni atmosferiche, e le altre avversità su citate.

Quando Cesare ha attraversato le Alpi aveva delle Legioni fresche che non avevano combattuto contro un esercito come i Parti, inoltre le distanze per i rifornimenti erano relativamente più vicine, nonché il clima seppur rigido era/è più mite rispetto a quello orientale.

Non sono proprio convinto di questa impresa, se non a livello solo teorico.

Secondo me per un'eventuale invasione dell'Europa orientale, si sarebbe piuttosto passati per il versante Nord del Mar Nero, dove erano dislocate varie polis come Phasis, Istros, Odessos, Mesembria, Pantikapaion, Olbia, Apollonia Pontica, che avrebbero potuto assolvere alle varie funzioni logistiche.

Ho riutilizzato la tua cartina aggiungendo alcuni segni:

-cerchi rossi rappresentano le ubicazioni delle Polis di cui ho parlato pocanzi;

-linea blu Carpazi;

-linea nera possibile direzione della spedizione.

Buon FERRAGOSTO A TUTTI

post-35490-0-35862300-1408090906_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ARES III

Per la conquista dell'Europa Centrale si avrebbe potuto anche ipotizzare una spedizione che passasse sul Danubio, risalendo dal Mar Nero.

post-35490-0-06046900-1408094173_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

massi75rn

buon ferragosto anche a voi,continuate a narrare che male non fa,ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao @@ARES III , provo a rispondere alle tue perplessita' punto per punto , pero' prima alla tua introduzione , Cesare non dimostro' , almeno in fatti di guerra di essere un "pazzo" , era pero' ossessionato dalla figura di Alessandro Magno , infatti una volta esclamo' che Alessandro a 33 anni aveva conquistato un impero immenso fino all' India , mentre lui alla stessa eta' non aveva compiuto nessuna azione militare degna di nota , questo fatto la dice tutta sul suo carattere ; per il resto :


1- Non sappiamo con certezza quale sarebbe stato il percorso , solo Plutarco ci fornisce questa notizia del progettato passaggio di Cesare attraverso il Caucaso .


2-3- Indubbiamente i problemi di vettovagliamento e di assistenza per un esercito di queste dimensioni , sarebbero stati enormi , ma non impossibili conoscendo l' organizzazione romana . Naturalmente tutto il lungo percorso a ritroso dopo la conquista della Persia , se fosse avvenuta , sarebbe stato a tappe programmate giungendo nell' est europeo nel momento stagionale migliore cioe' verso fine primavera , certamente questo percorso non sarebbe stato come quello dei Diecimila dell' Anabasi di Senofonte .

Concordo con te sulla dimensione teorica e direi , quasi impossibile , della missione di Cesare , forse destinata al fallimento per l' immensita' dell' impresa programmata contro popoli tanto diversi tra loro ; basta ricordare le difficolta' che incontro' Traiano nel combattere solamente contro i Daci , occorsero ben due sanguinose guerre per averne ragione , per non parlare dei Germani tante volte battuti , ma mai lungamente conquistati .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ARES III

Però Alessandro non è scappato in Bitinia da Nicomede II....con tutti i racconti ed epiteti che Cicerone ci ha lasciato....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Grazie @@massi75rn , per aver contracambiato il Buon Ferragosto......... di ieri , a parte gli assenti e i disattenti :D

Scusami @@ARES III dimenticavo il tuo intervento n° 2 del post .

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×