Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
legioprimigenia

Larinum

Risposte migliori

legioprimigenia

Buonasera ragazzi vi chiedo una info.

La moneta identificata col numero 2 al link sotto indicato come viene classificata? Che tipo monetale è? Vi sono passaggi in asta?

testa di Atena a sx - cavallo al galoppo a dx

grazie

http://www.larinumlarino.com/dati/Monete%20della%20Zecca.pdf

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Ciao @@legioprimigenia, è un obolo di Larinum, con, al diritto, la testa di Pallade che indossa un elmo corinzio ed, al rovescio, un cavallo che corre verso destra, sopra, una stella, sotto le zampe la scirtta LADINEI. Campana Cn p. 259 moneta n. 2, Rutter n. 623, Vessella n. 46, Garrucci, Le monete dell'Italia Antica - Raccolta Generale, Tomo 2, tav. XC, moneta n. 28.

Rarità R2 - peso 7 gr. circa diametro 20 mm circa.

Chiaramente, non è mia scienza ma la pagina 47 del libro: Le monete del Molise di Andreani - D'Andrea - Bozza.

Saluti Eliodoro

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legioprimigenia

Grazie tante. Se capita di trovare passaggi d'asta postate li per favore. Grazie :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Purtroppo si tratta di una moneta molto rara (più di quanto indicato da Andreani & D'Andrea.

Almeno fino al 1994, data della pubblicazione della mia monografia (allego la relativa scheda), i pochi esemplari noti erano tutti in collezioni pubbliche e non avevo trovato esemplari in collezioni private.

post-7204-0-42453500-1415747051_thumb.pn

Non ho più seguito molto questa monetazione in data successiva al 1994 e prego pure io se è possibile registrare qualche passaggio in asta (finora non ne ho trovati).

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Brennos2

nel libro de garrucci ho letto p.101 : "Larino conia oboli e una serie di sistema decimale"

Sambon scrive nel suo catalogo p.122 : "Litra (?)"

Come facciamo a saperlo che la moneta è specificatamente un "obolo" o una "litra" ?

forse che nome (obolo o litra) e usato solo per differenziare la serie "greca" i la serie "romana" (decimale) più recenti ?

Modificato da Brennos2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Concordo con @@acraf.

Almeno negli ultimi tre o quattro anni che è il periodo dal quale mi sto interessado della monetazione sannito/campana, non ho mai visto, in asta, l'obolo postato da @@legioprimigenia. LA rarità, anche per me, non sarebbe R2, ma qualcosa in più

Ultimamente, nelle aste, passano, con maggiore frequenza, gli oboli di Aesernia ( uno l'ho preso io e, scaramanticamente, quando l'avrò ricevuto, lo posterò), con Vulcano/ GIove in biga, con o senza tenaglia ed, una volta, mi sembra con Artemide, anche l'obolo con Apollo/ Toro androcefalo.

Riguardo la monetazione frentana, periodicamente, passa la quncuncia con Pallade/Guerriero al galoppo ( che, per Garrucci, potrebbe essere il valoroso milite larinate, Obsidius?, che si lanciò contro Pirro) e l'oncia.

@@Brennos2, riguardo la differenza tra litra per la monetazione siciliana ed obolo per la monetazione continentale, dato che, quando scrive @@acraf prendo appunti, Ti riporto una sua risposta ad una mia domanda fatta in una vecchia discussione.

"il termine litra (ed emilitra che è la sua metà) viene usato solo per la Sicilia.

Il bronzo usato in Campania era basato sull'obolo (ed emiobolo, che è la sua metà).

La differenza tra litra e l'obolo è che la litra corrisponde a 1/5 della dracma e quindi è a base decimale, mentre l'obolo corrisponde a 1/6 della dracma e quindi a base duodecimale."

@@acraf, se ho riportato male il Tuo pensiero, mi scuso anticipatamente :D

Saluti Eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Concordo con Eliodoro. E' più corretto il termine obolo per la fase "campana" (con sistema greco), che fu monetizzata a metà del III secolo a.C. (268-250 a.C.).

Nella successiva fase "romana", emessa al tempo della seconda guerra punica (212-208 a.C.), dal momento che a Larinum fu coniata la quincuncia (a 5 unciae), la sua nuova monetazione, più abbondante rispetto alla precedente fase greca, era per forza basata sul sistema decimale, mentre a Roma vigeva il sistema duodecimale, col semisse pari a 6 unciae.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legioprimigenia

vi ringrazio :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legioprimigenia

la moneta è databile a circa 250 a.c?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Sì.. la coniazione degli oboli, nella zona sannito campana, risale alla metà del III° sec. a.c...

Modificato da eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Anche per me è un Obolo di Larino

classificabile anche come Rutter n°623;Vessella n°46 e D'Andrea-Andreani-Bozza n°4

--Salutoni

-odjob

Opps anche eliodoro aveva citato queste classificazioni......repetita iuvant:beh ho aggiunto D'Andrea-Andreani-Bozza :D

Modificato da odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legioprimigenia

grazie :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Se sei interessato alla monetazione di Larinum, ti consiglio di acquistare il volume di:

Napoleone Stelluti, Le monete della zecca di Larinum, Frentani e Pallanum, Campobasso 2009

E' il Corpus che cerca di raccogliere le immagini di TUTTI gli esemplari note in collezioni pubbliche, più qualcuna in mano privata.

Per farti una idea, posto le pagine dedicate a questa emissione. Stelluti conosceva in tutto 12 esemplari in collezioni pubbliche (uno, del museo di Larino, non illustrato) e 1 in mano privata, a cui si dovrebbe aggiungere almeno un altro in mano privata, del quale non si conosce una foto.

post-7204-0-27006800-1415900668_thumb.jp Stelluti pag. 65

post-7204-0-90526800-1415900694_thumb.jp Stelluti pag. 66

post-7204-0-93713900-1415900724_thumb.jp Stelluti pag. 67

post-7204-0-79825600-1415900746_thumb.jp Stelluti pag. 68

post-7204-0-44181600-1415900775_thumb.jp Stelluti pay. 69

L'esemplare, forse il più bello noto, n. 94 e illustrato alle pagine 66-67, è lo stesso riportato nel link presente nel tuo primo post.

Si conferma, anche a una ricerca più aggiornata e completa della mia, la rarità della moneta e l'assenza di passaggi in asta.

Modificato da acraf
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legioprimigenia

grazie tante! :good: gentilissimo

Modificato da legioprimigenia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legioprimigenia

Posso postare le foto! E' lei?

post-1342-0-23840900-1423905795_thumb.jp

post-1342-0-84380600-1423905835_thumb.jp

post-1342-0-86604000-1423905847_thumb.jp

Modificato da legioprimigenia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×