Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
andme

10 CENTESIMI 1862 PARIGI

Risposte migliori

andme

Ciao a tutti, so che questa moneta è in conservazione MB, ma il Gigante riporta 25 come valore.. secondo voi, nonostante le condizioni,quanto può valere? Spiccioli o anche 5-10 euro? Grazie post-33720-0-88915100-1429689352_thumb.jpost-33720-0-59529900-1429689516_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

@@andme

il Gigante 2015 in MB la riporta a 20 euro, sinceramente io per questa non andrei oltre i 4/6 euro, che con tutto il rispetto rimane sempre una moneta collezionabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

Grazie nando12, l ho pagata 2 euro dalla ciotola tempo fà.. anche se nc non la tengo in collezione ma in un raccoglitore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

Grazie nando12, l ho pagata 2 euro dalla ciotola tempo fà.. anche se nc non la tengo in collezione ma in un raccoglitore

diciamo... che in questa conservazione non sia poi tanto NC, :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

Scusate ma questa cosa che una moneta rara in bassa conservazione non lo è più, non la capisco proprio... secondo me è priva di fondamento

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

La moneta resta sempre coniata in pochi esemplari indipendentemente dalla conservazione.. poi se è tenuta meglio varrà di più e vi saranno pochi esemplari in fdc.. ma questo vale per tutte le monete a prescindere dalla tiratura

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alex-Vee

Scusate ma questa cosa che una moneta rara in bassa conservazione non lo è più, non la capisco proprio... secondo me è priva di fondamento

Mi sono posto la stessa domanda anche io molte volte, l'unica risposta che mi sono dato è che forse è più facile trovare quella tipologia di moneta in mb o bb anziché in conservazione più alta.

Di conseguenza la rarità aumenta se lo stato di conservazione è più alto.

Poi come visto anche in precedenti post, in alcuni cataloghi le monete vengono catalogate NC, ed in altri cataloghi la stessa moneta viene definita come R.

Mah mistero ?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

Mi sono posto la stessa domanda anche io molte volte, l'unica risposta che mi sono dato è che forse è più facile trovare quella tipologia di moneta in mb o bb anziché in conservazione più alta.

Di conseguenza la rarità aumenta se lo stato di conservazione è più alto.

Poi come visto anche in precedenti post, in alcuni cataloghi le monete vengono catalogate NC, ed in altri cataloghi la stessa moneta viene definita come R.

Mah mistero

per me questa cosa è frutto solo di un pensiero che non è aderente al reale ma puramente astratto!! Per classificare così le monete servirebbero dati oggettivi, si dovrebbe fare un censimento delle monete.. altrimenti la rarità resta soggettiva sulla base delle mie idee
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

La moneta resta sempre coniata in pochi esemplari indipendentemente dalla conservazione.. poi se è tenuta meglio varrà di più e vi saranno pochi esemplari in fdc.. ma questo vale per tutte le monete a prescindere dalla tiratura

questo me lo son chiesto anch'io però purtroppo questi dettagli gli ho imparati qui sul forum. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

per me questa cosa è frutto solo di un pensiero che non è aderente al reale ma puramente astratto!! Per classificare così le monete servirebbero dati oggettivi, si dovrebbe fare un censimento delle monete.. altrimenti la rarità diventa soggettiva sulla base delle mie idee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

questo me lo son chiesto anch'io però purtroppo questi dettagli gli ho imparati qui sul forum.

no ma infatti io nn ce l'avevo con te scusa.. è solo l'idea che gira sul forum e che tu hai espresso che reputo errata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

no ma infatti io nn ce l'avevo con te scusa.. è solo l'idea che gira sul forum e che tu hai espresso che reputo errata

tranquillo non ti devi scusare, anch'io son del parere che se una moneta è riportata NC su un catalogo tale deve rimanere, per tutte le conservazioni, altrimenti si specifica da quale conservazione rientra la rarità della moneta.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

tranquillo non ti devi scusare, anch'io son del parere che se una moneta è riportata NC su un catalogo tale deve rimanere, per tutte le conservazioni, altrimenti si specifica da quale conservazione rientra la rarità della moneta.

ben detto!! ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

claudioc47
Supporter

@@andme@@Alex-Vee@@nando12 riporto qui di seguito il post #28 della discussione "2 lire quadriga  1911" a proposito del mio pensiero sulla "rarità in base allo stato di conservazione" e dite la vostra.

 

@Littore78 non sono un esperto come dice @visroboris, che ringrazio, ma sono uno che quando si interessa di una materia cerca di sviscerarla il più possibile, e voglio esprimere un "claudio pensiero", un ragionamento ad alta voce, circa il discorso della rarità di una moneta. In numismatica si dovrebbero esprimere due livelli di rarità, uno quello relativo al numero dei pezzi coniati, ed uno relativo all'effettivo reperimento di una moneta in un certo stato di conservazione. In realtà questo già avviene, se hai notato le quotazioni di catalogo della tua moneta nei primi tre stati di conservazione hanno una progressione matematica, ad ogni passaggio quasi si raddoppia (280>400>950) mentre il passaggio al Fdc porta ad una progressione geometrica, da 950 sale a 2600, circa il triplo. E così avviene per tutte le monete Quindi la tua moneta o è Mb o è Fdc sempre R2 rimane ma solo perché ne sono stati coniati circa 535000 pezzi.. Detto questo reputo che le espressioni "moneta comune in Bb ma molto rara in Fdc" o similari, inopportune e devianti, come è successo a te. Pongo una domanda a chi è vicino al mondo dell'editoria (@francesco77): non sarebbe utile inserire nel catalogo un  FATTORE DI REPERIMENTO CONSERVATIVO (FRC)?

 

Secondo me non è detto che un concetto, per me male impostato, debba continuare ad essere assunto come metro di misura, ma si dovrebbe progredire anche in questo campo, senza rimanere attaccati ai giudizi di pur sempre rispettabili esperti del passato, ma le cui impostazioni oramai mi sembrano superate e da aggiornare. Cerchiamo di mettere all'opera anche il nostro cervello, senza adagiarsi solo sui ragionamenti del passato!!

Modificato da claudioc47
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

andme

si claudio hai ragione, solo che per me è improbabile mettere un fattore di correzione dell'fdc in quanto bisognerebbe sapere quanti sono gli esemplari esistenti in quella conservazione. Bisognerebbe tenere conto di infinite varabili come morbidezza del metallo, ritiri per fusioni, guerre, carestie, crisi economiche che influenzano il numero di pezzi ad oggi disponibili di quella moneta. Poiché tutte queste variabili sono già calcolate nella rarità della moneta, ritengo che il numero dei pezzi in mb, bb, spl e fdc è proporzionale alla rarità: se la moneta è rara vi saranno pochi pezzi in modo proporzionale in ogni conservazione, se comune ve ne saranno di più in ogni conservazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

forse dipende anche da quante se ne presentano nei mercatini nei convegni e anche nelle aste su internet.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visroboris

forse dipende anche da quante se ne presentano nei mercatini nei convegni e anche nelle aste su internet.

Credo proprio che tu abbia ragione. E ritengo che sia l'esperienza nella realtà e non le legende scritte sui cataloghi a farla da padrone in questioni complesse come questa. Un saluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

Credo proprio che tu abbia ragione. E ritengo che sia l'esperienza nella realtà e non le legende scritte sui cataloghi a farla da padrone in questioni complesse come questa. Un saluto.

Attenzione!

Chi scrive sui cataloghi non è che sia gente di poco conto, anzi..... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visroboris

@@nando12. Mi spiego meglio : i cataloghi sono i cardini su cui si sviluppa la Numismatica, e coloro che scrivono hanno ottime conoscenze, però per questioni quali quella di considerare più rare le alte conservazioni credo ci sia più l'intervento dell'esperienza e delle partecipazioni a convegni e ad aste.

Modificato da visroboris

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

@@nando12. Mi spiego meglio : i cataloghi sono i cardini su cui si sviluppa la Numismatica, però per questioni quali quella di considerare più rare le alte conservazioni credo ci sia più l'intervento dell'esperienza e delle frequentazioni di convegni ed aste.

Si si concordo, avevo interpretato male io la tua frase.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visroboris

Si si concordo, avevo interpretato male io la tua frase.

Credo di essermi espresso male io :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

claudioc47
Supporter

@@andme@@nando12@@visroboris sono d'accordo con quello che dite, ma la questione è che si sovrappongono due diversi tipi di "rarità", quella del n° dei pezzi coniati e presenti sul mercato, e quella in relazione al n° di pezzi presenti sul mercato in un determinato stato di conservazione. Come ho già detto, questo aspetto i redattori dei cataloghi ne tengono già conto nelle valutazioni e mi pare giusto, quello che non accetto è che si sostenga che una moneta è rara perché in Fdc mentre è comune in Bb, 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nando12
Supporter

@@claudioc47@andme@visroboris

in pratica stiamo dicendo tutti e quattro la stessa cosa, solo che bisogna capirla se non approfondirla un pò di più questa questione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

visroboris

@@claudioc47, @andme, @visroboris,

in pratica stiamo dicendo tutti e quattro la stessa cosa, solo che bisogna capirla se non approfondirla un pò di più questa questione.

Magari si potrebbe aprire una discussione a riguardo sul piazzale del numismatico..
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

claudioc47
Supporter

@@nando12 ci sto ragionando, 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×