Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
vickydog

Le patine iridescenti dei denari

Recommended Posts

vickydog
Supporter

Cari amici, mi domando e vi domando come si riconosce una patina iridescente naturale da una artificiale magari ottenuta con la tintura di iodio.

Ovviamente la questione pertiene particolarmente agli argenti come i denari che da questa particolare e rara patina traggono sfumature gradevoli e ricercate...Ma! con l'incognita dell'intervento moderno.

Vi è dunque maniera di distinguerle?  Ecco di seguito alcuni esempi di monete che presentano questo fenomeno. Alcune sono state battute in asta a cifre considerevoli.

 

post-31626-0-29492100-1431605905_thumb.p

 

post-31626-0-30834800-1431605910.png

 

post-31626-0-77191600-1431605914_thumb.p

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

vickydog
Supporter

...Magari è anche l'occasione per cercare di investigare quali sono le condizioni in cui si forma, il perché soprattutto in certe aree (a ridosso delle legende, eventuali depositi organici sono indispensabili?), quali elementi e segni sono una costante di questa patina o della moneta che la presenta? Quale giacitura ne facilita la formazione? Certo sarebbe graditissimo anche un parere di @@centurioneamico .

 

...ancora un paio:

 

post-31626-0-06085900-1431606296_thumb.p

 

post-31626-0-81922700-1431606900_thumb.j

Edited by vickydog
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

aemilianus253

Le monete d'argento con patina iridescente sono a mio parere meravigliose in quanto i particolari vengono esaltati. Non so come ed in quali condizioni si formi. Possiedo dei grossi nei quali in pochi anni si è formata una piacevole patina iridescente ed altri rimasti praticamente bianchi. In questa discussione, visto che si parla di denari, posto la foto di un bel denario del Bellum Sociale con bella patina iridescente "di medagliere". Era in asta Stacks qualche anno fa.

post-6961-0-54589000-1431632268_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Legio II Italica

Ciao @@vickydog , se leggi questo trovi alcune risposte al tuo quesito , in particolare del perché si formano .
In campo numismatico le patine dell' argento , quelle naturali , sono ricercatissime e costose forse anche piu' di una bella patina del bronzo perché piu' rare , al contrario nel settore dell' argenteria oggettistica si tende a pulirle .

http://www.chimica-online.it/elementi/argento.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites

tognon

I piccoli denari sono monete meravigliose con questi colori poi......Come si formano non so, per adesso mi accontento di guardarli ammirato.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabietto83

Io penso si formino con il raffreddamento del metallo in una particolare condizione....come una specie di tempratura

Edited by fabietto83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massenzio

Le bellissime patine arcobaleno si formano con una lunga permenenza in terreni ricchi di Zolfo e hanno appunto queste sfumature blu, gialle e magenta. Un terreno meno umido e meno ricco di Zolfo crea un patina iridescente senza arrivare alla varie sfumature arcobaleno.Non ho mai avuto tra le mani una moneta artificialmente patinata con la tintura di iodio (o almeno che mi facesse sospettare che lo potesse essere) però tempo fà in un corrispondenza con un noto venditore statunitense mi venne detto che sono identificabili.

Questo è l'esemplare arcobaleno più significativo della mia raccolta, Argenteo di Massimiano Ex Sisak Hoard del 1953.

post-7915-0-70293900-1431686903_thumb.jp

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

vickydog
Supporter

La reazione dell'argento all'ossigeno e allo zolfo, come leggo anche dal link, dovrebbe essere nera (solfuro nero).

Non potrebbe l'azzurro derivare invece dal rame con cui l'argento è in lega e che con l'anidride carbonica dell'aria produce azzurrite (sintesi del carbonato basico di rame)?

Per esempio guardate anche questi cucchiaini; anche se chi postò le foto qui su Lamoneta alcuni anni fa si domandava pure come mai alcuni presentavano questa patina, altri no, a  parità di condizioni di giacitura e conservazione...forse alcuni erano coperti da qualcosa altri no...

 

post-31626-0-27618200-1431688788.jpg

 

          

Share this post


Link to post
Share on other sites

eliodoro
Supporter

Ecco il mo denario:

Pkp92w8FrZF4KT2ibGo3H6jbxDp5rf.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Legio II Italica

Ecco il mo denario:

Pkp92w8FrZF4KT2ibGo3H6jbxDp5rf.jpg

 

Bello , ma non ha la stessa bellissima patina iridescente dei precedenti esemplari , questa sembra solo leggermente scura .

Share this post


Link to post
Share on other sites

eliodoro
Supporter

Bello , ma non ha la stessa bellissima patina iridescente dei precedenti esemplari , questa sembra solo leggermente scura .

Assolutamente...niente a che vedere con quella bellissima patina blu - azzurra...il mio presenta riflessi giallini come si vede nella foto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Legio II Italica

Assolutamente...niente a che vedere con quella bellissima patina blu - azzurra...il mio presenta riflessi giallini come si vede nella foto...

 

Infatti stupende patine .

Pensa che stranezze , nelle monete antiche o moderne di argento questa patina ne esalta la bellezza e il valore economico , mentre nell' oggettistica di argenteria anche se antica si pulisce , altrimenti si svaluta .

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabietto83

io rimango sempre dell idea che c'entra qualcosa con il riscaldamento e raffreddamento al momento della battitura

sembra la stessa sfumatura che si danno alle marmitte

post-40789-0-71907900-1431706344.jpg

Edited by fabietto83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Crimson85

Anch'io ho una moneta romana che ha sviluppato un iridescenza verde/rossiccia, la tengo nel raccoglitore plastificato.

 

Però non è d'argento ma di bronzo.

Edited by Crimson85

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massenzio

Anch'io ho una moneta romana che ha sviluppato un iridescenza verde/rossiccia, la tengo nel raccoglitore plastificato.

Però non è d'argento ma di bronzo.

Infatti la patina arcobaleno non è una prerogativa del solo argento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

vickydog
Supporter

post-31626-0-77346100-1457532040_thumb.j   post-31626-0-50617000-1457532409_thumb.j

 

"Sa, c'ho il naso lucido... Sa, questi nasi...Lo trova grosso?" (Totòtruffa '62)

Non ha il naso del principe della risata, che ho accostato perché fatalmente un laso lucido mi ricorda la scena suddetta e per strappare a tutti un sorriso :)

ma non vi dico per ora a quale Augusto è attaccato...

Da un mio recente acquisto. Io mi domando sempre se siano iridescenze naturali o 'agevolate'. Tuttavia credo sia una foto suggestiva (anche se nella foto risultano accentuate dalla luce a led del microscopio digitale che l'ha scattata).

Edited by vickydog

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sator

Bellissima discussione, domanda che anch'io mi son posto varie volte. Come è successo ad @@aemilianus253 vi assicuro che ho due grossi identici, uno riposto accanto all'altro, ma solo quello di destra ha formato la patina in questione, l'altro risulta tale e quale quello di anni fa (stando alle foto). Sono entrambi di buon argento e all'inizio mi preoccupai moltissimo una volta constatata quella strana formazione bluastra... oggi ho imparato ad apprezzarla. Questa è la mia (per rimanere in tema romano)....

 

post-36407-0-33923600-1457555250_thumb.j

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sator

P.S. Non ditemi che è tarocca eh, o almeno fatelo con calma  :o a mio avviso è genuina, benché non abbia idea di come siano quelle false (a dire il vero non pensavo nemmeno le falsificassero dati i molti collezionisti che la tolgono appositamente...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

caiuspliniussecundus

Nessuno ha risposto alla domanda iniziale fatta da Vikydog, qualcono sa come distinguere le patine originali da quelle create chimicamente?? 

(non saranno mica tutte naturali.... :crazy:  conoscendo come smanetta certa gente...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

snam

@@caiuspliniussecundus

 

CenturioneAmico ha espressamente dichiarato, durante la conferenza sulle patine al Circolo Numismatico Milanese, che non è possibile riconoscere le patine false da quello originali sui denari d'argento.

 

Ciao

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabietto83

salve ragazzi allora secondo me queste patine vengono create chimicamente...ho provato un prodotto su un denario aimè pulito troppo e le sfumature rossastre bluastre son apparse da subito

post-40789-0-49178100-1458068806_thumb.j

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lelapo

Lo iodio (attraverso l'applicazione di tintura di iodio al 7%) permette di ottenere degli effetti iridiscenti sulla moneta, però questi tendono sempre al violetto. Le iridiscenze, quando naturali, tendono anche al giallo, al verde e al rosso, ma quando ne incontrate una con colori nello spettro del viola... allora iniziate a dubitare!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sator

Lo iodio (attraverso l'applicazione di tintura di iodio al 7%) permette di ottenere degli effetti iridiscenti sulla moneta, però questi tendono sempre al violetto. Le iridiscenze, quando naturali, tendono anche al giallo, al verde e al rosso, ma quando ne incontrate una con colori nello spettro del viola... allora iniziate a dubitare!

 

Questo mi sembra già un dato molto importante. Quindi, stando così le cose, l'Adriano del primo messaggio è dubbio .... (mentre la mia buona :lol: ... )....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lelapo

non mi sembra un caso che la tua moneta e quella di eliodoro, delle quali siamo sicuri che non abbiano avuto trattamenti chimici, presentano dei colori che vanno in altre tonalità ma non nel violetto.

Nel caso della marmitta, dove l'effetto è voluto, la reazione è dovuta ad un forte riscaldamento del pezzo dopo la nickelatura che viene stabilizzata proprio con lo iodio, ovviamente la traccia che lascia è legata alla reazione del nostro composto. Comunque stiamo parlando di iodio, ma vengono utilizzati anche altri stabilizzatori che più o meno nel riscaldamento del pezzo possono avere effetti simili.

Io nel tempo ho imparato una sola grande lezione, ossia che avere dubbi porta sempre i più grandi vantaggi!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.