Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Layer1986

Sicilia
curiosità siciliana

Ciao ragazzi,


leggevo in alcuni documenti del 1699 reperibili in rete che quando il duca d'Ossuna, nominato vicerè di Sicilia, arriva a Palermo (1611 circa):


 


La moneta che si spende in Sicilia , non è che di argento, e di rame , il tutto "con l'inpronta del Ré » e la zecca si tiene in Palermo , e tanto basta di questa Città che veramente, è la Metropoli, e la Reggia del Regno, e che merita d'esserla.


 


A me suona strano, non era Messina la sede della zecca? Oppure, essendo lo scritto del 1699, è un atto di "damnatio memoriae" verso la città di Messina?


 


Ricordo: Messina fu la città che tra il 1674 e il 1678 vide una rivolta popolare antispagnola, che ne segnò la fine. 


 


http://it.wikipedia....nola_di_Messina


 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Purtroppo questa discussione mi era totalmente sfuggita :( .
Seguendo lo Spahr, la zecca di messina fu inattiva dal 1587 al 1608, ma fu l'unica zecca siciliana sia nel periodo precedente che in quello seguente, fino al 1678, anno in cui la zecca venne definitivamente chiusa e trasferita a Palermo, come punizione per aver sostenuto l'invasione francese nel 1674.
La zecca si Palermo venne aperta brevemente nel 1635, ma vennero coniate solo delle prove del 4 tarì.
Si possono formulare due ipotesi:
La prima, come giustamente dici, di una damnatio memoriae verso la città di messina (essendo il documento del 1699 e tra l'altro scritto per celebrare Palermo),
la seconda, che mi sentirei di escludere, ma che riporto per completezza, che nel periodo 1587-1608, in cui la zecca si messina fu chiusa, venne brevemente aperta quella palermitana, per l'emissione di tipi peraltro non noti (di tipo spagnolo o comunque straniero?) e che il documento del 1699 facesse riferimento a questo periodo.
Sostenere quest'ultima ipotesi imporrebbe di fare una quantità tali di ipotesi aggiuntive, che solo solo per il rasoio di Occam non regge in piedi.
Perdona gli errori sparsi qua e lá, scrivo col cellulare e qualche errore mi scappa.

Modificato da azaad

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?