Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
dareios it

Emilia Romagna Denaro di Ravenna si ma quale?

Risposte migliori

dareios it

Guardando questo link

http://www.deamoneta.com/auctions/view/67/301

mi è venuto in mente che qualcosa di simile dovevo tenerlo anche io. Così dopo averlo scovato, ho preso il Biaggi e il MIR Emilia (gli unici testi a mia disposizione) e li non ci ho capito più niente. I globetti sono nel primo e quarto angolo, mentre i trifogli nel secondo e terzo angolo della croce. La moneta pesa 0.65 grammi per 15-16 mm di diametro. Il metallo è in ottima mistura. Mi aiutate voi a catalogarla correttamente con il suo giusto grado di rarità? Grazie a tutti anticipatamente.

post-21682-0-71460200-1411587592_thumb.j

post-21682-0-04133900-1411587611_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teofrasto

Buonasera Dareios,

la particolarità della moneta venduta da Hatria Numismatica sta nel fatto di avere un cuneo a ore 6 del contorno interno del dritto, sotto le lettere pus. Cuneo che invece manca nell'esemplare in suo possesso.

Tuttavia, il riferimento bibliografico indicato da Hatria, "Di Virgilio 15", non è completamente corretto poiché Di Virgiio al numero 15 censisce una moneta con dritto simile, ma con al rovescio i trifogli e i globetti invertiti: trifogli nel 1° e nel 4° e globetti nel 2° e nel 3° quarto. Inoltre, la moneta dell'asta all'inizio della legenda di dritto sembra avere, anziché un trofoglio, un globetto. Bisogna però dire che nella foto quel particolare non è molto chiaro.

Ad ogni modo quella di Hatria tecnicamente sarebbe dunque una variante del n. 15, non censita e dunque apparentemente anch'essa molto rara.

L'esemplare in suo possesso è invece catalogato da Di Virgilio al n. 13:

D/ + (trifoglio) arciepisco

Le lettere pus nel campo, disposte a triangolo attorno ad un globetto centrale. Contorni rigati.

R/ + deravena

Croce patente accantonata nel primo e nel quarto quadrante da globetti e nel secondo e nel terzo da trifogli con lungo stelo uscente dal centro. Contorni rigati.

Di Virgilio la data alla prima metà del XIII secolo e, come tipologia, la reputa comune.

Spero che il mio intervento possa aver dissipato i suoi dubbi.

Cordialmente, Teofrasto

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Grazie Teofrasto, sei stato molto esauriente. Saluti Lorenzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×