Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
antvwaIa

Trachy dalla Crimea

Risposte migliori

antvwaIa

Un numismatico russo mi ha inviato un gruppo di immagini di trachy ritrovati in Crimea. Alcuni sono ufficiali de Alessio I, Giovanni II e Manuele I, altri sono imitativi presumbilmente dello stesso periodo, ed altri ancora non sono ufficiali, ma neppure rientrano nell'ambito delle coniazioni imitative: infatti il disegno è curato ma è significativamente diverso dai trachy costantinopoltani.

Tempo addietro in una discussione del FAC fu postato un trachy indicato di possibile zecca della Crimea, ma senza maggiori spiegazioni a supporto di questa affermazione.

I trachy che mi hanno incuriosito sono 5. Tre sono della stessa tipologia (due, 3b e 3c, parrebbero corrispondere alla setssa coppia di conii) e gli altri due di tipologie diverse. Li posto tutti insieme poiché fanno parte di un lotto presumibilmente unitario. La dimensione è quella bituale dei trachy: diametro 25-30 mm, peso 2,5-3,0 g.

 

5n67b8.jpg

 

Qualcuno ha qualche idea al proposito?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antvwaIa

Sostituisco la foto precedente con un'altra foto, dove ci sono altri trachy della medesima origine (per convenienza mia ho cambiato la numerazione).

 

200bcbs.jpg

 

Con riferimento ai n. 4, 5 e 6, spesso furono considerati imitativi. Un esemplare è riportato dal DOC (TAV. VI, Thessalonica,  B30) ma spesso questa lettura fu confutata da coloro che ritenevano questo esemplare, che il DOC dava come unico, una contraffazione bulgara.

Successivamente comparve un esemplare di buona qualità e molto leggibile, posto in vendita da CNG:

 

http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=264985

 

Ne ho discusso con un numismatico ucraino, amico dell'importante numismatico Valentin Marchev (Orthodoxcoin nei forum), recentemente scomparso, il quale mi ha trasmesso tutte le argomentazioni addotte da Marchev a sostegno del fatto che fosse sicuramente un trachy di Alessio I, battuto da Tessalonica, coì come affermato dal DOC: le argomentazioni mi sono parse molto solide e quindi le faccio volentieri mie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antvwaIa

Il numismatico russo Alexander Korshenko, con il quale sono da qualche tempo in contatto per un altro tema, mi ha inviato una sua nota a proposito di trachy ritrovati nell'area di Cherson (o Chersoneso, nei pressi dell'attuale Sebastopoli, da non confondersi con Kherson, alla foce del Dniepr). Si tratta di un trachy integro e alcuni frammenti. Il materiale è stato consegnato ad un museo locale e Korshenko me ne ha inviato un disegno che lui stesso fece quando ebbe occasione di visionarlo e studiarlo:

 

33c3xj9.jpg

 

Alexander Korshenko scrive: "монета с именем Мануила была найдена на Мангупе, из четырех же остальных экземпляров (с именем Андроника) два точно происходят с городища Мангуп, два других найдены в юго-западном Крыму".

ovvero: "la moneta in nome di Manuele è stata trovata a Mangup, e delle altre quattro (in nome di Andronico), due a Mangup e le altre due si trovano nella Crimea sud-occidentale". Mangup era una fortezza sita a 14 km da Chersoneso.

Non riporto il testo russo per esibizionismo, ma semplicemente perché l'ho tradotto usando google e naturalmente non mi sento sicuro della mia traduzione; è invece possibile che arka conosca il russo e possa correggerla, se errata.

 

Nella stessa nota, Alexander Korshenko afferma: "Несмотря на сюжетное сходство с некоторыми монетами Палеологов, по технике изготовления крымские находки представляются более ранними. Их выпуск, видимо, можно датировать 40-60-ми гг. XIII в.".

ovvero: "Anche se il disegno mostra somiglianze con alcune monete dei Paleologhi, in base a quanto discusso in precedenza concludiamo che si tratta di una produzione della Crimea. La loro coniazione, a quanto pare, può essere datata tra gli anni 40-60 del XIII secolo."

Conclusione che non condivido, in quanto a mio vedere la moneta integra è un normale trachy di Manuele I della zecca di Costantinopoli, e i frammenti non li riporterei solamente al trachy di Andronico, ma ritengo che siano stati mescolati frammenti di trachy sia di Andronico, sia di Maneuele I, ma non vi sono elementi che possano far dire che si tratta di trachy imitativi: sono troppo frammentari.

 

Un'altra osservazione di Korshenko che mi è parsa molto interessante è la seguente: "Аккуратное разрезание крупной монеты на четыре части также могло быть сделано только с целью пополнения местного рынка привычной разменной монетой, по размеру напоминающей медные монеты Херсона IX-XI вв. и тетартероны Комнинов XII в."

ovvero: "Il taglio preciso di una moneta in quattro parti può essere fatto solo per ricostituire il mercato locale di spiccioli per le contrattazioni minute: le dimensioni delle monete di rame assomigliano a quelle in uso a Cherson nei secoli IX-XI  e ai tetarteri dei Comneni del XII secolo."

Questa osservazione mi pare molto interessante: che i trachy potessero essere spezzati in 4 e poi arrotondati per essere utilizzati quale nominale di valore ridotto: ovviamente ha bisogno di maggiori conferme, ma è un'ipotesi che mi pare che vada presa in seria considerazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antvwaIa

Il collezionista ucraino Vitaly Zarko, infine, mi ha comunicato il recentissimo ritrovamento nell'area di Dnepropetrovsk di un tesoretto databile al XII secolo nel quale sono presenti alcuni trachy, dei quali mi ha anche inviato la fotografia:

 

10rr9xu.jpg

 

Anche in questo caso è presente un esemplare del trachy di Alessio I della zecca di Tessalonica:

 

2vj4x93.jpg

 

Dnepropetrovsk (l'antica Ekaterinoslav) si trova sulle sponde del fiume Dniepr, nella parte centrale del suo corso ucraino.

 

Dunque è possibile concludere che in Ucraina e in Crimea circolarono i trachy dei Comneno-Angelidi e certamente anche quelli dell'impero di Nicea e di Tessalonica. Questo, ovviamente, non vuool dire che fossero coniati in tale regione.

Tuttavia tornerei alla foto n. 1 del secondo post, quella con l'angelo che incorona l'imperatore. E' un'iconografia originale, assolutamente non imitativa, né trovo alcun trachy che gli assomigli. Potrebbe essere quello un trachy di coniazione locale?

Vi rammento che nel XII secolo nasce l'effimero impero Rus di Kiev, che poi si sgretola frammentandosi in vari staterelli. Le monete del Rus di Kiev non sono rare e quindi non è impossibile, anche se non comprovata, la coniazione di un trachy.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×