Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Jacopo92

NAPOLI. TARI' 1622 SENZA SIGLE

Risposte migliori

Jacopo92

Ciao a tutti,

ho appena ricevuto questo tarì acquistato la settimana scorsa su ebay. L'ho comprato perchè è senza sigle dietro la testa, anche se ho l'impressione(mi posso anche sbagliare) che ci siano lettere sotto al busto(noto differenze con altri tarì del 1622, come nell'ultima foto). Cosa ne pensate? La classificazione la lascio fare a voi.

1zv49p0.jpg

14kjo7k.jpg

vmrlgh.jpg

2qamekx.jpg

Modificato da Jacopo92
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Una bella rarità. I tarì napoletani del 1622 senza sigle sono almeno R2. Vediamo se altri utenti possono esserti d'aiuto. Personalmente non ci vedo nulla sotto il busto ma proprio per questo potrebbe essere una discussione frizzante, magari altri riuscirebbero a vedere ciò che io non riesco. Il tema mi è particolarmente a cuore perché da un mio confronto fotografico riguardo l'accoppiamento dei conii del dritto e rovescio è emerso che anche per Filippo IV esistono monete senza sigle al dritto che hanno lo stesso conio del rovescio di monete con sigle dei maestri di zecca. Su questa mia analisi sarebbe importante avere anche il supporto dell'utente @@Giuseppe , quest'ultimo uno studioso molto sensibile sul tema.

Modificato da francesco77

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giuseppe

Una bella rarità. I tarì napoletani del 1622 senza sigle sono almeno R2. Vediamo se altri utenti possono esserti d'aiuto. Personalmente non ci vedo nulla sotto il busto ma proprio per questo potrebbe essere una discussione frizzante, magari altri riuscirebbero a vedere ciò che io non riesco. Il tema mi è particolarmente a cuore perché da un mio confronto fotografico riguardo l'accoppiamento dei conii del dritto e rovescio è emerso che anche per Filippo IV esistono monete senza sigle al dritto che hanno lo stesso conio del rovescio di monete con sigle dei maestri di zecca. Su questa mia analisi sarebbe importante avere anche il supporto dell'utente @@Giuseppe , quest'ultimo uno studioso molto sensibile sul tema.

Ciao Francesco,

su questi tari del 1622 non ho approfondito abbastanza le mie ricerche sia perchè ce ne sono veramente tanti sia perchè spesso è difficile fare confronti dato che la leggibilità molte volte, anche in monete non particolarmente circolate, lascia a desiderare; non ho esempi di coni di R/ utilizzati con D/ sia con sigle che senza ma lo ritengo possibilissimo. Sigle sulla moneta di Jacopo92 non ne vedo nemmeno io; complimenti comunque ad jacopo, bella monetina e rara.

Posto comunque le immagini di un esemplare avente il D/ molto simile, probabilmente lo stesso, di quello di Jacopo92 ed un R/ diverso; giusto una curiosità trovata spulciando quelle che ho classificato per il mio archivio :good:

Modificato da Giuseppe
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao a tutti,

ho appena ricevuto questo tarì acquistato la settimana scorsa su ebay. L'ho comprato perchè è senza sigle dietro la testa, anche se ho l'impressione(mi posso anche sbagliare) che ci siano lettere sotto al busto(noto differenze con altri tarì del 1622, come nell'ultima foto). Cosa ne pensate? La classificazione la lascio fare a voi.

1zv49p0.jpg

14kjo7k.jpg

vmrlgh.jpg

2qamekx.jpg

Ciao Francesco,

su questi tari del 1622 non ho approfondito abbastanza le mie ricerche sia perchè ce ne sono veramente tanti sia perchè spesso è difficile fare confronti dato che la leggibilità molte volte, anche in monete non particolarmente circolate, lascia a desiderare; non ho esempi di coni di R/ utilizzati con D/ sia con sigle che senza ma lo ritengo possibilissimo. Sigle sulla moneta di Jacopo92 non ne vedo nemmeno io; complimenti comunque ad jacopo, bella monetina e rara.

Posto comunque le immagini di un esemplare avente il D/ molto simile, probabilmente lo stesso, di quello di Jacopo92 ed un R/ diverso; giusto una curiosità trovata spulciando quelle che ho classificato per il mio archivio :good:

Sono gli stessi conii del dritto e del rovescio, confronta ad esempio l'ultima P di PHILIPP e la S di HIS al rovescio, l'esemplare di Jacopo mi sembra più leggibile ed ampio nella parte inferiore, peccato per la debolezza di conio sulla corona, @@Jacopo92 quanto pesa? Grazie

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giuseppe

Sono gli stessi conii del dritto e del rovescio, confronta ad esempio l'ultima P di PHILIPP e la S di HIS al rovescio, l'esemplare di Jacopo mi sembra più leggibile ed ampio nella parte inferiore, peccato per la debolezza di conio sulla corona, @@Jacopo92 quanto pesa? Grazie

Uhm... in quella postata da me il D/ mi sembra effettivamente proprio lo stesso ma il R/ pur essendo assai simile in alcune parti finisce poi nella scritta con RE (senza la X) mentre in quella di Jacopo con REX (con la X), quindi direi che il conio è diverso; la somiglianza da te notata però potrebbe indurre a pensare che gli autori siano gli stessi ed intercorra poco tempo nella loro preparazione, d'altra parte l'uso con uno stesso D/ è significativo ... :good:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Uhm... in quella postata da me il D/ mi sembra effettivamente proprio lo stesso ma il R/ pur essendo assai simile in alcune parti finisce poi nella scritta con RE (senza la X) mentre in quella di Jacopo con REX (con la X), quindi direi che il conio è diverso; la somiglianza da te notata però potrebbe indurre a pensare che gli autori siano gli stessi ed intercorra poco tempo nella loro preparazione, d'altra parte l'uso con uno stesso D/ è significativo ... :good:

E' vero! Questa X di REX al rovescio mi era proprio sfuggita, ero troppo impegnato ad osservare la parte destra del rovescio. Ottimo intervento!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Layer1986

non ci vedo nessuna sigla... recupero le foto e posto i miei tarì del 1622

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Layer1986

Tarì MC/C 1622

5x4zy9.png

29fc8lv.png

Tarì MC 1622

27wwtbs.jpg

qo9ekp.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Layer1986

Abbiamo finora 2 REX e 2 RE...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@@Jacopo92 il tuo osservatore è uno in gamba :good: dei 18mila ducati di tarì, questo senza le sigle ed alcuni altri con le sigle disposte in un certo modo sono davvero Rari; sotto il busto non possono esserci lettere o continuazione di legenda, questa si ferma alla data, a destra del busto mentre le sigle del maestro di zecca e/o quello di prova le trovi dietro il busto (ma non in questo caso logicamente); prima dell'iniziale del Sovrano troviamo frequentemente simboli e lettere, che sono del coniatore.

Il Turbolo (Credenziere Maggiore della Zecca) per risparmiare tempo, perchè questa moneta doveva essere coniata urgentemente ed in enorme quantità fece impiantare a NAPOLI, otto macchine di trafile aumentando anche il numero dei coniatori previsti ordinariamente, mi sembra in quell'occasione 66 .

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@@Jacopo92 ... riesci a vedere se prima della P di PHILIPP c'è qualcosa ?

Grazie

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@Rex Neap Pietro mi sembra una M

Potresti dargli una controlalta dal vivo ? potrebbe essere una N...invece che M ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Jacopo92

Pietro sto guardando ma è difficilissimo.. l'impronta non è nitida, comunque propenso più per una M

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@@Jacopo92 .. .tu sai che nel Corpus non ci sono Tarì del 22 senza sigle vero ? ... bene, il PR catalogano l'esemplare del Bovi al nr. 23 e questo ha la N...ecco perchè della domanda specifica.

L'esemplare postato da @@Giuseppe non si riesce a vedere bene cosa ha davanti la P.....bisognerebbe anche interpellare @fedafa perchè nel MIR ci sono catalogati (in nota) oltre la N altri due esemplari, uno con la V e l'altro con la Testina, credo che lui li abbia censiti perchè li ha visti......sarebbe opportuno che confermasse questa annotazione.....è importante per capire quanti esemplari sono apparsi del 22 senza le sigle.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Jacopo92

No Pietro non lo sapevo, io ho solo il Pannuti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×