Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
francesco77

Libri rubati ritornano a Napoli ....

Risposte migliori

numa numa
Supporter

Anche se non ci sono non importa

Quello che veramente importa e' che i preziosissimi codici e testi della biblioteca dei Girolamini di Napoli, patrimonio culturale inestimabile , tornino nella loro sede.

La loro sottrazione ad opera del direttore della biblioteca (!) installato in quel posto grazie a collusioni mafiose, era stato uno dei reati piu' odiosi .

Le biblioteche antiche costituiscono una dei patrimoni culturali piu' preziosi per la ns storia. Depredarle e' come profanare un tempio, quella della cultura.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chievolan

La loro sottrazione ad opera del direttore della biblioteca (!) installato in quel posto grazie a collusioni mafiose, era stato uno dei reati piu' odiosi .

 

EDITATO DA MODERATORE

Modificato da petronius arbiter
linguaggio non consono

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Ritengo che se determinati libri di pregio debbano essere conservati in malo modo sia preferibile che vadano ad arricchire la collezione di un appassionato collezionista che sappia prendersene cura.

Oppure bisognerebbe trovare un'adeguata sistemazione in una biblioteca statale preferibilmente campana con personale che sappia prendersene cura

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

si presume che chi scelga come professione quella di custode della cultura (siano monumenti, musei, collezioni o biblioteche - come in questo caso ) sia una persona degna.

Rari - per fortuna - sono i crimini da parte di chi sceglie volontariamente queste professioni. Essere un uomo di cultura è una scelta eticamente ben precisa. Per questo colpisce di piu' la notizia di questo crimine e ce lo rende particolarmente odioso.

Non si tratta di ladri ordinari, di tombaroli che hanno scelto - come mestiere - quello di depredare il patrimonio culturale o collezioni private di reperti e beni culturali. Si tratta di un crimine da parte di chi aveva scelto di essere custode di questi beni e al quale era stata affidata la loro tutela e conservazione. E' come se un bambino non venisse rapito da zingari o delinquenti comuni bensi dalla tata cui era stato affidato. Mi auguro le pene per i colpevoli identificati siano commisurate alla gravità del danno - che non riguarda solo l'entità materiale/patrimoniale - del bene sottratto bensi il suo valore storico e culturale quindi immensamente piu' rilevante per la Comunità che non il semplice valore commerciale dei volumi..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×